• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tribuna Libera > Sigaretta elettronica: efficace e sicura?

Sigaretta elettronica: efficace e sicura?

La Lega italiana antifumo considera l’“e-cigarette” un valido rimedio contro i danni arrecati dalle “bionde”. Al contrario, l’Iss e l’Oms sono scettici al riguardo.

 

È veramente efficace la tanto pubblicizzata sigaretta elettronica per togliersi il vizio del fumo o potrebbe essere a sua volta dannosa? Di recente l’Istituto superiore di sanità ha consegnato al ministro della Salute, Renato Balduzzi, un documento nel quale si precisa che non è ancora dimostrata l’efficacia del prodotto per aiutare a smettere di fumare e che ci sono elementi da chiarire riguardo alla sua tossicità. Secondo gli esperti dell’Iss, "la sigaretta elettronica è meno tossica di quella tradizionale, ma non si può affermare che sia del tutto innocua" e, pertanto, "le sigarette elettroniche andrebbero regolamentate come dispositivi medici o prodotti farmaceutici e non come prodotti del tabacco".

 

logo_ers



La European Respiratory Society ritiene che il fumo elettronico possa sostituire quello tradizionale, perché arreca meno conseguenze negative alla salute, e molti cardiologi prescrivono le “e-cigarette”. Secondo l’Iss, invece, esse "potrebbero rappresentare un rischio di iniziazione al fumo convenzionale a base di tabacco e di potenziale dipendenza". In questo contesto, tanti fumatori si chiedono se questo espediente sia o no veramente efficace per eliminare il vizio del fumo: la risposta, però, non è facile da fornire. La produzione di tabacco è in mano a poche multinazionali (la maggiore delle quali è l’azienda di stato cinese), che si spartiscono un giro d’affari dalle cifre astronomiche, non facilmente quantificabili. C’è anche un traffico di dimensioni notevoli legato al contrabbando di sigarette, che frutterebbe quindici miliardi di euro in Europa, 500 milioni dei quali in Italia.

L’Organizzazione mondiale della sanità già due anni fa raccomandava cautela, sostenendo nel rapporto Conference of the Parties to the Who Framework Convention on Tobacco Control che "questi “dispositivi” sono pubblicizzati come metodo per smettere di fumare ma non esistono prove scientifiche che ne dimostrino l’efficacia". L’Oms ha organizzato una Conferenza sul controllo del tabacco, tenutasi il 20 novembre del 2010 a Punta del Este, in Uruguay, in cui ha stabilito che la sigaretta elettronica non è una terapia sostitutiva del fumo tradizionale. I 171 Paesi aderenti hanno firmato un accordo che ha messo al bando nelle e-cigarette gli additivi e i profumi usati per renderle più apprezzate, sottolineando che l’impiego delle sostanze aromatiche, in alcuni casi, potrebbe essere più pericoloso del tabacco stesso.

Kit



Inventata in Cina nel 2004, la sigaretta elettronica è in commercio in numerosi Paesi, tra cui l’Italia. Si tratta di un mini-aerosol metallico di acciaio inossidabile, che ha una camera per la memorizzazione di nicotina liquida in varie concentrazioni. Al suo interno possono essere inseriti dei fluidi che verranno trasformati in vapori aromatizzati, in grado di garantire l’illusione di fumare. Alimentata da una batteria ricaricabile, che consente di inalare il vapore di una soluzione di glicole propilenico, glicerolo, nicotina (in quantità variabile o anche assente) e aromi naturali, assomiglia a una sigaretta vera, però non si respira fumo, ma nebbia colloidale, che viene assorbita dai polmoni, avendo così una sensazione simile a quella provata quando si aspira una “bionda”.

In una sigaretta normale sono presenti, oltre alla nicotina, più di 4.000 sostanze tossiche, tra cui acetone, additivi chimici (come gli acidi silicico, carbonico, acetico, formico, benzoico e il diossido di titanio), ammoniaca, arsenico, cianuro di vinile, condensati (catrami o bituminosi), gas irritanti (acroleina, formaldeide, ossidi d’azoto), mercurio, monossido di carbonio. In più, c’è anche il polonio 210, una sostanza radioattiva, per cui fumare 30 sigarette al giorno equivale a fare, in un anno, 300 radiografie al torace! Da non dimenticare, inoltre, che le tasse sul tabacco rappresentano una parte rilevante delle entrate statali. Chi fuma per 40 anni è come se spendesse, calcolando un interesse composto, il corrispettivo di un appartamento. Inoltre, paga significativi importi di tasse: circa 3/4 del costo di un pacchetto di sigarette, infatti, sono imposte statali, per un introito di circa 8-10 miliardi di euro l’anno.

logo liaf

Nel febbraio 2010, il Ministero della Sanità ha chiesto di evidenziare la concentrazione di nicotina delle sigarette elettroniche, apponendo i necessari simboli di tossicità e inserendo la frase: "Tenere lontano dalla portata dei bambini". D’altro canto, la Lega italiana antifumo ne ha sottolineato l’utilità come valido aiuto per diminuire il numero di sigarette e per smettere di fumare. Il vapore di una e-cigarette, infatti, non contiene catrame, né alcuna delle altre sostanze nocive sopra indicate, per cui non si arrecano danni ai polmoni, né c’è il rischio di un cancro. Tutti gli effetti negativi delle sigarette normali sono praticamente assenti, tranne quelli direttamente connessi alla nicotina. La quantità di nicotina contenuta in un filtro elettronico e la sua durata equivalgono a circa 10 sigarette normali.

Riteniamo, dunque, che sia necessario regolamentare l’impiego di sostanze aromatiche nella sigaretta elettronica, tenendo sempre presente che non c’è alcuna prova sperimentale che ne dimostri l’efficacia come terapia sostitutiva del fumo tradizionale. Essa non è da intendersi, pertanto, come rimedio contro il tabagismo, né come una sostituzione di eventuali cure mediche prescritte allo scopo, anche se sembra certo che, utilizzandola correttamente, non provochi gli effetti tossici di una sigaretta normale.

Le immagini: i loghi della Ers e della Liaf e due tipi di sigaretta elettronica.

Dora Anna Rocca

 

Questo articolo è stato pubblicato qui

I commenti più votati

  • Di Claudia (---.---.---.242) 5 febbraio 2013 17:23

    Anche io sono passata alla sigaretta elettronica qualche mese fa. La mia scelta è stata dettata dalla volontà di trovare un’alternativa al fumo tradizionale che mi permettesse di non abbandonare il vizio ma di liberarmi degli indiscutibili effetti negativi sulla mia salute perché per quanto non riuscissi a smettere di fumare, l’idea di ciò che effettivamente inalavo mi preoccupava non poco. Io all’inizio ero scettica perché avevo paura di passare dalla padella alla brace, ma poi ho trovato sul sito ufficiale della LIAF diversi video che mettevano un po’ in chiaro le caratteristiche dell’e-cig, come questo ad esempio http://www.liaf-onlus.org/page.php?..., e mi sono convinta a provare. Io non sono un medico e non ho prove scientifiche per dimostrare che l’elettronica sia totalmente salutare, ma di sicuro ci sono la mia gola e i miei polmoni che si sentono decisamente meglio: insomma, non tornerei indietro perché mi trovo bene così, lontano dalle sigarette tradizionali e dalle loro schifezze.

Commenti all'articolo

  • Di (---.---.---.213) 3 febbraio 2013 23:55

    tutto giusto, svapo (si dice svapare, non fumare smiley da ormai sei mesi, il portafoglio, l’alito e la salute sono migliorate notevolmente.
    La e-cig (sigaretta elettronica) non fa smettere di fumare nel senso che assumiamo la nostra buona dose di nicotina;,la sigaretta elettronica è quasi sempre usata al posto delle sigarette.
    L’unica cosa che si aspira sono fumi di glicole e glicerolo, che non sono dannosi (lavoro nella chimica: basta leggere le Schede di Sicurezza obbligatorie in europa) tanto che sono normalmente usate come base di tantissimi farmaci.
    L’unico danno può venire dalla nicotina, come nelle normali sigarette, ma lo svapo è ENORMEMENTE più salutare della sigaretta; inoltre i costi sono circa 1/4 delle normali sigarette.
    Certo se si comprano liquidi di provenienza ignota o dispositivi non marcati CE si rischia la salute (sono questi i tanto strombazzati sequestri che si leggono sui giornali), ma questo vale anche per i giocattoli o gli alimenti.
    Io penso chi si oppone alla sigaretta elettronica non lo fa per la salute delle persone ... ma per l’enorme quantità denaro che multinazionali e governi succhiano dai fumatori

  • Di Claudia (---.---.---.242) 5 febbraio 2013 17:23

    Anche io sono passata alla sigaretta elettronica qualche mese fa. La mia scelta è stata dettata dalla volontà di trovare un’alternativa al fumo tradizionale che mi permettesse di non abbandonare il vizio ma di liberarmi degli indiscutibili effetti negativi sulla mia salute perché per quanto non riuscissi a smettere di fumare, l’idea di ciò che effettivamente inalavo mi preoccupava non poco. Io all’inizio ero scettica perché avevo paura di passare dalla padella alla brace, ma poi ho trovato sul sito ufficiale della LIAF diversi video che mettevano un po’ in chiaro le caratteristiche dell’e-cig, come questo ad esempio http://www.liaf-onlus.org/page.php?..., e mi sono convinta a provare. Io non sono un medico e non ho prove scientifiche per dimostrare che l’elettronica sia totalmente salutare, ma di sicuro ci sono la mia gola e i miei polmoni che si sentono decisamente meglio: insomma, non tornerei indietro perché mi trovo bene così, lontano dalle sigarette tradizionali e dalle loro schifezze.

  • Di (---.---.---.186) 6 febbraio 2013 12:23

    ho fatto una riflessione su huffpost http://www.huffingtonpost.it/carlo-pileri/con-le-elettrosigarette-lo-stato-perdera-quasi-3-miliardi-di-euro-il-costo-di-una-nuova-manovra_b_2621358.html ritenendo che sia necessaria maggiore attenzione sulle istruzioni ma non si deve neanche favorire una campagna contraria aprioristicamente perchè magari qualcuno ci rimette dalla concorrenza e dal calo delle vendite delle sigarette tradizionali

  • Di (---.---.---.59) 19 febbraio 2013 16:14

    Da quando sono passata alla sigaretta elettronica ho ritrovato i sapori e gli odori. La mia pelle è più luminosa e i vestiti non puzzano più. Sono rinata grazie alla sigaretta elettronica.
    Sara
    www.sigarettaelettronica.co.uk

  • Di (---.---.---.147) 3 agosto 2013 22:41

    buona sera sono una donna di 38 anni fumo fin da quando ero molto piccola ,fumo in media un pacchetto di camel al giorno da 3 giorni ho comprato la sigaretta eletronica con 0,8 di nicotina secondo me non aiuta a smettere di fumare ma solo a smettere di comprarle ,che poi devo dire che magari per me già vuol dire tanto riuscire a fumarne 5 invece di 30 35 al giorno ma non so fino a che punto possa ancora aspirare questo così detto vapore visto che non so per certo cosa vi e contenuto ,gradirei un consiglio grazie

     

    • Di (---.---.---.122) 19 agosto 2013 16:36

      Buongiorno a lei, sono un commerciante di Vaporizzatori Personali (sigarette elettroniche) e cercherò di essere comunque neutrale, anche se ormai sono un sostenitore della nuova tecnologia e solo dopo ho deciso di aprire un negozio. Perché ci credo.

      Se lei ha paura di quel cosiddetto vapore, la rimando ad una pagina del mio sito in cui si parla degli aromi. http://www.fumoblu.it/aromi.html
      Le sostanze vaporizzate sono:
      1) Glicole Propilenico (utilizzato in farmaceutica e in alimentari, considerato non dannoso)
      2) Glicerolo Vegetale (nella sua vita ne avrà assimilata tanta come crema per le mani. Nivea, per esempio)
      3) Acqua (pericolosa...?)
      4) Aromi naturali (gli aromi sono ovunque, nei dolci, nelle merendine, nei succhi...)
      5) Nicotina (a piccole dosi la Nicotina fa bene, come la caffeina. Una curiosità: lo sapeva che contengono nicotina anche i pomodori, le melanzane, le zucchine e le patate?)

      Le consiglio comunque di non fermarsi qui e girare per la rete, informarsi e valutare con la sua testa.
      Solo dopo deciderà se continuare ad usare il Vaporizzatore o tornare a farsi male con quelle antiche cose fatte con la carta e con migliaia di schifezze dannose per il corpo.
      Se vuole sapere cosa c’è nelle sigarette di tabacco, legga qui http://www.fumoblu.it/info.html poi legga altrove e si renda conto di quanto male fanno...

      Mi raccomando. La verità ci aiuterà a tenere aperti i negozi, a sopravvivere e aiuterà tutti a diventare degli ex-fumatori. Che non è una brutta cosa...
      Grazie.

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares