• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Politica > Gianfranco Fini superstar

Gianfranco Fini superstar

Che lo si voglia o no, Gianfranco Fini è al centro del dibattito politico. Anzi, a dire il vero nessuno (o quasi) lo vorrebbe come argomento principe della discussione.

Che lo si voglia o no, Gianfranco Fini è al centro del dibattito politico. Anzi, a dire il vero nessuno (o quasi) lo vorrebbe come argomento principe della discussione.

Non lo vogliono i nostalgici della destra radicale, che vedono nel Presidente della Camera l’emblema del tradimento, il reprobo che ha “estinto” la tradizione missina e fossili vari.

Non lo vogliono i berlusconiani, e tante grazie… Per Berlusconi e accoliti, Fini è molto più del fumo negli occhi: è una nube nera che, minacciosa, incombe sulla presunta spiaggia rosa neanche a dirlo gestita dal Presidente del Consiglio. Non lo vuole neanche, a modo suo, Di Pietro, che diffida di uno che vuole la botte piena e la moglie ubriaca, vale a dire opporsi da una posizione privilegiata ottenuta grazie al supporto del tanto da lui osteggiato PDL. Non lo vuole nemmeno la sinistra radicale, che lo considera ancora il vecchio fascista di un tempo. Il PD, del resto, mantiene il classico atteggiamento ondivago, con la Bindi che apre a un’alleanza con FLI, la formazione di Fini, e con Bersani che amabilmente la smentisce.

Giusto Casini dice di “condividere quasi tutto”, aggiungendo subito dopo, quasi a non voler esaltare troppo il Presidente della Camera, che lui, Casini, ci era arrivato un bel po’ prima.

Anche se, a ben guardare, quell’«andiamo avanti» pronunciato a Mirabello lascia pensare che a Fini, apparentemente, non interessi tutto ciò. Lui tirerà dritto, pardon, proseguirà per la sua strada, insieme a chi avrà il coraggio di seguirlo.

Difficile farsi un giudizio sul Presidente della Camera. Certo, politicamente è sempre capace di stupire con quella sua abilità di superare situazioni ormai consolidate, almeno in apparenza.

Certo, è un oratore più che discreto. Si presenta bene, ispira fiducia. Anche solo a vederlo dà l’aria di una persona seria e determinata, con quella postura composta, quasi rigida, quella mimica netta, quel suo modo di parlare fluido e non pomposo.

E tuttavia fu lui a sciogliere le le correnti nella vecchia Alleanza Nazionale, nel 2004. Fu lui il primo a volere un partito che avesse nel leader non solo il punto di riferimento, ma anche l’ortodossia. Praticamente ciò che ora rimprovera a Berlusconi.

Fini è l’uomo delle svolte: quella di Fiuggi, per esempio; o quella di Mirabello, recentissima.

E’ un uomo autenticamente politico, nel senso che è camaleontico, tattico. All’annuncio della nascita del PDL – la cosiddetta “rivoluzione del predellino” – liquidò la cosa parlando di “comiche finali” e rifiutandosi di aderire al progetto. Salvo poi ricredersi rapidissimamente e diventare il cofondatore del partito dal quale è stato cacciato.

Camaleonte, rigoroso e affabulatore. In una parola, pericoloso.

Ed è proprio questa la ragione per cui è difficile giudicare, ora e mai più, Gianfranco Fini, l’uomo delle svolte.

Ciò che conta allo stato attuale è che il suo operato consenta di danneggiare Silvio Berlusconi e, possibilmente, di mandarlo a casa. Il resto lo scopriremo poi.

Commenti all'articolo

  • Di pv21 (---.---.---.23) 8 settembre 2010 12:41

    Stiamo al merito. FINI ha elencato parti del programma elettorale rimaste "promessa" della maggioranza più solida e forte dell’intera storia Repubblicana. Dalla riforma Istituzionale alla riduzione dei costi della politica (vedi province), dalla riduzione delle tasse alla riforma fiscale (es. quoziente familiare), ecc. Ha chiesto che fine ha fatto quel Decreto Anti Corruzione approdato al CdM da oltre 6 mesi o la nomina del Ministro Sviluppo Economico "latitante" da oltre 4 mesi. Questo significa tentare di ridare "dignità" alla politica misurata sulla capacità di promuovere l’interesse-bene collettivo. Al di là delle soluzioni proposte, condivisibili o non. Altrimenti vince quella casta di Primi SUPER Cives attenta solo a privilegi, interessi e immunità. Altrimenti primeggia il Consenso SURROGATO di chi ha fede e si affida all’imprinting mediatico ... 

  • Di (---.---.---.2) 8 settembre 2010 14:37

    Credo che anche alla C.Europea con tutta questa sceneggiata o farsa che dir si voglia, si stiano scompisciandosi di risate !

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares