• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tribuna Libera > Roma: a settembre Forum Rom Sinti e Caminanti per liberare l’Italia dal (...)

Roma: a settembre Forum Rom Sinti e Caminanti per liberare l’Italia dal razzismo

Sabato 14 settembre 2019, alle ore 11.00, c/o Scoup, Via della Stazione Tuscolana 84, Roma – Italia, si terrà un'assemblea nazionale del Forum Indivisibili e Solidali alla quale parteciperanno importantissime personalità internazionali della rappresentanza Rom Sinti Caminanti (RSC). Hanno già assicurato la loro partecipazione Zoran Dimov, Presidente della International Romanì Union (IRU), Mania Petrovic, Natasha Mailk del GR8 di Londra e Zlatko Mladenov dalla Bulgaria.

Roma/Londra/Skopie/Sofia

JPEG - 278 Kb
Londra 2 agosto 2019 - Piazza del Parlamento - Virgil Bitu, Grattan Puxon e Marcello Zuinisi

Un incontro che sta assumendo una importanza cruciale nella lotta contro il razzismo. Già a Londra, il 2 agosto 2019, si era tenuta una importantissima giornata di lotta, confronto e riflessione per ricordare l'Olocausto di RSC. Davanti al Parlamento del Regno Unito, sotto la statua del Mahatma Gandhi, si è svolta una manifestazione organizzata dal GR8, movimento fondato da Grattan Puxon, leader storico della IRU. In corteo, gli attivisti, si sono spostati in Hyde Park e successivamente nella sede di rappresentanza della Commissione Europea, dove sono stati consegnati documenti ed un simbolico cartellino rosso per non aver sufficientemente protetto RSC dalle politiche razziste dei Governi e degli Stati.

L'evento, portava alla memoria, i fatti del 2 agosto 1944, quando ad Auschwitz, gli ultimi 2987 sopravvissuti RSC, vennero condotti, dalle SS naziste, nelle camere a gas e nei forni crematori. Un Olocausto chiamato Porrajmos o Samudaripen. Un anno fa, la redazione berlinese Redfish, realizzò una intervista ad una sopravvissuta: Rita Pregmore. All'età di tre anni era nelle mani di Joseff Menghele. Sua sorellina venne uccisa, la madre sterilizzata. Lei si è salvata anche se porta, ancora sul suo corpo, i segni delle torture. Rita ha detto: “Auschiwtz sta dormendo, Auschwitz può svegliarsi”.

Alla manifestazione hanno partecipato alcuni dei protagonisti della lotta di autodeterminazione del popolo Romanì in Europa: Bitu Virgil (Romania), Victoria Most (Moldavia), Grattan Puxon, Melissa Gunasena, Luile Poilin, Ioana Costantinescu (Inghilterra), Gilles Eynard (Francia), Julia O'Reilly (Irlanda), Ann Margreth Date (Svezia), Ladislav Balaz (Croazia), Mania Petrovic, Natasha Mailk, Carmen Grixti, Ulrike Schmidt coordinatrice di Amnesty International, Weyman Bennett di Stand Up to Racism, David Rosenberg del Gruppo Socialisti Ebrei, Marcello Zuinisi (Italia) e molti altri cittadini e cittadine giunti, in solidarietà, da tutta Londra.

JPEG - 85.5 Kb
Zoran Dimov Presidente International Romanì Union IRU

Nel pomeriggio, sempre a Londra, si è tenuta un incontro ospitato nel Greencoat Conference Center, dove sono stati ricordati i recenti omicidi politici, commessi contro attivisti RSC, tra cui quello di Gani Rama, a Pristina, in Kosovo ed il recente sgombero del 10 maggio, a Giugliano (Na), dove il Sindaco del Partito Democratico Antonio Pozziello, ha messo sulla strada 500 cittadini, intere famiglie con bambini. Spariti ingenti finanziamenti, 915.418.29 euro, stanziati da Ministero dell'Interno e Regione Campania. Marcello Zuinisi legale rappresentante Associazione Nazione Rom (ANR) è intervenuto con una relazione dal titolo liberarsi dal razzismo è possibile?

JPEG - 193.7 Kb
Londra 2 agosto 2019 - Rom Sinti Caminanti in manifestazione davanti al Parlamento del Regno Unito

Di questo intervento si riportano, alcuni passaggi e proposte costruttive: “il male dei mali è il razzismo. Secolare causa di guerre, orrori, massacri condotti in nome di un' idea, teoria, prassi di negazione della specie umana. Tra la prima e la seconda guerra mondiale, il razzismo è diventato Stato. Prima in Italia e poi in Germania. In Italia il razzismo è divenuto legge nel 1938. La prima donna arrestata non era ebrea, era rom, si chiamava Milka Goman. Fascismo, Nazismo, leggi razziali, campi di sterminio: un tallone di ferro esteso a tutta Europa. RSC, Ebrei, oppositori politici, socialisti, gay, lesbiche, disabili, tra le principali vittime della macchina dell’odio. Un veleno che ha infettato l'umanità. L'olocausto RSC non è mai è stato processato da un tribunale internazionale.

 

La questione della “liberazione dal razzismo” è la questione principale. In Italia, abbiamo fondato il Consiglio Nazionale RSC sul “programma di liberazione dal razzismo”. I principi di interculturalità ed autodeterminazione sono i cardini da cui siamo partiti per costruire un percorso, instaurando un dialogo tra pari, rapporti di fiducia, dove nessuno è escluso. Questo è il presupposto per il superamento dell’attuale società basata su razzismo, divisione ed esclusione sociale. Costruiamo democrazia, rappresentando se stessi ed i problemi che si vivono, condividiamo con tutti, cerchiamo insieme la strada per la liberazione.

 

Abbiamo lottato, uniti e solidali contro razzismo e governo. Abbiamo costruito e partecipato ad una grande manifestazione, il 10 novembre 2018: 500 associazioni, movimenti, centri sociali, organizzazioni, sindacati, RSC in prima fila, insieme ad altre 35.000 persone. Da questo percorso è nato il Forum Indivisibili e Solidali (Fi&s).

Oltre alla necessaria, mobilitazione permanente per contrastare leggi e decreti liberticidi, politiche repressive, sgomberi, censimenti etnici, espulsioni, respingimenti, abbiamo una estrema ed urgente necessità: quella di fondare una teoria e prassi di liberazione dal razzismo. La caduta del governo, non libererà il paese da razzismo, oppressione ed esclusione sociale.

 

Non basta più essere soltanto anti-razzisti, anti-fascisti ed anti-nazisti. Quella in corso non è una guerra tra poveri ma una guerra contro i poveri, una guerra razzista contro l'umanità. In Italia è un brutto periodo. Il Ministro dell'Interno Matteo Salvini ha ordinato censimenti etnici di RSC. Il 1 agosto 2019, lo abbiamo denunciato al Tribunale di Roma. Ai giudici ed ai procuratori, abbiamo chiesto di sequestrare gli atti del censimento etnico: è contro la legge. E' contro la Costituzione della Repubblica Italiana. Le leggi razziali sono cominciate con i censimenti etnici.

 

L'8 aprile 1971 a Londra, venne fondata la IRU International Romanì Union. Il 1 gennaio 1988 Paolo Pietrosanti, delegato quale rappresentante della IRU all’Onu., scriveva: “la vicenda dei Rom, impone e pone in discussione un concetto, che l’intera umanità si trova oggi a dover superare, quello della identità tra STATO e NAZIONE. Ai Rom, non serve altro che la consapevolezza, di rappresentare l’alternativa, oggi necessaria, alla forma dello stato attuale e poi consentiranno a tutti un passo in avanti senza precedenti”.

 

Questi sono i nostri compiti e le nostre responsabilità. Liberare l'Europa ed il Mondo dal razzismo e costruire una nuova identità umana. La nostra bandiera non è sporca di sangue. Non abbiamo mai fatto la guerra a nessuno. Mai abbiamo voluto un nostro Stato, con dei confini, un esercito. Siamo un esempio per tutti i popoli del mondo. Prendiamo coscienza di questo. Abbiamo bisogno di una nuova internazionale romanì, dove ogni rom ed ogni non rom, del mondo, possa sentirsi rappresentato. Una internazionale che costruisce solidarietà e comunanza. Una internazionale che interviene verso gli Stati e difenda la vita degli esseri umani. Una internazionale dell'umanità.

 

I fondi strutturali europei investiti nel periodo 2014 – 2020, per i Rom di tutta Europa sono 82 miliardi di euro. Dove sono finiti questi soldi? La nostra gente muore, ha fame, è umiliata, scacciata dalle terre. Abbiamo la responsabilità primaria di controllare l'uso del denaro. I soldi per i poveri devono essere spesi per i poveri e devono essere controllati dai poveri. I nostri interessi li difendiamo direttamente. Nessun popolo del mondo è stato liberato da un altro popolo. Possiamo e dobbiamo liberarci con la nostra energia, con il nostro cuore e con la nostra anima.

 

I prossimi impegni saranno quindi l'assemblea nazionale italiana del Fi&s, convocata a Roma, il 14 settembre 2019 e la conferenza internazionale contro il razzismo ed il fascismo, convocata a Londra, il 18 ottobre 2019, da Stand Up To Racism. https://www.standuptoracism.org.uk

 

E' l'ora di costruire un Fronte Comune in tutta Europa e nel Mondo: RSC, insieme agli ultimi, ai poveri, senza fissa dimora, immigrati, detenuti ed ex detenuti, vittime di tratta e schiavitù, ai migliori settori della società civile, dei sindacati, movimenti, gruppi, centri sociali, associazioni, correnti di pensiero umaniste e socialiste, università, attivisti, famiglie, per “liberare l'europa ed il mondo da razzismo, corruzione e povertà”. Vi invitiamo a partecipare e costruire insieme.

 

ufficio stampa e comunicazione

Associazione Nazione Rom

Lasciare un commento


moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.



    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità