Fermer

  • AgoraVox su Twitter
  • RSS

 Home page > Attualità > Mondo > Cina: controllo delle nascite, necessità o tabù

Cina: controllo delle nascite, necessità o tabù

O ci pensiamo noi o ci penserà la natura. O saremo in grado di controllare il boom demografico o qualche cataclisma si abbatterà su di noi, decimando drasticamente la popolazione mondiale.

Un articolo dello scienziato statunitense John Feeney per il sito della BBC parla di “collasso ecologico” prossimo venturo, riferendosi alla sovrappopolazione planetaria.
Abbiamo oltrepassato le “capacità di carico” della Terra - questo il sunto del ragionamento - e dobbiamo porci seriamente il problema. Altre estinzioni sono lì a insegnarcelo.

Ma il punto è: perché nessuno ne parla? I problemi connessi al controllo delle nascite - vedi la politica del figlio unico in Cina - non devono far sì che discuterne diventi un tabù, osserva Feeney, pena la fine della nostra specie.


Oltre Muraglia, la politica demografica lanciata nel 1979 ha fatto sì che oggi i cinesi siano 300 milioni in meno di quanti sarebbero in caso di incremento non regolato. Tuttavia, si pone ora un problema di eccessivo invecchiamento della popolazione (senza un adeguato sistema pensionistico). In prospettiva, il Dragone dovrà inoltre rivedere il proprio modello di sviluppo economico, basato sull’enorme disponibilità di manodopera a basso prezzo proveniente soprattutto dalle campagne.

Per promuovere la discussione sull’argomento, lo scienziato Usa ha lanciato la campagna Global Population Speak Out, che riunisce oltre 100 autorevoli voci da 19 Paesi, impegnate a dibattere pubblicamente di problemi demografici durante tutto il mese di febbraio 2009.

Molti ritengono che il controllo dell’incremento della popolazione sia inevitabilmente legato a violazioni dei diritti umani, ma Feeney pensa invece che si possa coniugarlo con più diritti.
Non si tratta infatti di autorizzare forme di sterilizzazione coatta, ma di adottare strategie come “l’educazione di ragazze e donne adulte nei Paesi in via di sviluppo per conferire loro più poteri”. E’ necessario utilizzare anche i media “per renderle consapevoli delle possibili alternative in materia di dimensione delle famiglie e pianificazione familiare“.

Secondo Feeney, il controllo delle nascite è l’unica opzione valida per evitare la catastrofe. La riduzione del consumo pro capite non può bastare, come ci ricordano anche le proiezioni del Global Footprint Network.
Il metodo dell’”impronta ecologica” valuta l’impatto di ognuno di noi sulle risorse della natura. Cioè, quanta terra, acqua, aria consumiamo pro capite. Analizzando i dati per nazione, scopriamo che ci vorrebbero già oggi due Cine per contenere tutti gli abitanti del Celeste Impero.

Commenti all'articolo

Lasciare un commento


Sostieni AgoraVox

(Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

Un codice colorato permette di riconoscere:

  • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
  • L'autore dell'aritcolo

Se notate un bug non esitate a contattarci.



Pubblicità




Pubblicità



Palmares


Pubblicità