• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Scienza e Tecnologia > Rivive una mitica degli anni 50, La Topolino

Rivive una mitica degli anni 50, La Topolino

La Fabbrica Italiana Fiat, è sulla strada di riproporre un auto che negli anni ’50 era un simbolo di arrivo per gli automobilisti, una pietra miliare nell’automobilizzazione degli Italiani. Oggi la mitica Topolino diviene più ecologica unendo risparmio energetico e praticità d’uso.

La Topolino sarà una citycar intorno ai tre metri di lunghezza, capace di ospitare quattro persone (magari per brevi tragitti), basata sul pianale accorciato della Panda.

Il look dovrebbe ispirarsi vagamente a quello della 500, con finiture più semplici ed economiche, atte a garantire un prezzo di acquisto particolarmente contenuto. Il design dell’anteriore dovrebbe essere caratterizzato dai fari tondeggianti, mentre la coda sarà necessariamente tronca: altrimenti sarebbe impossibile garantire sufficiente spazio alle teste dei passeggeri posteriori in così poco spazio. Il propulsore destinato a muovere la piccola Topolino è l’atteso bicilindrico Fiat dotato della tecnologia MultiAir, 900cc di cilindrata, che dovrebbe garantire prestazioni soddisfacenti e un deciso contenimento dei consumi.


Proprio nell’ottica di ridurre consumi ed emissioni nocive, nasce il progetto della Fiat Topolino ibrida. Il motore 900 cc MultiAir dovrebbe essere abbinato ad una piccola unità elettrica, che monta il nuovo cambio a doppia frizione atteso al debutto proprio con la Topolino. La tecnologia MultiAir, capace di ottimizzare il consumo di benzina grazie alla gestione elettro-idraulica delle valvole, abbinata alla propulsione elettrica potrebbe settare nuovi standard sul risparmio di carburante.

Siamo all’alba di una nuova sfida tra le citycar, chiamate a risolvere gli annosi problemi di mobilità che affliggono le metropoli di tutto il mondo: consumi, emissioni, assenza di parcheggio.

Vedremo chi proporrà la fromula vincente. Fiat con la Topolino, BMW con la Isetta Megacity, Mercedes con il progetto Smart e Toyota con l’iQ sono ai blocchi di partenza, già in corsa verso il futuro.

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares