• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tribuna Libera > CGIL e Confindustria sono d’accordo. Svolta epocale!

CGIL e Confindustria sono d’accordo. Svolta epocale!

La CGIL, in altre parole il più potente sindacato dell’Europa occidentale, spalla del PCI, di cui, di fatto, era un duplicato, partito al servizio dell’URSS, è stata per anni impegnata a distruggere l’apparato produttivo di un Paese in pieno boom, per creare lo scontento dei cittadini e servirlo in un piatto d’argento a Stalin che lo avrebbe inglobato tra i paesi del Patto di Varsavia. Insomma si voleva fare dell’Italia una specie di Berlino Est, manovra scongiurata grazie a De Gasperi con la creazione della DC.

Fu così che con il sindacalismo selvaggio degli anni di piombo si arrivò alla dissoluzione di tutte le imprese grandi e medie tra cui i gloriosi marchi dell’automobile, Alfa Romeo, Lancia, Lamborghini, Maserati, De Tomaso, Autobianchi, di cui rimangono solo i nomi. L’avvocato Agnelli e De Gasperi erano l’oggetto dell’odio della sinistra. Oggi, finalmente, con la presidenza di Susanna Camusso, la CGIL si occupa sinceramente dei lavoratori, in sintonia con l’avversario storico, la Confindustria, presieduta di fresco dal valoroso industriale della Mapei, Giorgio Squinzi.

E’ una svolta epocale! Entrambi, all’unisono gliele hanno cantate chiare al governo dei tecnici. “Grave recessione. Solo tagli e tasse. È economia di guerra. Non si salva il Paese se non si salva il lavoro. Una politica sbagliata fatta di finanza e non di investimenti. L’Italia non aveva bisogno di professori per ritrovarsi in una situazione così disastrata”. Fin qui la Camusso. Giorgio Squinzi presidente della Confindustria: “Il PIL italiano per abitante è tornato ai livelli del 1998. La produzione industriale è calata del 22 per cento e in tanti settori del 30 - 40%. Più di mezzo milione di persone hanno perso il lavoro. Migliaia d’imprese hanno chiuso. Prima della crisi avevamo una decina di anni di crescita debole ma pur sempre, crescita. Siamo disponibili a rinunciare agli incentivi in cambio di una riduzione della pressione fiscale”.

I numerosissimi negozi che comprano e vendono oro, la proliferazione delle ludoteche dove la povera gente disperata sperpera gli ultimi spiccioli per i gratta e vinci, con la speranza assai improbabile di una vincita che possa risolvere i pressanti problemi di sopravvivenza, costituiscono il segnale del tutto nuovo di una drammatica crisi mondiale ma che si somma alla nostra crisi, del tutto peculiare, di un Paese immobile in miserando declino. Un Paese che non produce, e non può produrre se non si rimuovono i numerosi ostacoli che impediscono di fare impresa e non si porta la pressione fiscale a livelli possibili, non può pagare tasse e non può sfamare i cittadini.

Lo stesso Monti, ha più volte ammesso fra i denti che il suo governo si è preoccupato prevalentemente dell’aspetto finanziario dell’economia, di compiacere l’UE, trascurando i problemi della produttività e del lavoro. Fin dai primi mesi di vita del suo governo, avevamo lanciato l’allarme: anziché crescita e sviluppo, Monti e la sua squadra ci stanno propinando recessione! Dati ISTAT: nel primo trimestre del 2012, le compravendite d’immobili a uso residenziale, sono diminuite del 17,2%. I mutui sono crollati diminuendo del 49,6% rispetto al primo trimestre del 2011.

Accanto a questi dati già di per sé preoccupanti, vi è la crescita del ritmo dei prezzi che è circa doppia rispetto alle retribuzioni o pensioni, quindi, recessione e inflazione! Anche la CARITAS lancia un drammatico allarme: il 33,3 per cento dei cittadini chiede di essere sfamato e assistito! Se proprio si voleva un governo di tecnici, allora si sarebbe dovuto ricorrere agli specialisti della patologia che affligge il Paese: la mancanza di posti di lavoro.

Gli specialisti sono i rappresentanti del mondo della produzione, cioè coloro che creano lavoro, quindi la Confindustria e i rappresentanti dei lavoratori: i sindacati, CGIL CISL, UIL. Giorgio Squinzi, il prof. Alberto Quadrio Curzio, Susanna Camusso con Epifani e Angeletti, Oscar Giannino, Pietro Ichino, potrebbero essere gli artefici di un urgente rinascimento italiano, la squadra di un governo capace di tirarci fuori da una drammatica impasse.

Commenti all'articolo

  • Di paolo (---.---.---.14) 23 ottobre 2012 12:26

    La parte iniziale dell’articolo è del tutto opinabile ,la CGIL non era la copia del PCI ,semmai ne era il pungolo ,il PCI non era al servizio dell’URSS e ovviamente né il PCI né la CGIL lavoravano per distruggere l’economia italiana e consegnare il paese al patto di Varsavia .De Gasperi e la DC hanno in compenso consegnato il paese alla Chiesa cattolica e alla mafia e ceduto sovranità agli USA ,con i bei risultati che sono gli occhi di tutti .

    Anche al revisionismo storico c’è un limite .

    E’ assolutamente vero invece che il sindacato CGIL (ma anche UIL , CISL, CISNAL ....) ha pesantissime responsabilità sul disastro dell’economia italiana ,soprattutto per aver difeso cani e porci a spada tratta.
    Ma anche la Confindustria e soprattutto la famiglia Agnelli hanno responsabilità pesantissime per avere ciucciato risorse pubbliche grazie anche alle collusioni politiche .Berlusconi ci ha lasciato l’ultimo esempio con Alitalia di come funzionano i rapporti tra politica e im -prenditori italiani(non tutti ovviamente). 

    Il fatto che sia la CGIL (o il sindacato ) che la Confindustria siano sullo stesso fronte è il segno che Monti sta tagliando le gambe sia agli uni che agli altri .
    Insomma è finita la cuccagna !!
    Ecco perché tutti chiedono il ritorno alla legittimazione della politica ,per portare a termine lo spolpaggio .
    ciao

  • Di (---.---.---.51) 23 ottobre 2012 13:22

    ma se il PCI prendeva i soldi dal Pcus perfavore va bene riscrivere la storia ma qui non tutti aderiscono ai soviet orwelliani.
    Il pci una volta caduta l’Urss ha preso i finanziamenti direttamente dagli Usa per supportare la politica delle guerre umanitarie e fingere di opporsi al neoliberismo.

    INTANTO il 34% della popolazione italiana è disoccupata e i giornali tacciono.
    QUesto bel risultato lo dobbiamo ai sindacati che tanto professano di difendere i deboli e si ricordano di loro solo nei comizi
    per dettagli

    http://dadietroilsipario.blogspot.i...

  • Di paolo (---.---.---.14) 23 ottobre 2012 14:28

    Il PCI prendeva soldi daL PCUS mentre la la DC ,il MSI ,il PLI ,il PSDI e infine anche il PSI prendevano soldi dalla CIA .La strategia della tensione con gli anni di piombo del terrorismo ha paternità ben precise .
    Bisogna contestualizzare il tutto nel periodo post bellico ,non è questione di riscrivere la storia ,questa è la storia.

    I veri torti del PCI sono stati quelli di avere inciuciato con la DC e di aver privato il paese di una vera opposizione .E non mi riferisco tanto al compromesso storico ,ma a quello che avveniva dietro le quinte ,nei palazzi ,soprattutto dopo Berlinguer .

    • Di Cesarezac (---.---.---.242) 23 ottobre 2012 22:43

      Verissimo dell’inciucio PCI e Dc dopo la scomparsa di De Gasperi. Da quell’inciucio derivano tutti i guai di oggi! Quell’inciucio ha decretato il declino del nostro Paese e probabilmente la scomparsa fisica nello spazio di venti o trent’anni del popolo italiano. (vedi i dati demografici).

      Quanto al PCI, Palmiro Togliatti viveva più a Mosca che a Roma.
      E’ anche vero che se il PCI era finanziato da Mosca la DC lo era dalla CIA. 
      Ma la differenza è che mentre l’URSS era un Paese nemico contro il quale eravamo in guerra, fredda ma pur sempre guerra, la maggioranza degli italiani aveva scelto l’alleanza con gli USA dai quali abbiamo avuto preziosissimi aiuti che ci permisero di risollevarci assai brillantemente dalla guerra, mentre l’URSS ci mandava terrorismo e Kalashnicof.
      CESAREZAC

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares