• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tribuna Libera > Evasione fiscale. Cause e rimedi

Evasione fiscale. Cause e rimedi

L’evasione fiscale esiste ovunque, ma nel nostro Paese si presenta con diffusione abnorme. Questo fenomeno è assai grave e determina una serie di conseguenze. Prima fra tutte una cocente ingiustizia sociale, in quanto a sostenere i costi della cosa pubblica è soprattutto una fascia circoscritta di cittadini che, di norma, non nuotano nell’oro e che, a differenza di altre categorie, non hanno alcuna possibilità di difendersi: pensionati e lavoratori dipendenti, le categorie di cittadini a reddito fisso, già pesantemente depauperate dall’avvento dell’EURO, e inermi contro l’inflazione che si preannuncia assai più incisiva che in passato.

Davvero gli Italiani sono un popolo di evasori incalliti senza paragoni altrove? Apparentemente sembrerebbe di sì e i dati lo dimostrano senza ombra di dubbio. Tuttavia, dietro ad ogni fenomeno vi è necessariamente una causa. Se il fenomeno non ci piace anche perché i danni che genera sono pesanti, cerchiamo di individuarne la causa. La pressione fiscale che opprime gli Italiani, non tutti, ma coloro ai quali non è concesso evadere, è la più elevata dell’intera Europa. Lo stesso Attilio Befera direttore generale dell’Agenzia delle Entrate, ha dovuto ammettere che a carico di certi imprenditori, raggiunge il settanta per cento del reddito. La media comunque si attesta in prossimità del cinquanta per cento e oltre. Est modus in rebus! A questi livelli anziché parlare di prelievo fiscale, è più appropriato parlare di rapina di Stato ai danni non di tutti, ma dei soliti noti.

Stando così le cose, in molti casi, anche se non in tutti, evadere è legittima difesa! Molti piccoli imprenditori, artigiani, già gravati dai costi dell’energia, delle infrastrutture, della benzina, dei fitti, dei servizi, che pur eludendo gli adempimenti fiscali a stento sopravvivono, se stanati dovrebbero dichiarare fallimento e ugualmente continuerebbero a non poter pagare le tasse e per di più, cadrebbero a carico dell’assistenza pubblica. Se inoltre rapportiamo i servizi che lo Stato offre a fronte di quanto pretende, non possiamo non constatare che la sproporzione è inaccettabile: il servizio Giustizia è pessimo, per questo lo Stato viene sanzionato dalla C.E. ed è la prima causa del nostro dissesto economico, sociale e politico. Le infrastrutture sono assolutamente inadeguate e per quanto riguarda le strade, tale inadeguatezza genera un gran numero d’incidenti dal drammatico tributo di sangue. Se poi ci aggiungiamo lo sfascio della scuola, una pubblica amministrazione pletorica e inefficiente, risulta chiara la tentazione di evadere all’obbligo di un prelievo del tutto spropositato.

Per spezzare questa catena perversa, la strada è una sola: ridurre il peso del prelievo fiscale e rimuovere i numerosi ostacoli che impediscono, di fatto, di esplicare una qualsiasi attività imprenditoriale. In un Paese immobile, che non produce, nel quale la forza lavoro, oberata di gabelle e adempimenti astrusi, è inferiore al trentacinque per cento della popolazione, parlare di risparmiare è assurdo. Chi deve risparmiare? i disoccupati? Il governo fa credere che spread e debito pubblico siano i nostri problemi, risolvibili con l’aumento delle imposte e con il risparmio. Purtroppo gran parte della popolazione ci crede. Molti sono convinti che i sacrifici ai quali siamo sottoposti, proprio perché particolarmente gravosi, ci salveranno. Questo è un modo di ragionare semplicistico e piuttosto primitivo che cerca di giustificare la selvaggia spremuta del contribuente. Bisogna sopportare il bruciore dell’alcol sulla ferita in quanto è segno che disinfetta.

Inoltre si fa credere che ridimensionando i costi della politica risolveremmo ogni difficoltà. Questi sono trucchi che nella strategia militare si chiamano, manovre diversive, studiate per confondere le idee al nemico affinché lo si possa attaccare prima che se ne avveda. Non vi è dubbio che gli scandali, i guadagni spropositati dei politici ci turbano, chiamano vendetta e invocano sistemi e procedure che consentano di certificare ogni spesa e renderla accessibile agli organi di controllo e a tutti i cittadini. Tuttavia, ciò potrà placare la nostra emotività, ma non è la panacea che guarisce da tutti i mali.

I sacrifici cui il governo ci sta assoggettando, sono essi stessi causa di disastro economico, di recessione. Monti si dice soddisfatto del lavoro svolto e ottimista sul futuro. Tutti i dati disponibili dicono il contrario. C’è da scommettere che il futuro sarà peggiore del presente. Contribuenti di tutta l’Italia, unitevi! Proclamate lo sciopero fiscale! Signori del governo, questo o il prossimo, volete che paghiamo le tasse? Rimuovete gli ostacoli, riformate la macchina giudiziaria, adeguate le infrastrutture, consentiteci di lavorare e i denari arriveranno per noi e per voi.

Commenti all'articolo

  • Di (---.---.---.111) 28 settembre 2012 12:13

    Tutto giusto, aggiungerei: un imprenditore che non evade muore anche perchè altri imprenditori, evadendo, fanno concorrenza, sleale ovviamente.
    I controlli sono quantitativamente "assolutamente insufficienti" e quandanche questi evasori fossero scoperti, fra tattiche dilatorie e ricorsi, passa così tanto tempo che intanto hanno già riciclato la loro attività.
    In quanto a Monti, sa benissimo dove sta portando il nostro Paese, il problema è che non lo sappiamo noi. C’è comunque da scommettere che andrà peggio.
    Se però pensa che una Azienda non verserà in contributi dei dipendenti si sbaglia di grosso. Finchè ce la facciamo paghiamo perchè il penale è dell’imprenditore. ( la maggior parte delle tasse le pagano i dipendenti tramite l’azienda).
    Enzo

  • Di (---.---.---.137) 29 settembre 2012 04:16

    La francia ha deciso di tassare i ricchi al 74%, sono dei masochisti. In europa ci sono una decina di paradisi fiscali, chi li vuole? Credo i poteri forti, il popolo paga il 68% in italia, ma chi ha soldi il 5-10%. Io credo che i politici europei siano pagati da questi stati di furbi, che campano sull’incompetenza degli amministratori pubblici, veri incapaci, truffaldini e pagliacci del nord europa. In scandinavia danno stipendi di 2000 euro ai rifugiati, gente che se ne frega dei loro paesi o senno a chiacchere li critica. italia, eu, usa, i paesi dei furbi ricchi e dei popoli bue.

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares