• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Mondo > Argentina, ritrovato il 130° nipote desaparecido

Argentina, ritrovato il 130° nipote desaparecido

“Con grande gioia annunciamo una nuova restituzione di identità!”

Sono queste le parole con cui la mattina del 10 giugno Estela de Carlotto, la presidente delle Abuelas de Plaza di Mayo, ha reso noto che il “bambino 130”, dopo decenni trascorsi con una identità falsa, aveva saputo la verità: essere stato adottato illegalmente dopo che i suoi genitori erano stati arrestati e fatti sparire negli anni ’70 in Argentina.

 

“Benvenuto alla verità!”, “Ti aspettavamo, fratello!”. I social si sono riempiti di messaggi affettuosi e di complimenti per il lavoro incessante che le “nonne” svolgono per restituire il diritto all’identità, violato in massa durante la dittatura militare argentina.

All’appello mancano poco meno di 400 “niños”, alcuni dei quali potrebbero trovarsi anche in Italia.

Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità