• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Ambiente > Abruzzo: la peggiore discarica abusiva d’Europa e nessuno fa (...)

Abruzzo: la peggiore discarica abusiva d’Europa e nessuno fa niente

Abruzzo: la peggiore discarica abusiva d'Europa e nessuno fa niente

La famigerata discarica di Bussi è ancora lì e nessuno sembra aver tempo per preoccuparsene. C’è stato il terremoto, è vero, ma sono anni che la situazione è ormai nota e nessuno sembra intenzionato ad attivarsi seriamente per risolverla, riuscendo così a contenere localmente uno scandalo di dimensione nazionale con gravi implicazioni sulla salute di molti italiani.

La più grande discarica d’Europa di rifiuti tossici è del tutto abusiva, per niente sicura e per giunta nell’alveo del fiume Tirino, che poi finisce nel Pescara (mappe: [1] [2] ) e per ora le autorità hanno prodotto solo chiacchiere. Pochi giorni fa il WWF ha pubblicato il verbale della Conferenza dei Servizi decisoria sul Sito di Bonifica nazionale di Bussi dell’11 febbraio del 2010 e la relazione “valutazione del danno ambientale” dell’Istituto Superiore per la protezione e la Ricerca Ambientale allegata al verbale.


Documenti che ribadiscono danni per miliardi di euro e gravi pericoli per le popolazioni e per i corsi d’acqua, ma sembra che l’ostruzionismo di Montedison (vera responsabile del disastro attraverso i decenni) sia molto più potente della scarsa voglia dei politici locali di far luce su una vicenda che puzza di corruzione e complicità politica fin da quando Montedison si insediò tra quelle valli.

Politici che ora sembrano orientati a lasciare lì tutto, al massimo a ricoprire e confinare le discariche, ma che fino ad oggi non sono stati nemmeno capaci di recintare le zone più compromesse, nonostante siano ormai passati anni dal primo allarme lanciato dagli ambientalisti e altrettanto dall’apertura di un’indagine giudiziaria per reati gravissimi.

I politici locali hanno agito infatti per minimizzare le conseguenze e nascondere lo scandalo per quanto possibile, al punto di riaprire pozzi inquinati e di impedire anche le operazioni più urgenti ed elementari di messa in sicurezza del territorio e (incredibile) d’informazione per le popolazioni locali. Un deficit che non è certo stato colmato dai media nazionali e locali, che hanno evidentemente di meglio da fare, se è vero com’è vero che della discarica di Bussi e del pericolo che rappresenta sono in pochi ad esserne al corrente. Chiunque può fare la prova e chiedere in giro cos’è Bussi, nemmeno tra gente mediamente informata troverete che ne conosca la storia e lo stato.

Commenti all'articolo

  • Di pv21 (---.---.---.114) 18 marzo 2010 18:19

    Mai perdere la speranza. Parliamo del G8- realtà contro reality e delle macerie dell’Aquila. I famigerati 4 milioni di m3 di detriti che coprono il centro e che hanno fatto parlare di vari anni di lavoro. Poi è arrivato Bertolaso (supertecnico) che in 3 mesi ha scritto l’Ordinanza che autorizza a fare l’operazione in soli 24 mesi. Un passo avanti! Ora si fa avanti il Sindaco Cialente ad informarci che bastano 45 giorni per fare il lavoro. Fossero anche 60 gg sarebbe comunque un miracolo. Non sappiamo come andrà a finire, ma di sicuro avremo letto qualche pagina tratta dal Dossier Arroganza ... (di più => http://forum.wineuropa.it

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares