• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Home page > Tempo Libero > Cinema > Un affare di famiglia, di Hirokazu Kore’eda

Un affare di famiglia, di Hirokazu Kore’eda

Se la famiglia è il posto peggiore dove nascere – che è cosa plausibile e per giunta pare lo abbia detto Sigmund Freud – questa “sfortuna” iniziale può venire emendata: i membri pian piano vanno a comporre una famiglia diversa, non più facendo parte di quella originale, per i motivi più svariati, interesse, affezione che si crea, bisogno di cibo e calore. Un affare di famiglia ne propone una di sei membri, che vivono in povertà in un ambiente suburbano del grande e operoso Giappone: c'è una nonna che con la sua pensione (di reversibilità) sfama gli altri, un papà comprensivo che col lavoro precario si arrangia e che ai ragazzi può insegnare a rubare nei negozi, Non avevo altro da insegnare dirà, una mamma amorevole, la sua giovane sorella che lavora in un locale per soli uomini, un ragazzino il quale sa che i bambini che non possono studiare a casa allora vanno a scuola ed una trovatella di 5 anni, ultimo arrivo, che tutti prendono a benvolere. Vi si sente parlare di contratti di solidarietà, di risarcimento danni, e sopravvivono tutti, accontentandosi di piccole cose, senza nemmeno potersi permettere il funerale alla morte della nonna. L'atmosfera è idilliaca, se sei tu a scegliere è più forte il legame ha detto la mamma, e questo sembra essere il senso di questa famiglia spontanea. Del resto se non si è stati voluti come si può essere amorevoli con gli altri?, ed è un'altra massima di questa commedia seria, Palma d'Oro a Cannes 2018. Le parole provengono dalla “mamma”, a cui non sembra vero di poter abbracciare e carezzare una bimba così piccola, letteralmente tolta dalla strada e probabilmente abbandonata dai genitori naturali.

Non ci sono pietismi o forti emozioni nel film, tutto avviene spontaneamente, una auto-organizzazione che pure una società sviluppata, con le sue regole e le sue leggi, forse non riesce ad assicurare. Carino, fantasioso, ma purtroppo non si può e cmq il regista Kore'eda Hirokazu ha il merito di farci interrogare su cosa è giusto e cosa è sbagliato per l'essere umano e per il sociale, su cosa la società vuole dal singolo.

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità