Fermer

  • AgoraVox su Twitter
  • RSS

 Home page > Attualità > Istruzione > 5.000 docenti inidonei in via permanente rischiano il licenziamento

5.000 docenti inidonei in via permanente rischiano il licenziamento

Crisi, o non crisi?
Patrimoniale sì o patrimoniale no?
Potrei porre altri mille interrogativi dalla risposta forse anche scontata per i sistemisti ma cara per i lavoratori.
Accade, nel quasi più totale silenzio mediatico, che ben 5.000 docenti inidonei, di quella che un tempo era la scuola pubblica, rischiano il licenziamento.Quella del docente inidoneo, inidoneità psicofisica, sia per ragioni lavorative che per ragioni indipendenti da motivi lavorativi, nel corso del tempo, grazie anche allo strumento del contratto collettivo nazionale di lavoro, ha trovato importanti tutele. Per esempio, i sistemi bibliotecari nelle scuole, sono gestiti da questi lavoratori.
Che mantengono il proprio profilo contrattuale docente, ma nello stesso tempo, vengono impiegati in altre mansioni, importanti e determinanti per il funzionamento della buona scuola pubblica.
 
Ma come detto siamo in tempo di crisi.
 
Ed allora, qualcuno avrà pensato, perché mantenere questi diritti a tali lavoratori?
Ed ecco che con la legge 111 del 2011 all'articolo 19 comma 12 e seguenti si prevede che il personale docente dichiarato, dalla commissione medica operante presso le aziende sanitarie locali, permanentemente inidoneo alla propria funzione per motivi di salute, ma idoneo ad altri compiti, su istanza di parte, da presentarsi all'Ufficio scolastico regionale entro 30 giorni dalla data di dichiarazione di inidoneità, assume, con determina del Direttore generale dell'Ufficio scolastico regionale competente, la qualifica di assistente amministrativo o tecnico. In sede di prima applicazione, per il personale attualmente collocato fuori ruolo ed utilizzato in altre mansioni, i 30 giorni decorrono dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto. Il personale viene reimmesso in ruolo su posto vacante e disponibile, con priorità nella provincia di appartenenza e tenendo conto delle sedi indicate dal richiedente, sulla base di criteri stabiliti con successivo decreto del Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca e mantiene il maggior trattamento stipendiale mediante assegno personale riassorbibile con i successivi miglioramenti economici a qualsiasi titolo conseguiti.
 
In data 10 agosto, arriva una circolare ministeriale, che muta i termini da perentori in ordinatori, ma specialmente obbliga i docenti inidonei a produrre la domanda di passaggio di qualifica entro il 14 settembre del 2011. Se non si presenta quella domanda, si transiterà in qualche altra amministrazione statale, quale non è dato ancora sapere, sempre che vi sia posto, altrimenti la soluzione in tal disperazione è il licenziamento.
 
Ma accade anche che, il MIUR, con un decreto ministeriale, in attesa di registrazione alla Corte dei Conti, decide che la data del 14 settembre per i fuori ruolo non conta più nulla. Ovvero, tutti i docenti fuori ruolo, impiegati in altra mansione, dal 1 settembre del 2011 non saranno più docenti ma Ata.
Ti addormenti sapendo di essere docente, ti risvegli con la sorpresa, amara, di essere Ata, e con retribuzione anche peggiorativa, visto e rilevato che il detto personale manterrà il maggior trattamento stipendiale mediante assegno personale riassorbibile con i successivi miglioramenti economici a qualsiasi titolo conseguiti.
 
Ovviamente, con il massimo rispetto per il personale Ata.
 
Quanto previsto del testo unico sulla sicurezza sul lavoro, in tema di mutamento di mansioni, a causa della inidoneità al lavoro, non viene preso in considerazione.

E pensare che ora vogliono anche inserire il pareggio di bilancio nella Costituzione. 
 
Ciò significherà, semplicemente, la distruzione di quei pochi diritti rimasti, nel nome del pareggio di bilancio.
 
I sindacati confederali, che hanno sottoscritto il contratto del giugno 2008, quello che disciplina la materia degli inidonei, e che norma la funzione di bibliotecario, per esempio, dormono?
 
Hanno richiesto la riapertura della contrattazione, come previsto nel detto contratto, in caso di cambiamento in itinere delle leggi? Sembrerebbe di no. E poi si urla per la fine del contratto, quando non si alza un dito per difenderlo. Solito meschino tetro teatro.
 
Giungono anche voci, che i servizi bibliotecari, verranno dati in gestione a società di volontariato, che ricorreranno all'ausilio dei loro volontari, per garantire un servizio, svolto sino a ieri, dai docenti inidonei. Ma probabilmente molte attività bibliotecarie verranno date in gestione a cooperative, al ribasso. Ovvero lavoratori sfruttati e nella scuola non più pubblica. O nei peggiori dei casi le biblioteche chiuderanno.

Altro effetto di tale operazione, sarà il mancato rinnovo dei contratti di lavoro, a tutti gli Ata precari, che hanno coperto sino ad oggi, quei posti di lavoro che teoricamente verranno occupati dal personale docente inidoneo in via permanente e/o fuori ruolo. Sempre che tali docenti siano idonei alla mansione ata. Perché nel caso in cui non lo fossero, scatterebbe il licenziamento. Guerra tra poveri.
 
La scuola deve forgiare competizione, meritocrazia e schiavi... e servi.
Non è mica scontata come cosa.
Per non parlare della dignità di tali lavoratori.
Ma come ben sappiamo, non è questo il tempo della dignità.
Neanche dei diritti dei lavoratori.
Il tempo delle concessioni è finito.
Bene.
Cosa altro aspettare?
Il fallimento dello Stato italiano?
E poi?
Perché dobbiamo assistere come spettatori alla distruzione di tutti i diritti concessi o conquistati?
Io sono dell'idea che il tempo della difesa è finito.
Non abbiamo più nulla da difendere.
Ma solo da costruire.
Si deve costruire la scuola pubblica.
Si deve costruire il diritto del lavoro.
Si deve costruire una nuova società sociale.
Ma specialmente dobbiamo edificare la nostra dignità.
 
Colgo l'occasione per segnalare che Il 17 settembre è stato convocato un Convegno nazionale CESP/Cobas scuola, dalle ORE 9.30, alle 14.00 dal titolo: “Docenti Inidonei o utilizzati in altri compiti?” c/o il Centro Congressi Cavour - Via Cavour, 50/A a Roma.
 
Siete tutti e tutte invitate a partecipare, per andare oltre l'indignazione e costruire insieme un nuovo percorso di lotta per la costruzione della scuola pubblica e del diritto del lavoro.
 
 
Leggi anche "Primo giorno di scuola. Cronache dal manicomio" di Federico Pignalberi e "Scuola e integrazione, il nuovo anno riparte fra le polemiche" di David Incamicia.


Ti potrebbero interessare anche

La riforma Giannini. Un manganello applicato alla scuola, direbbe Turati
Docenti di lingua-cultura italiana, precari e bistrattati all’estero
McDonald’s: 39 licenziamenti (+1). Continua la lotta dei lavoratori campani
Viaggio nella Grande Distribuzione: intervista a due lavoratori dell’Auchan dell'Area Nord di Napoli
Viaggio nella Grande Distribuzione: intervista a 8 lavoratori di Leroy Merlin - Roma


Commenti all'articolo

  • Di (---.---.---.164) 16 settembre 2011 14:34

    Non ci vedo nulla di strano, se uno non è più idoneo, perchè deve continuare a essere pagato per la qualifica che purtroppo non può più ricoprire, visto che effettivamente svolge un lavoro meno qualificato, non si parla di licenziamento ma di passaggi ad altro ruolo di profilo e stipendi nel futuro non subito, piu’ basso. Altrimenti i bibliotecari puri potrebbero anche aprire una vertenza per essere pagati da docenti.

    • Di (---.---.---.36) 18 settembre 2011 13:56

      i bibliotecari (se laureati) hanno uno stipendio maggiore dei docenti... e il loro lavoro non è meno qualificato a meno che si pensi che i libri sono carta straccia
      maria rosa

  • Di (---.---.---.157) 16 settembre 2011 14:42

    Lo trovo giusto, a patto che l’adeguamento di stipendio venga effettuato per tutti gli statali che migrano altrove, non solo per i docenti.

  • Di (---.---.---.155) 16 settembre 2011 14:53

    sono ignorante ma che qualifica è "docente inidoneo"?
    se sei idoneo a fare qualcosa bene altrimenti fai altro
    non riesco ad immaginare un astronauta inidoneo...ti assumo come astronauta poi ti tengo a terra perchè non sei idoneo
    la stortura (ma forse non ho tutti gli elementi) mi pare ovvia

  • Di (---.---.---.17) 16 settembre 2011 15:16

    allora uno non idoneo alla guida può comunque guidare la macchina .....

  • Di (---.---.---.164) 16 settembre 2011 15:22

    Ecco io credo che le caste non siano solo quelle che n questo momento sono nel mirino, non so con quanto successo, ma anche tutte quelle che vengo portate alla ribalta come attentati hai diritti , tutte queste notizie che vengono spacciate come cose assurde.
     Ma nel privato è diverso e siccome è il privato che deve confrontarsi sul mercato, perchè il pubblico deve essere protetto ? Questa differenziazione è una storia che nei paesi avanzati esiste solo nel nostro Paese.

    • Di (---.---.---.215) 18 settembre 2011 22:03

      se uno ha una malattia che lo rende inidoneo...certo non è una casta, ma uno a cui va riservato un posto non in prima linea , come appunto succede...tutto il resto sembra solo INVIDIA VERSO PERSONE CHE NON STANNO MOLTO BENE !!

  • Di Renzo Riva (---.---.---.51) 17 settembre 2011 01:26
    Renzo Riva

    Grazie.
    Una bella notizia davvero.

  • Di (---.---.---.19) 19 settembre 2011 09:29

    Sono una insegnante inidonea... ho avuto problemi di salute anche gravi ed è per questo che sono stata costretta a richiedere l’inidoneità ad un lavoro che amavo!!! di fatto grazie a master universitari e corsi mi sono quindi specializzata sulle biblioteche e sono approdata ad un istituto comprensivo che comprende 3 scuole dove le biblioteche sono fornitissime che addirittura utilizzano le cedole librarie per essere aggiornate (parlo di 30.000 libri su tre scucole che ho provveduto a catalogare informatizzare postare in rete - vedi sito I.C. Centro 3 di Brescia). Il mio ruolo qui è stato ed è importante e la mia qualifica di docente neccessaria alla corretta gestione delle biblioteche con gli alunni coi quali faccio anche percorsi a tema insieme ai docenti... insomma non mi sento una fannullona come qualcuno potrebbe pensare, Siamo risorse vere per la scuola sempre docenti anche se non sulla classe!!!! In verità è negli uffici che siamo mal accetti perchè abbiamo una qualifica alta e non conosciamo il lavoro che dovrebbero prendersi la briga di insegnarci!
    Non è davvero questione di chiedere più di quel che meritiamo solo di voler vedere riconosciuto il nostro ruolo (ricordo che in moltissimi altri paesi europei il ruolo di bibliotecari scolastici esiste!!!!)
    Cordiali saluti Marinella

    • Di (---.---.---.113) 16 febbraio 2012 15:34

      Sono un insegnante inidoneo, ma mi ritengo una persona intelligente, però non capita ed amata per quello che è. Il termine inidoneo è inadatto, andrebbe messo un altro termine, per i soggetti handicappati usiamo portatori di handicap e diversamente abili e per gli stranieri diamo non italiani per non bollarli come diversi, invece noi siamo inidonei dopo aver frequentato con fatica l’istituto magistrale, Pedagogia e Scienze religiose. Forse "alternativo" o "perequativo" andrebbe meglio come quando si dice che certi alunni sono "vivaci" o "allegri" al posto di maleducati, o meglio ancora "inadeguati" sempre avendo rispetto per le persone cui si è di fronte. L’insegnamento è un lavoro difficile, logorante, anche se non siamo in miniera, gli insegnanti lo sanno, si dovrebbe avere più considerazione per chi lavora nella scuola da numerosi anni lavorando gomito a gomito con i ragazzi e gli studenti, i genitori ne rendano merito invece di accanirsi contro gli inevitabili errori di un’educazione che dovrebbe essere autentica. Quanti genitori inidonei continuano però a fare il papà e la mamma, quanti dirigenti difendono l’utenza e non i servizi prestati?

Lasciare un commento


Sostieni AgoraVox

(Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

Un codice colorato permette di riconoscere:

  • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
  • L'autore dell'aritcolo

Se notate un bug non esitate a contattarci.



Pubblicità




Pubblicità



Palmares


Pubblicità