• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Economia > Credito al consumo: tassi d’usura, poca trasparenza e nessuna tutela per il (...)

Credito al consumo: tassi d’usura, poca trasparenza e nessuna tutela per il consumatore

Il Parlamento dopo un doveroso monitoraggio dell’attività svolta dalla selva d’intermediari, che offrono prestiti personali e carte revolving, ha finalmente preso coscienza della gravissima anomalia Italiana. Verranno effettuati più controlli in particolar modo dalla Banca d’Italia, aumentate le sanzioni in maniera significativa per gli intermediari scorretti e ci saranno norme molto più stringenti che regolamenteranno questo delicato settore.

Ora, fermo restando che il credito è uno strumento necessario per il corretto funzionamento di un qualsiasi Stato è altrettanto vero che le società finanziarie, spesso emanazione di gruppi bancari istituite per svolgere il lavoro “sporco”, operano senza nessuna etica ed a volte addirittura applicando tassi d’usura.

Al primo posto nella scala della vergogna ci sono le cosiddette carte revolving, a tal proposito più volte ho avuto modo di scrivere sull’assoluta pericolosità e follia di tale strumento. Le carte revolving costringono i malcapitati e sprovveduti utilizzatori a pagare tassi medi superiori al 25% con punte che superano addirittura il 50%. Tutto ciò è stato appurato dal Parlamento che provvederà a regolamentare in maniera ferrea tale strumento. Mi auguro però che il Parlamento provveda a vietare categoricamente l’impiego delle carte revolving in Italia, considerato quante persone sono finite sul lastrico in USA proprio per un uso disinvolto di questo sistema di credito.

Anche il credito al consumo tradizionale si è dimostrato però più costoso che nel resto della UE; soprattutto i contratti che, quasi sempre, contengono clausole palesemente vessatorie e spese accessorie non giustificate. Anche in questo caso una precisa regolamentazione del mercato e maggiori poteri sanzionatori saranno di assoluto beneficio per tutti i cittadini.

È il momento di moralizzare gli operatori del ricchissimo mercato del credito al consumo, solo operando con etica professionale e rispettando i clienti si può coniugare il giusto profitto, che chiaramente una qualsiasi azienda deve ottenere, con una piena e trasparente correttezza nei confronti dei cittadini. Non manca però una certa nota di biasimo nei confronti di tutti quegli Italiani sprovveduti, che in mancanza di denaro ricorrono al credito al consumo in modo eccessivamente disinvolto ed improprio per poi ritrovarsi in stato di grave sofferenza. Ciò non aiuta l’economia, al contrario la rende sempre più debole.

Commenti all'articolo

  • Di Damiano Mazzotti (---.---.---.186) 24 febbraio 2010 11:08
    Damiano Mazzotti

    Per me è il momento di capire che è l’attività usuraia di banchieri e finanzieri che ci ha condotto a questa crisi e che sta esasperando le imprese e causando i licenziamenti..

    Anche gli stati e i politici sono diventati marionette in mano ai banchieri...

    Ma forse il sistema crollerà da solo poichè è matemticamente insostenibile...

    L’unico problema è che tutti questi vecchi parassiti si sono succhiati e rubati i soldi di tre generazioni... E i giovani non staranno a soffrire e a guardare per sempre...

    Siamo forse alla vigilia di una guerra civile generazionale internazionale...

  • Di (---.---.---.255) 24 febbraio 2010 18:27

    Forse è più una guerra di classe quella che stà arrivando,quella fra super ricchi e noi,persone normali.
    Ma sono sicuro che i super ricchi riusciranno a sfruttare il naturale menefreghismo e l’innato opportunismo della gente per farci scannare gli uni contro gli altri oppure per creare uno Stato di polizia e reprimere ogni obbiezione con la forza.
    Tanto la gente continua a farsi gli affari propri ed ad aspettare la manna dal cielo o la benevolenza di questo o quel politico.

  • Di pv21 (---.---.---.136) 24 febbraio 2010 19:14

    Ormai per chi ha il potere tutto diventa fattibile. Si parla e si legifera su tutto, ma nessuno sembra vedere la Crisi- Atto secondo che macina record di famiglie indebitare, imprese a rischio chiusura e disoccupazione sopra il 10%. Il problema è uno "stato di polizia" che fa certe intercettazioni di comitati d’affari, corruttori, evasori ecc. Sembrano Riflessi e Riflessioni di neuroni "specchio" da tempo sconnessi ... (altro ancora => http://forum.wineuropa.it

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares