• venerdì 18 aprile 2014
  • Agoravox France Agoravox Italia Agoravox TV Naturavox
  • Fai di AgoraVox la tua homepage
  • Contatti
AgoraVox Italia
  Home page > Tribuna Libera > Suicidi ogni giorno: qualcuno fermi la strage
di Emilia Urso Anfuso (sito) venerdì 23 marzo 2012 - 1 commento oknotizie
0%
Articolo interessante?
 
100%
(14 Voti) Votate quest'articolo
  • Fare una donazione
  • Stampa
  • Lasciare un commento
  • Marquer et partager

Suicidi ogni giorno: qualcuno fermi la strage

Lecce: rimane senza lavoro e per la disperazione si suicida. Aveva 29 anni

Belluno: imprenditore disperato per crediti vantati verso le pubbliche amministrazioni si suicida. Aveva 53 anni

Taranto: commerciante abbattuto dalla crisi e dai debiti si suicida. Aveva 63 anni

Potrei continuare all’infinito. E sono solo alcune delle notizie di cronaca apparse sulle testate locali nelle ultime ore. Si, sulle testate locali.

Fateci caso: se avete la malaugurata idea di volervi “informare” sui TG nazionali, in special modo su Rai1, non verrete mai a conoscenza di ciò che sta accadendo in Italia da Nord a Sud. Non conviene. A certi. Sappiamo di chi si parla. I governi non possono permettersi di far capire alla nazione che qui ormai è un gioco mortale, altro che crisi economica.

La gente onesta è stanca. La gente onesta non esce all’improvviso di casa a fare una rapina o a sparare in testa a chi è la vera causa dei propri problemi. No.

La gente onesta – oltretutto – ha vergogna di queste infami situazioni che non ha certamente creato in maniera disinvolta. E la vergogna, su alcuni, ha effetti immediati e deleteri. Il suicidio appare essere l’unica via di uscita dopo aver pure perso la faccia.

Chi dovrebbe vergognarsi davvero, invece, non fa nemmeno trapelare queste notizie, che dovrebbero trovare ampio spazio su tutti i TG nazionali, su tutte le prime pagine di tutti gli stramaledetti giornali che parlano solo di alta finanza, in definitiva. Di cronaca, ma di quella che “conviene”.

Un morto in un paesino remoto non fa notizia, per molti di quei colleghi giornalisti da cui mi dissocio ormai da tempo immemore. Peccato che, uno qui, uno là, questi morti messi insieme fanno una strage. Un genocidio. Lasciano scie di disperazione. Perché chi rimane ha anche il peso di dover sopportare tutto ciò che queste morti premature si portano appresso.

Padri di famiglia che perdono infami lavori pagati con un tozzo di pane. Imprenditori onesti costretti a licenziare padri di famiglia che cadono nel girone infernale della disperazione.

E’ satanico tutto questo. Mentre chi se ne sta al caldo e a milioni di anni luce dal toccare con mano la realtà quotidiana di milioni di persone, decide, sposta, scompone, impone rinuncie e sacrifici fino all’ultima goccia di sangue, pur di assicurarsi potere economico e politico.

Stanno uccidendo una intera nazione. Stanno facendo suicidare onesti padri di famiglia. Ogni giorno. E quasi nessuno ne parla.

Mentre “decidono” su cose "importanti ed inderogabili", come ad esempio l’ormai sfatta querelle di come poter sostenere gli amici imprenditori e se stessi – spesso chi siede in Parlamento è, prima di ogni cosa, un imprenditore – nell’agevolare la fuoriuscita dal mondo del lavoro “grazie” al trucchetto del “licenziamento disciplinare” o meglio ex articolo 18 dello statuto dei lavoratori, la gente agonizza, muore civilmente o ancor peggio, si suicida.

Forse perché queste persone non riescono a credere all’assoluto cinismo di un'epoca che detta regole al solo scopo di abbattere la popolazione per il tornaconto di pochi.


pagina successiva >>

Casa originale di questo articolo



di Emilia Urso Anfuso (sito) venerdì 23 marzo 2012 - 1 commento oknotizie
0%
Articolo interessante?
 
100%
(14 Voti) Votate quest'articolo
  • Fare una donazione
  • Stampa
  • Lasciare un commento
  • Marquer et partager

Commenti all'articolo

Lasciare un commento


(Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

Attenzione : questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell’articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista… Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l’articolo nello spazio I commenti migliori

Un codice colorato permette di riconoscere :

  • I nuovi iscritti
  • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
  • L’autore dell’aritcolo

Se notate un bug non esitate a contattarci.

Pubblicità

Pubblicità

Sondaggio

Dal palco del V-Day Beppe Grillo ha proposto di indire un referendum per uscire dall’Euro. Secondo voi


Vota

Palmares

Pubblicità


  • Groupe Agoravox sur Facebook
  • Agoravox sur Twitter
  • Agoravox sur Twitter
  • Agoravox Mobile

AgoraVox utilizza software libero: SPIP, Apache, Debian, PHP, Mysql, FckEditor.


Sito ottimizzato per Firefox.


Avvertenza Legale Carte di moderazione