• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Home page > Attualità > Dallo scandalo della Maddalena al sisma dell’Aquila

Dallo scandalo della Maddalena al sisma dell’Aquila

Guido Bertolaso, sottosegretario alla presidenza del Consiglio, commissario per l’emergenza in Abruzzo fino al 30 gennaio 2010 e "deus ex machina" , si è dimesso da Capo della Protezione Civile a seguito dell’inchiesta sugli appalti del G8 a La Maddalena (Sardegna).

Dallo scandalo della Maddalena al sisma dell'Aquila

In questi nove mesi abbiamo continuamente sottolineato che il progetto C.A.S.E. aveva implicazioni distruttive del territorio con i suoi 19 insediamenti e denunciato gli alti costi del progetto stesso (2.850 euri al mq). In questi mesi, sulla pelle degli aquilani, si è sperimentata una legislazione d’emergenza e con semplici ordinanze si è potuto fare di tutto, compreso l’ingresso della famiglie mafiose nel nostroterritorio.

A nove mesi dal sisma vi sono ancora troppe persone che non rientrano in Città ed ogni giorno si spendono circa 450.000 euri al giorno. Con i soldi pubblici il sottosegretario s’è creato un’immagine popolare tra la nostra gente e ci auguriamo che l’ipnotizzazione finisca e si prenda coscienza che sul nostro territorio s’è abbattuto un altro terremoto.

Non è nostra abitudine gridare allo scandalo e pensiamo che la magistratura quando intraprende un’azione, essa è sempre basata su elementi obiettivi e riscontrabili. Perciò diamo atto che il sottosegretario Guido Bertolaso nel momento in cui ha rimesso al Presidente del Consiglio tutti i suoi incarichi ha rotto il giocattolo del Presidente stesso che, di fronte ad ogni operazione della magistratura, grida allo scandalo e al golpe. Nel contempo prendiamo atto dell’atteggiamento liquidatorio del sottosegretario alla Presidenza Gianni Letta che a conclusione di una brevissima conferenza stampa ha chiuso “...sono convinto che Bertolaso potrà chiarire ogni cosa...”. Così come non ci sorprende il rifiuto delle dimissioni da parte del Presidente del Consiglio. Ci auguriamo solo che le dimissioni di Bertolaso diventino irrevocabili.

Lo scandalo è avvenuto in Sardegna ma riteniamo che la vera partita si giocherà un’altra volta in casa nostra, soprattutto per le implicazioni e ricadute politiche che avrà questa inchiesta. A questo punto non abbiamo parole per i quattro consiglieri comunali che hanno promosso il gruppo “Rialzati L’Aquila” con la proposta di cittadinanza onoraria al Sottosegretario e speriamo che, almeno in questa occasione, abbiano il buon senso di stare zitti.

Nel frattempo rilanciamo la proposta del Presidente del Consiglio comunale, Carlo Benedetti, di concedere la cittadinanza onoraria ai Vigili del Fuoco che in questi mesi sono stati i veri protagonisti.

Commenti all'articolo

  • Di (---.---.---.60) 12 febbraio 2010 11:04

    Ha ragione il presidente SORU la SARDEGNA si deve costituire parte civile.Solo così possiamo riacquistare quella dignità calpestata da berlusconi bertolaso e cappellacci.Ora mi spiego tutto l’impegno posto per fare eleggere il sardomuto ugo,c’erano molti affari in vista ed era neccessario eliminare il supervisore e protettore della SARDEGNA quale era, ed è ,RENATO SORU.Ora qualcuno si renderà conto degli sbagli fatti e a riflettere bene prima votare perchè ho l’impressione che sia una delle poche libertà che ci è rimasta.

  • Di pv21 (---.---.---.216) 12 febbraio 2010 18:17

    L’impresa epocale è stata quella di "fondere" nell’immaginario collettivo la fase di soccorso ai terremotati con il G8-realtà contro reality. Un vero capolavoro della tecnica mediatica "fondere" la vera emergenza dei terremotati abruzzesi con un appuntamento istituzionale da tempo conosciuto. Il tutto al grido: solidarietà e sobrietà. La "sobrietà" di una città fantasma tutta da ricostruire con lo strascico delle "cattedrali vuote" della Maddalena.
    (=> http://forum.wineuropa.it

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares