• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Cronaca > Strage di Brescia. Parla il generale Francesco Delfino

Strage di Brescia. Parla il generale Francesco Delfino

"Capimmo subito la pista veronese ma arrivammo a scoprire fin dove ci fu consentito".

Soddisfatto per la definitiva assoluzione sancita dalla Corte d’appello di Brescia nell’aprile del 2012, Francesco Delfino, capitano del nucleo investigativo dei carabinieri della città lombarda negli anni della strage di Piazza della Loggia, ha accettato recentemente un breve incontro. Può guardare dunque con più serenità le vicende bresciane: il suo principale accusatore, Maurizio Tramonte, la fonte "Tritone", ha ritrattato tutto, proprio come fece anni fa l’altro pentito nero Martino Siciliano, pressato dalle telefonate di Delfo Zorzi.

Lo vado a trovare nella residenza dove cura i suoi malanni e mi riceve nella sua piccola stanzetta, occupata da oggetti essenziali e dalla grande bombola di ossigeno che deve stare sempre a portata di mano. Delfino ha già avuto modo di dire che crede tutt’oggi alla validità della pista Buzzi (Ermanno Buzzi fu giudicato responsabile dell’eccidio di Piazza della Loggia ma nell’aprile del 1981, poco prima di sue nuove testimonianze nel processo per la strage - l’udienza era già fissata per il 5 ottobre - fu ammazzato barbaramente nel supercarcere di Novara da Mario Tuti e Pierluigi Concutelli) tuttavia resta una forte curiosità: come ha fatto a sapere, così tanto tempo prima che nuove piste investigative ne portassero alla luce i particolari - solo in parte oggi già noti - che nella strage di Piazza della Loggia c’era stato lo zampino anche della destra veronese?

Delfino, infatti, quando si presentò in parlamento a rispondere alle domande del presidente della Commissione Stragi, Giovanni Pellegrino - un'audizione molto nervosa, durante la quale aleggiava la presenza del nemico storico del generale, l’allora procuratore di Brescia Giovanni Arcai - disse cose importanti che avrebbe però avuto un seguito investigativo solo negli anni successivi.

Occorre brevemente ricordare - per comprendere i passaggi della testimonianza di Delfino, che riportiamo di seguito - che gli organizzatori della strage avevano già precostituito il ‘mostro’ cui attribuire la responsabilità della mattanza - come è dettagliatamente ricostruito nel libro Doppio livello: proprio come fu per Piazza Fontana, anche a Brescia le menti raffinatissime che avevano programmato il colpo avevano messo in conto di incastrare la sinistra. La strage avrebbe dovuto creare il terrore - spiegò Carlo Maria Maggi, il leader di Ordine nuovo del Triveneto ai suoi camerati - e avrebbe dovuto colpire i carabinieri perché doveva ricadere tutta sulla testa dei rossi. Solo che la pioggia quel giorno cambiò tutto. Sappiamo ormai come andò. I carabinieri si spostarono dal punto in cui erano soliti mettersi, arretrarono nel cortile interno della prefettura per fare posto ai manifestanti che cercavano rifugio sotto i portici, e la bomba nascosta in un cestino portarifiuti colpì questi ultimi, ammazzandone otto e ferendone oltre cento. A quel punto lo schema delle ‘false bandiere’ non poteva reggere, sarebbe stato ridicolo tentare di far credere che la sinistra ammazzava i suoi stessi figli. 

« Pur senza avere elementi e dati precisi - disse Delfino in parlamento - sono arrivato al punto di ipotizzare che Buzzi e il gruppo bresciano abbiano voluto fare lo scherzo ai sindacati senza accorgersi - alcuni - che l'altro gruppo (quello politicizzato eversivo, milanese e molto probabilmente veneto-veronese) invece sapeva cosa si andava a fare. Questo perché c'è stato un momento dell'indagine in cui era apparso da qualche cosa che l'errore del collegamento della bomba su un pilastro con il cestino attaccato non era a conoscenza di quei quattro - Buzzi forse compreso - per i danni che avrebbe potuto procurare, ma che il gruppo politicizzato sapeva. Ricordiamoci anche che ci sono le due missive che purtroppo arrivano a conoscenza a strage avvenuta; sono due missive scritte con una macchina che abbiamo recuperato, che certamente annunciano la strage: è quello che arriva al Giornale di Brescia. Allora faccio la considerazione che a Brescia e nell'area bresciana era in atto il preparativo di qualcosa di grosso e viene colta l'occasione della riunione improvvisa e a breve scadenza concordata dai sindacati. Quindi, non escludo che ci siano state due diverse configurazioni nell'attentato, quella di chi voleva lo scherzo ai rossi, come scrivevano sul muri, e quella di chi invece, sapendo che veniva fatto lo scherzo, ha voluto la strage ». 

Le parole di Delfino, alla luce delle recenti novità investigative (che riguardano proprio il ruolo di alcuni esponenti neofascisti veronesi nella strage del ‘74), sono assai importanti.

 

Generale, scusi, ma come faceva a sapere di questa duplice mano?

“In realtà ce lo disse lo stesso Buzzi”.

Cioè, cosa vi disse?

“Buzzi ci parlò dei veneti, ci fece dei nomi, naturalmente falsi, nomi di battaglia. Noi cercammo di capire a chi appartenessero ma non riuscimmo a scoprire nulla, non riuscimmo a individuare le persone che Buzzi ci stava indicando”.

Ma può essere legata a queste sue conoscenze la sua terribile morte?

“Sì, assolutamente sì.” – risponde l’ex generale dei Carabinieri che ricorda bene il gran via vai di veronesi che c’era a Brescia in quel periodo. “Ai funerali di Silvio Ferrari (lo studente dell’organizzazione nera Anno Zero che saltò in aria sulla sua motoretta il 18 maggio del ’74, dieci giorni prima della strage, mentre trasportava esplosivo in un pacco che teneva tra le gambe, Nda) c’erano i veronesi a dettar legge. Il gruppo di neofascisti bresciani aveva capacità operativa di medio livello, il centro direttivo, invece, era a Verona”.

Come le fu possibile capire immediatamente che l’attentato era diretto contro i Carabinieri e non contro i manifestanti (cioè che lo schema non era quello solito dell’attacco dei neri contro i rossi)?

“E’ molto semplice, conoscevo la piazza e la usuale dislocazione delle forze dell’ordine”, risponde Delfino senza girarci troppo intorno. 

Parlare del gruppo veronese di Ordine nuovo, guidato da figure di primissimo piano come Elio Massagrande, l’ufficiale paracadutista che girava con la Dyane 6 celestina, Roberto Besutti, l’addestratore di giovani militanti di On per le grandi prove che la vita di soldati politici gli avrebbe imposto, o Claudio Bizzari, brillante organizzatore di iniziative politiche, non è un dettaglio di una grande, sconfinata e mai conclusa inchiesta. Oggi è noto che la città veneta è stata anche il luogo prescelto dai teorici della Scuola del gruppo di Ordine nuovo, il think tank nero, dove far nascere sette esoteriche che attiravano giovani manovali del terrore.

A Verona c’era tutto l’armamentario della guerra non convenzionale e c’era una fitta rete di agenti atlantici che tirava i fili per far muovere tanti burattini. Uno scenario che rende ancor più fragile la figura del piccolo ladro di opere d’arte qual era Buzzi, del resto a suo tempo identificato solo come uno degli esecutori materiali - un giudizio che già allora, nonostante l’enfasi dei giudici Vino e Trovato, non risolveva il problema degli altri complici e degli ispiratori. Un giudizio che assunse la forma di una tenaglia, sostenuto dalle accuse del suo amico intimissimo Angelino Papa, diciottenne, e dalla testimonianza fondamentale di Ugo Bonati, poi scomparso nel nulla - al coro si unì anche Quex, il giornale della destra ‘parastatale’, per usare una formula cara a Vincenzo Vinciguerra. Un grande cronista come Giulio Obici paragonò Buzzi al finto anarchico Bertoli e notò che a quest’ultimo era stata opportunamente tatuata sulla pelle una A dell’anarchia come a Buzzi il simbolo nazista delle SS che però, scrisse Obici (Paese sera 19 maggio 1975) fu “improvvisamente corretto con una falce e martello il giorno dopo la strage…”(Obici era un cronista esperto e informato, come conferma l’azzeccato paragone, ma questo particolare non è poi mai stato confermato, si può ipotizzare che glielo riferì qualche informatore che sosteneva la ‘pista Buzzi’)

Ancora oggi, nella stanzetta del residence dove gentili infermiere si prendono cura di lui, Francesco Delfino non ha dubbi: “Anche il gruppo veronese non rispondeva solo a se stesso. Era manovrato dagli agenti atlantici. Esisteva una rete molto vasta di personaggi che facevano capo alle basi militari. Uno dei capi più attivi era un americano che ha abitato per un certo periodo con la moglie a Verona, ma non ho mai saputo il suo nome”.

Generale, lei sta facendo riferimento ad una sovrastruttura straniera?

“Sto parlando di un potere non italiano che ha determinato il caos nel nostro paese. Noi abbiamo scoperto quello che ci è stato consentito di scoprire”, chiosa Delfino. 

Non aggiunge altro. Va solo ricordato che un brandello di verità giudiziaria per la strage di Piazza della Loggia esiste e porta lontano. I giudici della Corte d'assise d'appello di Brescia, infatti, che il 14 aprile del 2012, oltre alle assoluzioni, hanno anche scritto con certezza che l'esplosivo per la strage venne consegnato da Carlo Digilio, l’artificiere di Ordine nuovo, a Marcello Soffiati, ristoratore di Colognola, fascista, amico di Spiazzi e Massagrande, soprattutto uomo della Rete atlantica. Resta ora da capire il contributo dei neofascisti veronesi e a chi davvero rispondessero delle loro imprese.

 

Commenti all'articolo

  • Di Persio Flacco (---.---.---.177) 19 febbraio 2014 19:20

    Al puzzle mancano alcune tessere, è vero, ma la figura che rappresenta è ormai chiarissima. Dunque non serve collocarle tutte.

    Quello che a molti non è ancora chiaro è un altro aspetto.

    Poniamo che una eminente personalità politica, da sempre nel Parlamento Italiano e che più volte nel corso della sua lunga carriera ha assunto incarichi di governo, prima che i fatti si svolgano venga messo a conoscenza che sta per iniziare una stagione di disordini, attentati, atti eversivi facenti parti di un piano le cui fila sono tenute dall’intelligence di un paese straniero "amico".
    Poniamo che gli venga comunicato lo scopo di quanto si va preparando: garantire la fedeltà atlantica dell’Italia, paese strategicamente rilevante per l’area mediterranea, per mezzo di una reazione al disordine che metta fuori gioco ogni tendenza contraria.

    La reazione di questa eminente personalità politica alla notizia sarà diversa a seconda della qualità dei suoi principi morali e civili:

    1. se, come uomo delle Istituzioni, ritenesse la fedeltà alla Repubblica e la lealtà al suo Popolo come il più alto dei suoi doveri salterebbe sulla sedia e attiverebbe tutti gli strumenti di cui dispone per resistere all’ingerenza;

    2. se, come politico, per ideologia, interesse o altro, ritenesse che il piano eversivo corrisponde alle sue personali visioni strategiche allora fingerebbe scandalo e, o non farebbe assolutamente nulla, oppure farebbe il possibile per agevolarne il corso.

    In Italia, da quasi 70 anni, la norma di comportamento della nostra classe politica ricade sotto il caso 2. Con questa premessa è inutile aggiungere nuove rivelazioni sugli episodi oscuri della nostra storia recente: nessuno nella classe politica di potere salta sulla sedia, nessuno adotta provvedimenti concreti per porre rimedia a quella che è oggettivamente una subordinazione della sovranità nazionale a delle potenze straniere. La norma è il muro di gomma opposto ai cittadini e la sostanziale adesione alle strategie estere, a prescindere dalla volontà democraticamente espressa dal Popolo italiano.

    E’ chiaro che in tali condizioni non può esservi un vero controllo democratico sulle forze politiche di governo; è chiaro che alcune forze politiche si avvantaggiano del supporto che ricevono dall’esterno alterando gli equilibri della vita politica; è chiaro che se la priorità per i referenti esteri di una certa forza politica è l’adesione alle sue strategie ogni altra considerazione passa in secondo piano.

    Ad esempio, una certa forza politica potrebbe reggersi su clientele corrotte, potrebbe anche essere collusa col malaffare o addirittura con la criminalità organizzata, ma se garantisce fedeltà ai suoi referenti stranieri essi la sosterranno e la proteggeranno così com’è, a prescindere dai guasti che può arrecare al Paese.

    Qui non si tratta di essere antiamericano o antioccidentale, si tratta di rivendicare la dignità di essere liberi cittadini in un libero Stato.

    Senza questo presupposto non illudiamoci di essere padroni del nostro destino, perché non è vero.

    • Di Truman Burbank (---.---.---.251) 19 febbraio 2014 19:32
      Truman Burbank

      Ottimo commento, ma penso valga sempre la pena di ricostruire la propria storia. L’asservimento della nazione italiana ad interessi stranieri è stato da sempre costruito sulla manipolazione della storia. 1984 di Orwell parlava del passato, non del futuro.
      Solo chi conosce il proprio passato, le proprie origini, sa chi è (conosce la propria identità) ed è in grado di decidere il proprio destino.

      Ricostruire la verità storica non è mai un lavoro ozioso.
      Chi non conosce il proprio passato è condannato a ripeterlo, diceva George Santayana.

    • Di GeriSteve (---.---.---.93) 23 febbraio 2014 12:15

      TIPOLOGIE
      La distinzione tipo 1 / 2 è fondamentale, ma se guardiamo la storia vediamo che il tipo 2 è rappresentatissimo: non solo Andreotti, Segni, Saragat, Rumor, Fanfani, Cossiga, ma quasi tutto il panteon democristiano e quello comunista.
       Quelli di tipo 1 sono stati pochissimi e spesso caratterizzati da vite brevi e morti violente.
      Fra gli eminenti uomini politici forse solo Moro , Berlinguer e Pertini, fra i politici meno eminenti Spadolini, Gualtieri e la Anselmi, fra i servitori dello stato forse Dalla Chiesa, Palermo, Falcone, Borsellino; anche i giornalisti come Andrea Purgatori e Ilaria Alpi sono stati pochini.

      Poi ci sono personaggi di mezzo, ambigui, nello stato ma che certamente hanno avuto molto a che fare con l’antistato. Delfino è uno di questi, e sarebbe stato bene ricordarlo

      GeriSteve

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità