• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tempo Libero > Incredibile ma vero! > 15enne muore in un incidente stradale, Comune chiede 700 euro alla madre (...)

15enne muore in un incidente stradale, Comune chiede 700 euro alla madre per pulire l’asfalto

Repubblica.it riporta l'incredibile storia di Alessandra Mezzetti, la madre di Valerio Leprini, un ragazzo di 15 anni morto nel 2009 in un incidente stradale. Valerio cadde dal suo scooter in via Fontanile Anagnino, a Roma, ed andò a sbattere la testa contro un palo della luce che non doveva essere lì. Un palo "fuorilegge", per la cui presenza sono imputati un funzionario del Municipio e tre vigili urbani. Ora l'ente adibito alla pulizia stradale ha inviato una lettera alla famiglia del ragazzo, chiedendo 725 euro di risarcimento per la rimozione del sangue dalla carreggiata sul luogo dell'incidente. 

Non si dà pace, la madre di Valerio: "Pensavo di averla sognata la lettera di Sicurezza e Ambiente: settecento euro per ripulire la strada dal sangue di mio figlio. Non era un sogno era una beffa, allora piansi". Una lettera assurda, disumana. Ma Alessandra Mezzetti non si dà per vinta, denuncia l'accaduto ai giornali e tramite i social network:

"Allora non ebbi la forza di reagire, il dolore era troppo forte: pagare per lavare la strada dal sangue di mio figlio per 'questioni di sicurezzà perché la carreggiata poteva essere scivolosa. Valerio morì sbattendo la testa su un palo dell'illuminazione pubblica fuorilegge, e venivano a chiedere a me del denaro per 'questioni di sicurezza'?

Il motivo dell'assurda richiesta:

"Dovevano utilizzare un macchinario particolare per ripulire il tratto stradale, così c'era scritto nella lettera che mi inviarono e per questo veniva giustificata una simile spesa. Dove è la sensibilità da utilizzare in simili circostanze? Sapevano ciò che era successo, tanto vale che mi piantassero un coltello sul petto.

Non sono già abbastanza salate le bollette che paghiamo all'Ama per la pulizia della strada, adesso ci vogliono anche ulteriori 725 euro da Sicurezza e Ambiente quando ti muore un caro in un incidente stradale. A questo punto non mi stupirei se un domani mi dovessero chiedere di risarcire il palo dell'illuminazione pubblica ammaccato dalla testa di mio figlio".

Commenti all'articolo

  • Di (---.---.---.178) 4 gennaio 2013 20:07

    Mi ricorda la dittatura cinese che ai famigliari dei condannati a morte richiede di pagare la pallotola dell’esecuzione...

  • Di (---.---.---.159) 4 gennaio 2013 20:38

    e scandaloso tutto questo......a dir poco e voler essere gentili,come punizione io li farei andare a lavoro ammesso che lo si possa chiamare cosi a piedi e se dopo 1 mese non conseguono i riultati voluti li obbligherei a donare tutti e due i polmoni

  • Di (---.---.---.238) 4 gennaio 2013 21:30

    Paese di M....a !

  • Di (---.---.---.38) 6 gennaio 2013 12:46

    Il fatto é talmente scandaloso che lascia totalmente sbigottiti, costernati, disorientati, impietriti e via di questo passo.

    In tempo di guerra correva il tristo motto "Pietà l’é morta" e sappiamo bene quante cose atroci succedettoro nella seconda guerra mondiale e continuano a succedere in tutte le guerre di questo mondo disumano.
    Siamo nel terzo millennio e l’Umanità ha fatto tanti progressi in tutti i campi del sapere, della scienza e della tecnica, ma in quanto a senso della comune ppartenenza alla stirpe degli uomini, é andata sempre più indietro. Gli avvenimenti storici ci hanno insegnato, anzi forzato, a sentirci sempre meno "umani" e sempre più "demoni" così che non ci riconosciamo più come simili.
    Altro che "ut unum sint".


     

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares