• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tribuna Libera > Statali in pensione con 42 anni e 3 mesi di contributi

Statali in pensione con 42 anni e 3 mesi di contributi

 
Matteo Renzi archivia così i primi 100 giorni di governo, chiedendo altro tempo: altri mille giorni! Intanto la riforma della Pubblica Amministrazione è stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale, dopo la firma di Giorgio Napolitano, e i suoi “provvedimenti” sono, pertanto, in vigore già da oggi. 
 
Qualcosa è saltato, come la norma che vietava ai consiglieri di Stato di far parte dei gabinetti dei ministri, o l’unificazione del Pra e della Motorizzazione Civile. Qualcosa è stato riveduto e corretto, come il pensionamento anticipato di magistrati e militari, posticipato al 2016. Qualcos’altro è stato confermato, come le regole sulla mobilità, che sarà obbligatoria entro i 50 chilometri, mentre per quella volontaria non ci sarà più bisogno del nulla osta dell’amministrazione di provenienza. Ma in buona sostanza il disegno “riformatore” del governo è rimasto tale e quale, così com’era. 
 
Pertanto, aspettarsi che questa "riforma" possa da sola rifondare la burocrazia italiana liberando il Paese dal "mal di bolli, cera lacca, fascicoli e faldoni" è come sperare di curare il cancro con un’aspirina e un bicchier d’acqua!
 
Ma veniamo a quello che, poi, interessa realmente i travet dello Stato: le pensioni. La famigerata “staffetta generazionale”- prepensionare i lavoratori più anziani per far posto a nuove assunzioni di giovani - non ha subito sostanziali cambiamenti. Per gli statali, da ottobre, sarà abolito il trattenimento in servizio. Non sarà possibile prolungare per altri due anni, come accade oggi, la permanenza in servizio una volta che si sono raggiunti i requisiti per il ritiro. Tale provvedimento libererà, secondo i calcoli del governo, 15 mila posti in tre anni e farà il paio con un’altra norma inserita nella riforma con l’obiettivo di "svecchiare" le pubbliche amministrazioni.
 
Si tratta della norma che autorizza ministeri, Comuni, Regioni, e tutte le altre articolazioni della Pa, ad obbligare chi ha raggiunto il massimo dei contributi previdenziali, ossia 42 anni e 3 mesi, a lasciare il lavoro. Secondo le stime della Funzione pubblica, questa regola potrebbe liberare fino a 60 mila posti in un triennio. Ma la "staffetta generazionale" avrà comunque un costo per le casse dello Stato, la cui copertura ancora non si sa bene da dove arriverà. E se è vero che a pensar male si fa peccato, ma spesso ci si azzecca, allora è facile intuire da dove e come arriveranno i soldi: dai soliti noti con l'ennesima stangata!
 
Questo articolo è stato pubblicato qui

Commenti all'articolo

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità