• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Mondo > Video choc polizia Inglese

Video choc polizia Inglese

 

Commenti all'articolo

  • Di dinobrancia (---.---.---.182) 18 agosto 2009 11:34
    La vita è il bene più prezioso che l’uomo possiede, il problema che non costa nulla e allora accade che
    questa realtà purtroppo, capita tutti i giorni, questo video, lo dovrebbero trasmettere
    Anche in Italia. La sicurezza passiva è un deterrente fondamentale per salvaguardare la vita dei giovani e non le leggi astratte che nessuna Forza di Polizia potrà mai far rispettare. 
  • Di Paolo Praolini (---.---.---.110) 18 agosto 2009 16:31
    Paolo Praolini

    Video molto profondo ed educativo.
    Misura la leggerezza che abbiamo nei confronti della nostra vita, un bene che troppo spesso diamo per scontato.
    Ma purtroppo ogni giorno mille situazioni quotidiane potrebbero sottrarcela.
    Pertanto come dici tu Francesco occorrerebbe inserire negli insegnamenti scolastici più educazione civica che ingloba anche l’educazione stradale.....
    Sarà uno degli argomenti su cui puntare nel lavoro di AV.



  • Di (---.---.---.66) 19 agosto 2009 10:24

    In Italia si fanno tante chiacchere e pochi fatti. Se i nostri Governanti fossero più responsabili e avessero il coraggio di inserire video come questi, magari intercalando al video immagini che quasi ogni sabato vediamo al telegiornale, i nostri giovani probabilmente rimarrebbero a pensare che al posto di quegli attori potrebbero trovarsi loro. Troppo spesso in Italia immagini così forti scuotono solo la "morale" del cittadino che facilmente si lascierebbe impressionare, quindi ritenute "non adatte alla distribuzione sui palinsesti nazionali". Forse questo tipo di pubblicità (perche un video così non è uno spot ma un cortometraggio) non porterebbe denaro alle televisioni, sicuramente in qualche "fervida giovane testolina" però un segno potrebbe lascirlo e chissà ....magari prima di fare una cavolata....ci ripensa ed evita il peggio. non dimenticherò mai una frase, sentita da un genitore che ha perso un figlio in un incidente stradale: "sopravvivere alla morte di un figlio, per un genitore è come morire due volte..." PENSIAMOCI!!!!

  • Di illupodeicieli.leonardo.it (---.---.---.4) 19 agosto 2009 10:46

    Talvolta non basta:una misera proposta,da aggiungere a quanto avete detto,ossia a inserire un corso di educazione alla "vita in strada" (a piedi,in auto,moto o bici o camion eccetera), potrebbe essere un "corso di
    guida sicura" e che magari sia obbligatorio ogni due anni;oppure se "lo fai di tua iniziativa" ti dà un punto in più nella patente (e che invece se hai un incidente per colpa tua,ossia per un motivo non giustificabile, come appunto il bere alcol o le droghe, di punti ne toglie di più). Credo che il sentire i giovani,sopratutto loro ma ci sono anche gli over 30 e gli over in genere che non scherzano (su questo punto), parlare spesso delle loro auto che "hanno l’assetto speciale" o che "tengono bene in curva": non ce l’ho con il meccanico che prepara le auto ma è anche una cultura del limite ,da superare, che capisco sia insita nell’uomo, ma che oggi come oggi porta le persone a morire prima del tempo. Penso anche al video dei "saltatori di balconi" mandato ieri mattina in onda in un tg (o forse in più di uno), o ai giovani che corrono per strada e per i gradini con gli skate: con questo non dico che se non li vedi in tv non puoi fare certe cose.Dico che alcune cose non vanno fatte in ogni caso.Come intervenire allora?Non lo so. Non certo con l’autovelox che piace tanto ai comuni e a certe polizie locali, le stesse che,essendo in servizio quando "devono rientrare alla base perchè terminato il turno" sfrecciano ben oltre i limiti..............ma loro sono in servizio, ubi maior minor cessat, loro possono; intanto i controlli fuori dai locali, e non solo le discoteche, ma anche i ristoranti e i bar. Il punto è che i soldi muovono tutto e di sicuro simili controlli ,che sono già difficili oggi ,e che sono effettuati ,credo, a campione, verrebbero resi ancora più macchinosi e difficili da eseguire.Questo considerando come causa l’alcol.Ma se come nel video la colpa è della distrazione causata dall’uso,improprio in quel momento, del cellulare?Se la colpa è della ricerca di una stazione radio o di un cd da ascoltare o dall’accensione di una sigaretta? Tante possono essere le cause.Sulla velocità si sa che da tempo e volendo,oltre a rendere obbligatorio l’esp sulle nuove auto a far data non mi ricordo da quando, è possibile inserire i limitatori:tuttavia se gradito si potrebbe sperimentare (penso sia già possibile) un sistema che in città ti limita l’auto che so a "60 orari": magari ambulanze e mezzi di sicurezza possono avere un limite diverso.In autostrada può essere 130 o 150 e differente per le auto di soccorso.Il tutto con dei sistemi legati alle centraline delle auto.certo farebbe arrabbiare,me per primo che non sono un fulmine, ma se davvero si ritiene che questa sia la causa principale, si metta un limitatore.Altri sistemi ci sono, come quelli che si accorgono della soglia di attenzione, che verificano le distanze tra le auto:ma questi sistemi si possono applicare alle auto già in circolazione? Se applicano i sensori di parcheggio ad auto che non li hanno di serie,penso di sì,che si possa fare.

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares