• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Politica > Esperimento di buonismo in vista delle politiche: cercare i lati positivi (...)

Esperimento di buonismo in vista delle politiche: cercare i lati positivi dei contendenti

Più la data delle elezioni si avvicina, più il dibattito elettorale s’incattivisce e più ancora i supporters delle diverse parti in gioco producono fumo per confondere la vista e gli altri sensi dello sventurato elettore col fine di celare la (scarsa?) capacità delle varie forze politiche di disquisire su argomenti concreti, facendo in modo che alla platea arrivino possibilmente solo slogan; agenzie specializzate nel campo pubblicitario incrementano in questo periodo il proprio portafoglio ordini svolgendo ricerche di “mercato” commissionate dai partiti, non dissimili da quelle per la mozzarella o i tarallucci, consigliando e indirizzando le campagne elettorali dei committenti i quali impartiranno di conseguenza gli input alle proprie truppe.

Tra i supporters, i più attivi e cattivi sembrano essere i grillini i quali non ne lasciano passare una su qualsiasi social-network, forse su suggerimento di papà Grillo, convinto che le elezioni si vincano on-line. Proseguiamo, dunque, con la panoramica buonista dei soggetti in campo, sforzandoci di trovare il positivo di ognuno.

Iniziamo con la new entry Antonio Ingroia e il suo movimento Rivoluzione civile. L’uomo ha una faccia e un vissuto presentabili, inoltre è riuscito a coinvolgere in un unico progetto la folta, in simboli, scarsa in voti, platea di movimenti e partitelli di sinistra e non solo. Altro merito da non sottovalutare, l’aver costretto il PD a fare qualche passo verso sinistra.
 
Veniamo al PD. Cosa dire, se non che su questo partito si riversano le speranze della maggioranza relativa degli elettori, speranzosi in qualcosa di diverso e più equo rispetto al passato. Allo stato attuale è l’unica formazione politica a poter garantire la tanto agognata governabilità e attraverso questa, perché no, qualche tentativo d’uscita dalla crisi.
 
Monti? È riuscito a fare al centro, ma solo a metà, quanto realizzato da Ingroia a sinistra. Nonostante il mezzo fallimento del suo progetto politico, riesce a gasarsi e inizia ad aggredire, ma con aplomb, tutti gli avversari, dimostrando una incredibile capacità di eludere, e se è il caso negare, ogni sua pecca e magagna, per quanto oggettivamente dimostrabile.
 
Altra new entry, questo tale Oscar Giannino del quale va assolutamente apprezzato il coraggio di presentarsi con quella faccia degna di una maschera da commedia dell’arte, tale da ispirare buonumore e, forse, anche ilarità, senza neppure ascoltarne il programma politico. E siccome ridere fa bene alla salute, diamogli il benvenuto, sperando di non dover piangere dopo.
 
Entrati, così, nell’area dei comici, eccoci al comico per eccellenza Beppe Grillo. L’innegabile merito di costui sta nell’aver smosso le acque nello stagno pieno di guano della politica italiana. Bisogna anche riconoscergli una professionalità non comune nel tentare di dar da bere alla gente che lui gli schizzi di guano li ha evitati.
 
È il momento del PDL. Questo partito ha il merito di… il merito di… il merito di… Boh! Si finga, per voler esagerare in buonismo, che qualche merito lo abbia perfino il PDL, fosse anche una nuova barzelletta del cavaliere.
 
Esperimento riuscito? Ma va’! A scrivere certe cose prudono i polpastrelli. Si può dire qualcosa di buonista riferito a un Monti e a un Grillo uniti, guarda caso, nel demonizzare i sindacati dei lavoratori, in particolare la CGIL, unica organizzazione ad aver messo sul tavolo un programma concreto e realizzabile ai fini dello sviluppo economico e dell’incremento dell’occupazione, soprattutto quella stabile e duratura? E che dire sempre di questi due, inviatici dalla Provvidenza (verrebbe da chiedersi il perché questa benedetta Provvidenza non si faccia i fatti suoi, almeno qualche volta) pronti a bacchettare, seppur con diverso approccio, chiunque non stia dalla loro parte, insofferenti come non mai alle critiche rivolte nei loro confronti.

Guai a voler ricordare a Grillo la propria arrabbiatura in occasione della pubblicazione delle denunce dei redditi. Rendere di pubblico dominio la misura dei ricavi, ammontanti a diversi milioni di Euro l’anno, derivanti dall’attività politica svolta tramite il suo sito, lo rese a suo tempo furente. Sarà questa una delle ragioni per le quali non si fa eleggere in Parlamento, in modo da non essere costretto a rendere pubblico annualmente il proprio reddito e il sistema attraverso cui lo ottiene? Eppure dovrebbe essere tutto legale.

Mai ricordare a Monti i suoi trascorsi e le attuali appartenenze a certe consorterie, nonché l’infinita sfilza di scelte dagli esiti a dir poco discutibili, oppure la candidatura nelle sue liste di un noto personaggio, sino a ieri ai vertici della banca MPS, corresponsabile in prima persona del disastro in questione. Questo non gli impedisce di attaccare sull’argomento il Partito Democratico con toni virulenti, ma sempre con aplomb. Qualora qualcuno provi a inserire un post con tali contenuti, o roba similare, sui rispettivi siti e profili Facebook o Twitter dei nostri due eroi in questione, si ritroverà immediatamente cancellato (leggi censurato). Che dire, poi, di Berlusconi il quale, mostrando imperterrito la sua notoria faccia di bronzo, ora ossidata all’inverosimile, ripropone agli italiani la farsa del “contratto”, dimostrando di aver perso perfino la fantasia che, per sua scalogna, non è trapiantabile al pari dei peli sul cranio. Poveretto, com’è invecchiato. La sparata, in occasione della Giornata della Memoria, circa i meriti del Duce, poi…
 
È incredibile quanto ancora prudano i polpastrelli, impazienti di mettere nero su bianco una ulteriore, infinita sfilza di nefandezze e miserie dello zoo politico. Lo spazio non lo consente. Pazienza. Prendiamo atto del fallimento dell’esperimento buonista, e così sia. Meglio una sana dose di cattiveria, almeno sinché ci sarà consentito.
 
P.S. per i cultori della lingua: uso volutamente il plurale nei termini inglesi, quando necessita e non in tutti i casi, nonostante ciò sia avversato dai “puristi”.
 

Commenti all'articolo

  • Di (---.---.---.58) 28 gennaio 2013 14:20

    Caro Sanna, leggo e non posso fare a meno di pensare che lei, non mi aiuta a capire. E non solo per le due righe che dedica a "papà Grillo". Dunque, tutti in cerca di voti, con grande produzione di fumo, condito di buonismo, al fine di nascondere magagne e carenze dei propri beniamini. Ma non crede che lei, stia usando lo stesso metodo? Stando a quanto scrive, specie a proposito del pd: 

    "Allo stato attuale, l’unica formazione politica a poter garantire la tanto agognata governabilità e attraverso questa, perché no, qualche tentativo d’uscita dalla crisi."
     Non crede sia questa, una "fumata" tossica, lanciata all’indirizzo di chi legge, e quindi degli elettori? E senza andar lontano, limitandoci ai fatti di questi giorni?
    Avrei dovuto premettere che sono un disoccupato cinquantenne con un cv di cinque pagine, che ha per vizio la lettura ed una repulsione fisica per tutto ciò che è politica, specie quella degli ultimi quaranta anni. Leggendo, ho avuto l’impressione di ascoltare una delle tante cassandre che querulano intorno a non-notizie, come quella riportata su Grillo e la dichiarazione dei redditi. Se desidera far le pulci al movimento, lo faccia con argomenti un pò più succosi, capaci di farmi ragionare sulle scelte che ho fatto per motivarne il mio voto. Sono per un ragionamento vero, sull’argomento, avendo a disposizione, seppur controvoglia, tempo ed energie, per ascoltarla e perchè no?, provare a mettere in discussione le idee che mi sono fatto su quanto sta accadendo alla democrazia in Italia. Ma credo sia importante evitare l’esercizio della confusione, o come lo chiama lei, il fumo negli occhi al sapore di buonismo. Saluti
    • Di (---.---.---.5) 28 gennaio 2013 15:04

      Mi permetta di esprimerle, e non per piaggeria, l’apprezzamento per il suo intervento. Lei, data l’età che, da quanto scrive, presumo simile alla mia, ha un "vissuto" in grado di farle comprendere molto bene, al di là di ogni impeto giovanile, quali siano le "briciole sotto il tappeto" che ogni soggetto politico tende a celare, ancor più in prossimità delle elezioni. Manifestai simpatia, agli esordi, per il movimento di Grillo. Ci vollero pochi mesi, però, per farmi render conto che si tratta della peggiore e più pericolosa iniziativa politico-mediatica in campo, con potenzialità distruttive per la democrazia. Ecco perché mi turerò il naso e voterò PD, oggi il male minore. Ha letto il programma del Movimento 5 Stelle? Provi a "sollevare il tappeto" su ogni punto, analizzi le briciole che ci sono nascoste e, forse, converrà con me. Comunque, grazie per il commento. Cordiali saluti.

  • Di (---.---.---.52) 28 gennaio 2013 19:36

    Rischiatutto >

    Il potere d’acquisto delle pensioni più modeste è in continuo forte calo per l’effetto combinato della mancata rivalutazione al costo della vita e dell’aumento delle addizionali locali.
    Sono ancora da trovare 9 miliardi di euro per 150.000 “esodati” tuttora misconosciuti.
    Senza contare il maggior onere della prossima Tares e dell’ulteriore incremento dell’Iva sui beni di largo consumo.

    Per Monti non è problema.
    Se vincerà le elezioni, “si impegna” da subito a raddoppiare le detrazioni per l’Imu. Dal 2014 ridurrà l’Irap ed alleggerirà le aliquote dell’Irpef.
    Purchè, precisa, venga “bloccata” per 5 anni la spesa pubblica corrente. Come? Ce lo farà sapere.

    Monti afferma di “rischiare tutto” salendo in politica.
    Intanto prova a far dimenticare quella sequela di sacrifici (“necessari”) da lui imposti per l’intero anno di governo.
    Forse è Tutta colpa di “Carosello” se anche in politica contano gli spot

    • Di (---.---.---.5) 28 gennaio 2013 19:50

      Concordo. E’ tutta colpa di Carosello. Nulla mi sembra più appropriato del rimando al grande Petrolini. Ricordate la scenetta "... e Roma risorgerà più bella e più grande che pria... Bravo! Grazie!" ? C’è dentro tutto il 2013, con l’anticipo di tre quarti di secolo.


Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares