• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tribuna Libera > Satira: Chalie Hebdo, la Fede alla prova della vignetta

Satira: Chalie Hebdo, la Fede alla prova della vignetta

La copertina di inizio gennaio di Charlie Hebdo è stata bollata, tanto per cambiare, come satira a buon mercato, ma è forse la più politica che la rivista abbia mai realizzato.

JPEG - 28.8 Kb

Un dio in copertina, con la barba lunga e con un kalashnikov sulle spalle, viene stigmatizzato dalla scritta: «L’assassino è ancora in giro». Non una satira profana, ma una critica sul ruolo che i fanatici hanno fatto assurgere alla religione, a tutte le religioni.

Le vignette di Charlie non possono fare paura se la fede è incrollabile e non circostanziata ad una ritualità abitudinaria, lasciando al Dio di Abramo l’essere Misericordioso o Vendicativo. Ci si indigna per una vignetta, ma i morti e le comunità assediate in Siria e in Iraq non sembrano fare notizia quanto l’intervista realizzata da Sean Penn a Joaquín Archivaldo “El Chapo” Guzmán Loera per "Rolling Stone".

La redazione Charlie si sente sola e le file interminabili alle edicole per comprare il settimanale non ci sono più come un anno fa, quando si gridava “Je suis Charlie” e le folle oceaniche che manifestavano sdegno all’indomani dei massacri nella redazione e nel Hyper Cacher sono scemate nell’anniversario a place de la Republique.

Non è essere Charlie, ma essere noi senza condizionamenti a ritenere che un disegno irriverente rimane solo un segno sulla carta e non una raffica di kalashnikov che stronca delle vite. Molte polemiche per una copertina che accusa la strumentalizzazione delle Religioni per "giustificare" ogni tipo di massacro commesso nell'anonimato delle strade o dallo scranno di un tribunale.

John Lennon sussurrava, in Imagine, di pensare ad un giorno in cui la gente poteva vivere in pace perché non c’erano nazioni e neanche religioni per cui uccidere o morire. Vaneggiamenti di un’utopista, ma sembra impossibile che per gran parte dell’umanità ci sia bisogno d’incentivi per poter fare del bene o del male, dei premi – dei benefit – per aiutare o uccidere il prossimo.

Non è indispensabile confidare in un’ideologia o non credere di dover aderire a un “pensiero unico”, magari sentirsi parte di un branco, per ritenere giusto seguire tre fondamenti: Non Uccidere – Non Rubare – Rispetta il tuo prossimo.

Dovrebbe essere secondaria l’ipotesi di ricevere un premio o la possibilità di “conquistare” un Paradiso per agire nel rispetto di chi ti è vicino o lontano, come non è essenziale fare del male in nome di qualcosa perché ci si sente depressi e sconsolati.

La quotidianità delle persone è laicamente pubblica mentre le proprie convinzioni religiose si debbono ritenere una consapevolezza privata che non deve influenzare la vita altrui e in questo ambito dovrebbe rientrare la possibilità di non offendere gli altrui credo.

La Religione non può essere fonte d’ispirazione per nuocere a chi non condivide le nostre stesse idee, ma solo la possibilità misericordiosa di condividere la vita.

 

******************

Qualcosa di più:

Daesh colpisce nuovamente Parigi

Parigi Non ha paura

******************

 

 

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità