• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Mondo > Bomba nucleare progetto condiviso su internet

Bomba nucleare progetto condiviso su internet

L’ONU Avvisa che la Libia ha ricevuto il progetto per una bomba nucleare per via elettronica, sollevando ’seria preoccupazione’ circa la diffusione di tale materiale sensibile via Internet, il capo delle Nazioni Unite nucleare agenzia ha riferito.

In una relazione giunta alla fine di quattro anni di indagine, spiega, in modo efficace, che il programma di armi nucleari in Libia e i suoi collegamenti con il bazar nucleare clandestino dello scienziato pakistano AQ Khan. Mohamed ElBaradei ha detto che la scoperta è stata ’scioccante’. E’ possibile che altri clienti della la più grande rete di proliferazione nucleare ha inoltre ricevuto il blueprint.
Iran e la Corea del Nord sono stati altri noti clienti del padre della Bomba Nucleare Pachistana.

Il Sign. Khan è stato posto agli arresti domiciliari dopo aver confessato la vendita di tecnologia nucleare nel 2004.

Tuttavia l’Agenzia internazionale dell’energia atomica della relazione, ha rilevato che la rete di Khan ha operato per un intero decennio, in un tempo più lungo rispetto al passato noto, ha detto , e che non vi sono prove di qualsiasi invio , oggi, di materiale nucleare dalla Libia.


Nella stessa relazione, il signor El Baradei ha rivelato che la Libia aveva preso iniziative per istituire un impianto di ritrattamento del plutonio utilizzando un modello tedesco, una via alternativa alla costruzione di una bomba da quella off-the-shelf di progettazione per l’arricchimento dell’uranio forniti al dai libici della rete di Khan . "Essi [i libici - ndr] hanno avuto il know-how per il ritrattamento del plutonio", ha detto un funzionario dell’AIEA. "Erano l’acquisto del know-how tecnologico da parte di piccole imprese o singoli individui, purtroppo in Occidente".

Ma l’agenzia principale informa attualmente che derivano potenzialmente queste illimitate diffusioni degli aggiornamenti sulla bomba nucleare di progettazione previste per il libici da parte della rete di Khan nel 2001 e nel 2002. "Molte di queste informazioni sensibili, provenienti dalla rete esistevano in forma elettronica, consentendo l’uso più facile e divulgativo. Questo include informazioni che riguardano l’arricchimento di uranio per centrifughe, e più preoccupante, l’informazione che si riferisce alle armi di progettazione nucleari". La relazione, ha detto l’agenzia per le indagini, indica che una notevole quantità di informazioni sensibili legate alla fabbricazione di un’arma nucleare è stata a disposizione dei membri della rete - "tra cui un documento su come si esprime la tecnica delle testate con l’uranio metallico". Un documento trovato, connesso all’Iran.’ Nei prossimi giorni signor El Baradei è atteso a presentare all’AIEA la sua relazione sull’Iran.

L’agenzia ONU ha condotto la sua inchiesta sul programma nucleare libico, dopo che gli Stati Uniti e Gran Bretagna hanno convinto il colonnello Gheddafi a rinunciare alle sue armi di distruzione di massa nel dicembre 2003. Riferendosi a un autorevole articolo in un libro di Douglas Frantz e Catherine Collins per la rete Nucleare di Khan Jihadist , il leader libico ha deciso di intensificare i negoziati con i due paesi dopo che la CIA e MI6 lavevano intercettato una nave a pieno carico con componenti nucleari nel mese di ottobre 2003. "La buona notizia è che la rete di Khan non esiste più", ha detto il funzionario dell’ AIEA, e che i libici hanno collaborato pienamente conl’investigazione delle Nazioni Unite. Ma riferendosi alla progettazione della bomba nucleare con la trasmissione in forma elettronica, egli ha detto: "Il genio è uscito dalla bottiglia". "Anche se il progetto è stato un disegno incompleto, ma se avessi di nuovo un progetto simile, sarebbe estremamente utile".

Esperti sul Nucleare sottolineano tuttavia che è necessaria una completa "infrastruttura della conoscenza e i requisiti, per la costruzione di una bomba". Un funzionario dell’IAEA, ha detto, che sarebbe "molto complicato per una organizzazione terroristica tutto ciò". L’AIEA in passato ha messo in guardia che la principale minaccia nucleare viene da singoli individui che progettino una "bomba sporca" che contenga TNT e materiali radioattivi, e che egli chiama un’arma di "terrore di massa".

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares