• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Europa > Attentato Strasburgo: solidarietà ai familiari delle vittime, condanna con (...)

Attentato Strasburgo: solidarietà ai familiari delle vittime, condanna con fermezza e senza ambiguità

Un appello alla comunità musulmana e araba in Francia, in Italia e in Europa: denunciate qualsiasi sospetto, senza paura.

dCo-mai Comunità del Mondo Arabo in Italia

JPEG - 59.1 Kb

Solidarietà ai francesi e ai famigliari delle vittime e dei feriti , condanna con fermezza e senza ambiguità del feroce attentato a Strasburgo. Cosi le Comunità del mondo arabo in Italia (Co-Mai) e la Confederazione Internazionale Laica Interreligiosa (Cili-Italia) denominata proprio #Cristianinmoschea continuano il loro impegno sulla politica dei “due binari”: da una parte condannare, prevenire e combattere il terrorismo, garantendo la sicurezza di tutti senza distinzioni tra italiani e cittadini di origini straniera, sia laici quanto appartenenti a tutte le religioni. Bisogna proseguire e promuovere politiche per l’integrazione, facendo proposte concrete alle istituzioni, dichiara il prof. Foad Aodi, Fondatore di Co-mai e di Cili-italia.

“In questi ultimi anni molto difficili dal punto di vista degli attentati terroristi, soggetti a strumentalizzazioni politiche contro l’ immigrazione, i musulmani ed il mondo arabo, non abbiamo mai perso la speranza di arrivare ad una proficua convivenza tra le religioni e le civiltà, condannando tutti gli attentati senza ambiguità e senza paura” – continua Aodi -, che si appella a tutte le comunità musulmane, arabe e di origine straniera in Francia, in Italia e in Europa, alle quali chiede di non esitare a denunciare qualsiasi elemento sospetto, senza allarmismi, augurandosi che al più presto possibile venga arrestato l’attentatore in fuga e si ritorni, in tempi brevi, alla serenità per tutti, senza mai abbassare la guardia contro ogni tentativo o provocazione, che cercano di scatenare una guerra tra religioni.

Aodi ricorda che l’evento del 14.12, promosso dai nostri movimenti e con la Asl Roma 4 e Asl Roma 5, tende proprio a valorizzare il dialogo e la convivenza interreligiosa e interculturale .

Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità