• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Politica > Sardegna terra di conquista NATO e dell’imperialismo italofrancese ma c’è (...)

Sardegna terra di conquista NATO e dell’imperialismo italofrancese ma c’è chi dice no

Sardegna terra di conquista NATO e dell'imperialismo italofrancese ma c'è chi dice no

La Sardegna è conosciuta mondialmente per le richezze archeologiche e culturali, dai nuraghi ai Giganti di Monte Prama, per aver dato vita a importanti esponenti della cultura come Gramsci e Grazia Deledda, e per la belezza del suo paesaggio. Ma c'è un'altra Sardegna, quella di cui pochi parlano, ed è la Sardegna dei disastri petroliferi, delle basi militari NATO e non, dello sfruttamento delle multinazionali  e delle morti sul lavoro, di cui la tragedia alla Saras è stata l'apice, dell'uranio impoverito, di cui la vicenda del poligono di Quirra è solo l'ultimo esempio. Oltre si deve aggiungere l'eventuale prossima costruzione dei radar militari (tra cui quello a Capo Sperone) e l'eventuale costruzione di centrali nucleari da parte dello Stato italiano, con collaborazione della multinazionale francese Areva. La Sardegna praticamente è stata e rimane la portaerei dell'Italia, della NATO, e quindi degli USA, e di essa ci si ricorda giusto quando sono in ballo interessi economici e politici, oppure quando serve come luogo di relax dei vari magnati e dei cosidetti "Vip" di tutto il mondo - basti pensare alla Costa Smeralda. Nell'isola contro l'attuale stato di cose sono attivi molti comitati tra cui quello contro il radar di Capo Sperone, di cui è attiva anche una pagina su facebook, Gettiamo le Basi, varie associazioni, movimenti e partiti indipendetisti come SardIgna Natzione Indipendentzia, IRS Repubblica de Sardigna e A Manca Pro s' Indipendentzia e filoindipendentisti come Uniti e Diversi Sardegna.

Inoltre è stato minacciato di morte Antonello Tiddia, conosciuto come "il minatore rosso" e impegnato nel denunciare la costruzione del radar di Capo Sperone e contro le varie ingiustizie in Sardegna e non, segno che l'impegno nel denunciare le malefatte e i progetti dei governi (e delle multinazionali), che vanno contro le scelte del popolo/i, dà molto fastidio ai potenti di turno e a chi fa il loro gioco.

Rimanendo in tema, è da segnalare anche la crescente "crociata" contro gli ambienti indipendentisti che ha avuto il suo apice nell'arresto di Bruno Bellomente nel 2009, fatto che è stato recentemente ricordato durante la festa della "Patria Sarda" il 28 aprile 2011 a Thiesi.

Il 5 maggio, inoltre, è stato il trentesimo anniversario della morte del patriota irlandese Bobby Sands. Lui disse: "Non ci potrà mai essere pace in Irlanda fino a quando l'oppressiva, potenza straniera britannica non sarà rimossa lasciando tutto il popolo irlandese come un un'unità che controlla i propri affari e determina il proprio destino come un popolo sovrano, libero nella mente e nel corpo, separato e distinto fisicamente, culturalmente ed economicamente".

Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares