• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tribuna Libera > Costa Concordia. Sicuri che sia turismo macabro?

Costa Concordia. Sicuri che sia turismo macabro?

Il relitto della Costa Concordia adagiato sulla scogliera dell’isola Del Giglio, continua a registrare folle di curiosi che vengono anche da lontano per osservarlo dal vero, e fotografarlo con le fotocamere di cui oggi tutti sono dotati.

Fino a non molto tempo addietro si diceva che i turisti giapponesi fotografavano per copiare. Non si capisce cosa visto che i giapponesi erano all’avanguardia della tecnologia e, casomai erano loro ad essere copiati.

Un fatto così eclatante come quello di una lussuosa nave da crociera lunga quasi trecento metri, semiaffondata, vicinissima al porto non c’è dubbio che non capiti spesso, anzi possiamo dire che questo è uno spettacolo più unico che raro ed è quindi del tutto comprensibile, nonché lecito, che attiri la curiosità di molti. Sarebbe assai strano il contrario.

Si legge o si sente dire che questa è curiosità macabra. E’ certamente vero che nel naufragio della nave hanno perso la vita alcune decine di persone, ma la gente non sta certo andando sul posto per fotografare spoglie di vittime.

Secondo alcuni diffusi luoghi comuni, gli Italiani sono esuberanti socievoli ecc. Nulla di più falso. Il motto di molti Italiani è: “Io mi faccio i fatti miei”. Le tre scimmiette, non vedo, non sento, non parlo la dicono lunga sull’indole della gente. Quando una famiglia di Italiani va a insediarsi nella casa nuova la prima cosa che fa, è piazzare tende per nascondersi. Per la privacy dicono. Se vanno ad abitare in una villetta, la circondano di alti muri e siepi impenetrabili. Altrove, in Svizzera, Austria, Germania i proprietari di ville e villette, ricche di magnifiche aiuole fiorite, sono orgogliosi di esporle alla vista dei passanti senza alcun muro di recinzione.

Il popolo napoletano sotto quest’aspetto costituisce una lodevole eccezione. Loro sì che sono esuberanti socievoli e solidali. Se vi trovate a Napoli e vi capita una panne alla vostra vettura oppure un qualsiasi problema, tutti i passanti s’interesseranno a voi meglio di quanto farebbero i vostri parenti e si prodigheranno per togliervi dall’impaccio. Questo, signori miei, è calore umano.

Si è dato il caso di cadaveri di affogati adagiati sulla spiaggia e di bagnanti sdraiati a brevissima distanza a prendere tranquillamente il sole o a consumare il pranzo al sacco. Questa è indifferenza, è macabro cinismo.

L’hobby della fotografia è utile in quanto induce ad osservare con attenzione il mondo che ci circonda e quindi a cogliere la bellezza estetica di un fiore, di un tramonto, di un gattino che gioca o un fatto inusuale da ricordare o da mostrare a chi non ha potuto vederlo. Appunto, come lo spettacolo straordinario, cioè non ordinario, di una nave lunga quasi trecento metri spiaggiata come per prendere il sole.

Ma torniamo al perché dell’accaduto. Si vorrebbe vietare l’usanza del cosiddetto inchino. L’attuale governo ha appena finito di eliminare oltre trecento leggi inutili e già ricominciamo. Se è questo che piace e tranquillizza, facciamone una per tutte: “E’ vietato tutto”.

Ciò che veramente bisognerebbe vietare è l’incompetenza, la superficialità, l’irresponsabilità. Ma questo è un discorso lungo e sgradevole. Si sta discutendo sul togliere il valore legale ai titoli di studio così come avviene nel mondo anglosassone, sede delle più prestigiose università fucine di cervelli e di premi nobel.

Questa sì che sarebbe una riforma utile.

Commenti all'articolo

  • Di (---.---.---.230) 6 febbraio 2012 08:22

    Beh, è l’effetto "io c’ero", avere qualcosa da raccontare ai nipotini in vecchiaia.


    Cinismo a parte, credo che all’isola del Giglio un certo tipo di turismo non faccia poi tanto schifo, porta comunque soldi. Immagino sia oggettivo.

    E guardando le cose in prospettiva, nel lungo periodo rispetto al quale la dimensione emotiva sarà scemata nell’oblio, la Concordia, specie se affonderà negli abissi invece di essere recuperata e trainata a riva, diventerà uno dei relitti sui quali è tanto figo fare immersione subacquea, turismo ricreativo, e nessuno ci trova niente di strano, anzi è considerato un hobby bello assai. Il nostro mare è pieno di relitti e credo che nessuno si scandalizzi all’idea di immergersi e scattare foto bellissime di spugne e pesci che ne hanno colonizzato lo scafo, trasformando la morte in nuova vita. C’è chi certe immagini le posta addirittura su flickr e sotto i commenti sono sulla qualità tecnica della foto, mica su altro. Eppure magari su quel relitto, anni addietro, magari centinaia di anni addietro, qualcuno c’è morto. Oggi è solo una meta turistica e non si pensa ai cadaveri ha comportato.

    La Costa Concordia sarà qualcosa di diverso tra 70 anni? Non è cinismo il mio, succede già oggi, le immersioni sui relitti già esistono. Chi ci si tuffa ci pensa mai che forse ci è morto qualcuno?
    • Di (---.---.---.156) 6 febbraio 2012 11:54

      Tutti sanno che la pubblicità è l’anima del commercio. La Costa Concordia di pubblicità a favore del Giglio ne ha fatta tanta, e a caro prezzo, quindi anche se i gigliesi devono sopportare nel breve qualche inconveniente, ne avranno dei ritorni considerevoli, e bando alle ipocrisie,.
      Piuttosto, attenzione! quasi sempre in occasione di catastrofi spuntano fuori gli sciacalli che dalle disgrazie cercano di tranre vantaggi. Mi riferiscono ai ladri che dopo i terremoti si precipitano a fare razzie nelle case abbandonate o a coloro, sindaci compresi che chiedono risarcimenti discutibili.
      Condivido il commento che mi appare anonimo non per colpa dell’estensore. Propongo ad AGORAVOX che tutti i ciommenti siano firmati con nome, cognome e città.
      Cesare Zaccaria - Anzio 

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares