• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Mondo > Grecia, 100mila in piazza ad Atene tra molotov e palazzi in fiamme. 54 (...)

Grecia, 100mila in piazza ad Atene tra molotov e palazzi in fiamme. 54 feriti, oltre 20 arresti

La Grecia al collasso è tutta nelle immagini che arrivano da piazza Syntagma e dintorni. Scontri di piazza durante le manifestazione indetta dai sindacati a cui partecipano oltre 100 mila persone (tra Atene e Salonicco), tra cui anche il compositore Mikis Theodorakis, proprio nelle ore precedenti il voto del Governo al durissimo piano d’austerity da 3,3 miliardi di euro, per ottenerne 130 per evitare il fallimento; tra i provvedimenti che dovranno essere votati: Deregulation, diminuzione del 20% del salario minimo e taglio delle pensioni, tagli a difesa, ospedali e autonomie locali.

Lanci di molotov e bombe carta contro gli agenti in assetto antisommossa che caricano e usano lacrimogeni. Sarebbero 54 i feriti recoverati per gli scontri, secondo il Ministero della Salute greco.
 
Matthew Chance corrispondente in Grecia della CNN a un certo punto sul suo twitter ha scritto: “Wow, sono stato gassato altre volte, ma mai come adesso. Ho gli occhi e la pelle che bruciano come l’inferno” e stando alle testimonianze sul posto sembra “che anche i deputati si stiano lamentando per il gas penetrato in parlamento” come scrive la corrispondente de La Stampa Tonia Mastrobuoni.
 
In Parlamento, il primo ministro Papademus si dice "addolorato" delle violenze in piazza. "Sporcano le manifestazioni", ha detto, "non possono trovare spazio in una democrazia".
 
Sono tanti, secondo le agenzie, i palazzi in fiamme nella capitale greca, tra questi anche la biblioteca dell'Università a via Stadiou. 
 
GUARDA LA DIRETTA VIDEO DALLA PIAZZA
 
Con l'hashtag #syntagma potete seguire la diretta twitter qui e con12fgr qui








Commenti all'articolo

  • Di Damiano Mazzotti (---.---.---.89) 12 febbraio 2012 23:24
    Damiano Mazzotti

    I governanti degli Stati Uniti non si rendono conto che potrebbero fare le fine della Grecia nell’arco di 12 mesi... Se tutte le banche commerciali americane e internazionali contrinueranno a comprare derivati e titoli di merda vari dalle 5 principali banche "d’affari" americane, entro l’anno quasi tutto il mondo occidentale sarà ridotto come la Grecia.

    Per salvare il salvabile tutte le banche del mondo dovrebbero smetterla di comprare titoli derivati e altri titoli truffaldini, lasciando le 5 banche d’affari a scannarsi tra di loro... E probabilmente avremmo risolto il 90 per cento dei nostri problemi...

    I titoli derivati sono una moderna versione matematica del gioco delle tre carte napoletano, che lo mette in quel posto a tutti quelli che gli lasciano i soldi in mano.
    E le banche stavolta rischiano grosso perchè saranno i prossimi grossi e facili bersagli della rabbia popolare.

    Ricordiamoci che a suo tempo tagliarono la testa a un re che si riteneva avesse l’investitura divina, per cui risulterà molto facile colpire a freddo e a caldo chi ricicla il denaro sporco o vende i titoli truffaldini di poveri miliardari che si credono di poter controllare il mondo. Presto dovranno fare la vita dei ricercati speciali, o diventeranno dei ricercati speciali anche i politici...

  • Di Damiano Mazzotti (---.---.---.89) 13 febbraio 2012 00:10
    Damiano Mazzotti

    E i lavoratori inutili o parassiti da licenziare non sono i dipendenti statali, ma gli operatori finanziari che rivendono aria fritta a costo zero e valore zero e titoli truffaldini che fanno affondare paesi, banche oneste e aziende sane.

    Chi lascia i propri risparmi o gli altrui risparmi in mano a gente simile è come un ricettatore che compra merce rubata o come un usuraio che specula sulle disgrazie altrui.

    Il diritto al credito finanziario dovrebbe essere un diritto umano garantito da qualsiasi stato civile a ogni cittadino fin dalla sua nascita, a garanzia della sua istruzione e formazione professionale.

  • Di (---.---.---.217) 13 febbraio 2012 10:51

    ...αρριωερ’ ιλ γιορνο ιν ψθι ψι σαρ’ λ-αλβα δελλα νθοωα ριωολθζιονε, ιλ ρισωεγλιο εσιστενζιαλε [ αλλε πορτε...

  • Di Nicola Spinella (---.---.---.222) 13 febbraio 2012 12:59
    Nicola Spinella

    Damiano, sono parecchio in accordo con quello che dici ma è anche vero che quei porci al parlamento di atene hanno distribuito impieghi pubblici a destra e manca per assicurarsi una clientela folta ed un congruo pacchetto di voti.


  • Di Damiano Mazzotti (---.---.---.127) 13 febbraio 2012 13:21
    Damiano Mazzotti

    Se hanno sbagliato i politici devono pagare i cittadini? Che chiedano i danni ai loro partiti e dirigenti politci e ai dirigenti della Goldman Sachs che hanno truccato e falsificato i bilanci dello Stato.

    Gli americani pensano di non dover mai pagare per i loro errori ma presto si troveranno la guerra civile in casa, anche e soprattutto perchè scateneranno ancora una volta una guerra internazionale dalle proporzioni abnormi, rispetto a quello che si potrebbe fare.

    Caro Nicola, prova a guardare su YouTube cosa hanno fatto i veri politici dell’Ecuador che hanno denunciato i contratti truffa stipulati con alcuni cattivi governanti americani molti anni fa... Hanno vinto la causa e ora non hanno problemi economici...

  • Di Damiano Mazzotti (---.---.---.127) 13 febbraio 2012 13:28
    Damiano Mazzotti

    Per essere più precisi, su www.youtube.com bisogna cercare "Ecuador dichiara illegale il suo debito estero":

  • Di Damiano Mazzotti (---.---.---.127) 13 febbraio 2012 13:34
    Damiano Mazzotti

    Se in Grecia esistessero politici con le palle avrebbero già impugnato legalmente i loro crediti legati agli usurai, per giunta disonesti della Golman Sachs, che per sfuggire a maggiori indagini relative ai loro commerci truffaldini hanno già pagato una grossa multa dopo le indagini del Congresso degli Stati Uniti. Anche negli Stati Uniti basta rubare, e poi pagare profumatamente dei bravi avvocati per pagare multe, per patteggiare e non andare in galera...

  • Di Nicola Spinella (---.---.---.21) 13 febbraio 2012 14:19
    Nicola Spinella

    In Grecia i politici, evidentemente, saranno collusi con il potere finanziario che sta tirando al fondo una nazione. E poi, come fai ad impugnare qualcosa contro Goldman Sachs? è come riscrivere il copione al regista... non penso che sarebbe molto d’accordo. Sennò che cosa glieli hanno messi a fare lì Monti e Papademos?



  • Di Damiano Mazzotti (---.---.---.33) 13 febbraio 2012 15:29
    Damiano Mazzotti

    Se qualcuno vuole trovare dei bravi avvocati e dei veri alleati li trova...

    Per l’Italia il discorso è diverso e per ora ha ancora delle discrete carte da giocare...

  • Di (---.---.---.117) 15 febbraio 2012 13:23

    il problema per il popolo greco, secondo me,non è ricercare di chi è la colpa che lì ha ridotti così,ma chiedersi fino a che punto vogliono tenersi la spada della paura del fallimento sulla capoccia e pagarne le esose conseguenze pur sapendo di essere già falliti,Grecia ribellati
    sei forte e bellissima, fallo per le generazioni future,per la tua storia,per la tua arte,manda al
    diavolo quel governo che non ti rappresenta più,fallo prima che le conseguenze siano più
    disastrose di come siano addesso!

  • Di (---.---.---.85) 21 febbraio 2013 00:53

    Perchè l’Italia deve andare al voto pribando gli Elettori della Verità sulla grecia, su come è stata ridotta per esclusivi poteri finanziari dettati da un governmo tecnico simile in tutto a quello italiano guidato da Monti? Perchè non lasciano libera la grecia di un bel default e permettere di ritrovare la Libertà, compresa quella di ricominciae dalle macerie così come fece, e il tempo le ha dato ampia ragione, l’Argentina? Perchè nessuno dice, salvo noi di IO AMO L’ITALIA, movimento politico di MAGDI CRISTIANO ALLAM, che la SOVRANITA’ MONETARIA e LEGISLATIVA avrebbe risolto ogni problema evitando questa assurda situazione? Perchè l’Europa non interviene e nulla dice di questa situazione quasi la grecia non appartenesse a questo sistema o quasi non meritasse attenzione? Perchè i poteri finanziari e politici, le lobby economiche pongono la moneta al centro e non il vero bene delle nazioni e quindi il bene dei cittadini, degli uomini! Centralità dell’Uomo/Cittadino, moneta al servizio dello stesso e non viceversa.

    • Di (---.---.---.6) 21 febbraio 2013 09:37

      Il problema non sta nelle banche, ma far capire alla gente, istruire la popolazione sul potere monetario. Esempio: eliminare il potere di emettere moneta ad istituti privati, agenzie di rating,la moneta come proprietà del portatore e non dell’istituto bancario che la emette a costo zero.Un cambiamento culturale e morale.

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares