Fermer

  • AgoraVox su Twitter
  • RSS

 Home page > Tribuna Libera > Se è la dignità ad uscire di scena

Se è la dignità ad uscire di scena

Pietro Paganelli, 72 anni, di Napoli, perseguitato dalle cartelle esattoriali ha lasciato scritto: “La dignità vale più della vita di un uomo”.

Il suicidio è l’atto estremo contro la ragione. Spiegarlo sarebbe una contraddizione logica, preferiamo fermarci sull’orlo del buio. Sulla soglia del buco nero nel quale è precipitato chi ha puntato una pistola alla propria tempia, o chi si è stretto un cappio intorno al collo. Non abbiamo risorse per comprendere le ragioni che conducono un essere umano a preferire l’uscita di scena dalla vita. Possiamo solo immaginarlo sorridente e disperato, fragilissimo eppure stoico, mentre in cuor suo dice addio alle persone, ai luoghi, agli oggetti che gli sono cari. Ci sembra di vederlo annegare nell’assenza di luce e un istante dopo risalire verso la luce. Specialmente se l’ultimo messaggio lasciato ai familiari fa appello al nobile fulgore della dignità.

La dignità.

Ci fermiamo dinanzi alle ragioni, ma non possiamo non inchinarci davanti alla nobiltà di un principio, uscire di scena piuttosto che assistere all’inquinamento della gravitas, della fermezza morale.

Nasce da qui il senso di solidarietà verso chi ha lasciato il posto che gli spettava nella vita. Nasce da qui la compassione verso chi ha preferito uscire di scena prima che su di lui cadesse una macchia e prima che quella macchia finisse per lambire anche familiari, amici, colleghi, dipendenti.

Non si accende invece nessuna solidarietà verso chi continua a rimanere al suo posto, macchiati lui e il posto dalle accuse di appropriazione indebita di denaro pubblico. Si accende invece un senso di rivolta morale e perfino intestinale contro senatori, deputati, consiglieri regionali e provinciali che hanno approfittato della carica pubblica che gli è stata conferita per conseguire vantaggi privati a discapito della comunità che avrebbero dovuto rappresentare. Uomini e donne che vediamo – nelle foto pubblicate sui giornali e nei servizi televisivi - sorridenti, vestiti con abiti di buon taglio, curati dalle abili mani dei parrucchieri e dei massaggiatori pagati dai contribuenti, abbronzati al sole delle vacanze pagate dai contribuenti, ben nutriti dai cuochi pagati dai contribuenti.

A scanso di equivoci, questa non vuole essere una istigazione al suicidio. E non si pretende neppure di alzare una voce moralistica per condannare l’uomo caduto in tentazione. Nessuno vuol scagliare la prima pietra.

Ma è rivoltante assistere allo spettacolo di qualcuno che difende le azioni illecitamente commesse. Gli uomini politici sotto inchiesta non si contano più. Ogni giorno interpretano una farsa per tentare la grottesca difesa dell’indifendibile: distrazione di fondi pubblici per l’acquisto di una laurea, per il pranzo di un matrimonio, per le vacanze in un resort a cinque stelle.

Ad accomunare questa categoria di esseri umani è solo la protervia. Niente altro. Nemmeno quel barlume di buon senso, di compostezza morale, di decoro che dovrebbe spingerli a uscire silenziosamente e a capo chino dai luoghi in cui si vive e si lavora al servizio della Comunità e non - sprezzantemente - al di sopra di essa.

La protervia li tiene incollati ai luoghi del potere. Non se ne vanno. Non tolgono il disturbo. Non seguono l’esempio dei colleghi stranieri che per molto meno rassegnano le dimissioni e non si accorgono neppure che ad uscire di scena è stato l’alto senso della dignità che sembrano aver smarrito per sempre.

 


Ti potrebbero interessare anche

Texas, malato psichiatrico tenta il suicidio. La polizia spara e lo uccide - VIDEO
Morire di Palestina
Ma Al Quaeda o l’Isis sono solo quel che sembrano?
Dal Salento: fuochi d’artificio superflui e la leggiadria di un aquilone
Voglia di guardare - Il cinema di Joe D'Amato


Lasciare un commento


Sostieni AgoraVox

(Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

Un codice colorato permette di riconoscere:

  • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
  • L'autore dell'aritcolo

Se notate un bug non esitate a contattarci.



Pubblicità




Pubblicità



Palmares


Pubblicità