Fermer

  • AgoraVox su Twitter
  • RSS

 Home page > Attualità > Scienza e Tecnologia > Riscaldamento globale e il mancato "senso del pudore" di alcuni (...)

Riscaldamento globale e il mancato "senso del pudore" di alcuni scienziati

Sebbene in USA l'inverno sia mite, lo scorso gennaio 16 "scienziati scettici" hanno pubblicato tesi complottiste sugli scienziati stalino-capitalisti, che vogliono dissanguare la plebe a suon di carbon tax mentre si procurano finanziamenti miliardari, e sul riscaldamento globale, morto ancora una volta. In Italia, i firmatari riscuotono l'ammirazione della militanza cattolico-creazionista.

 

Oltre al dott. Enzo Pennetta, che su "Critica scientifica" (sic) spera la morte sia foriera di quella del "darwinismo", su Italia Oggi e gratis su Yahoo-Finanza, la giornalista Alessandra Nucci è entusiasta (link ai dati reali aggiunti dalla custode):

Non c’è da allarmarsi per il riscaldamento globale, non ci sono basi scientifiche che giustifichino azioni drastiche per «decarbonizzare» il mondo. Se a convincercene non bastasse il gelo record di questi giorni, a ricordarcelo ci hanno pensato 16 scienziati di rango sul Wall Street Journal, che in un articolo indirizzato ai candidati politici delle democrazie del mondo smontano l’idea che la comunità scientifica sottoscriva all’unanimità o quasi la necessità di fare qualcosa per tentare di influire sul clima.

L'autrice è convinta che l'Europa copra l'intero globo, che l'emisfero sud non esista e che centinaia di migliaia di ricerche possano essere smontate dall'editoriale di 12 dilettanti - di cui l’impostore Claude Allègre e l'eroe nazionale Antonino Zichichi - e di 4 ricercatori le cui ipotesi "alternative" sono miseramente crollate. Convinta anche di sapere l'inglese, traduce un passo in cui i firmatari paragonano il terrore che detta comunità fa regnare sui "dissidenti" (1) al

Periodo pauroso in cui Trofim Lysenko aveva dirottato la biologia in Unione sovietica. I biologi sovietici che rivelavano di credere nel gene umano, che Lysenko diceva essere una finzione borghese, venivano licenziati; molti finirono nei gulag e alcuni furono condannati a morte.

Il "gene umano" è una sua licenza poetica. Felice di averla attribuita a "scienziati di rango", con tipico senso del pudore tace sulla smentita che il Wall Street Journal ha dovuto pubblicare, per tradurre invece una "notizia" del Daily Bufala, derisa ufficialmente anch'essa:

La notizia si aggiunge ai nuovi dati rilasciati in questi giorni dal noto Centro di ricerche sul clima dell’Università dell’East Anglia, secondo cui la temperatura del pianeta da 15 anni a questa parte non è aumentata affatto. E se hanno ragione gli scienziati della Nasa, potremmo trovarci alla vigilia di una mini era glaciale, paragonabile al calo delle temperature che nel XVII secolo faceva svolgere le fiere sulla superficie del Tamigi congelato.

Gli "scienziati della NASA" affermano che i risultati del loro modello

Suggeriscono che una riduzione dell'attività solare a livelli mai visti in centinaia di anni non basterebbe a compensare l'influenza dominante dei gas serra sulle temperature globali del 21mo secolo.

La pudica Alessandra Nucci tace anche sull'invenzione più rosee dei 16 "scienziati":

Un recente studio dell'economista di Yale, William Nordhaus, mostra che il rapporto costi-benefici quasi (sic) più alto viene ottenuto con misure che consentono altri 50 anni di crescita economica non ostacolata da controlli sui gas serra.

Così commentata da Nordhaus:

Da tempo, il mio lavoro (2) dice che le misure per rallentare il riscaldamento globale avrebbero benefici economici netti, dell'ordine dei trilioni di dollari al valore attuale... Posso solo presumere che gli autori siano completamente ignoranti dell'economia di questa materia o che travisino volutamente i miei risultati.

Come dice il motto del dott. Pennetta:

Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero.

di Sylvie Coyaud

(1) "I dissidenti" citati nell'articolo sono Chris De Freitas che dovette lasciare la direzione di Climate Research dopo che il comitato scientifico si era dimesso per protesta contro la sua decisione di pubblicare pseudo-ricerche di Soon & Baliunas, Pat Michaels e altri autori finanziati da petrolieri. Da allora, la rivista è tornata di buon livello. Per le persecuzioni di Big Oil & Carbon e dei politici contro gli scienziati, si veda questa antologia. (2) Questo il "recente studio" e notevole anche quello del 2011. Grazie a Il corsaro, climafluttuante e "blucher" per le segnalazioni, e a Dana 1981 di Skeptical Science per il mitico grafico. Crediti immagine Dana1981(CC).

Questo articolo è stato pubblicato qui


Ti potrebbero interessare anche

Tutti giù per Terra!
Trionfo americano di Flavia Pennetta
“Margherita Hack”: intervista a Pietro Greco
Il segreto per la felicità? Il DNA danese
Dolori lombari? Non date la colpa al tempo


Commenti all'articolo

  • Di Damiano Mazzotti (---.---.---.148) 22 febbraio 2012 13:18
    Damiano Mazzotti

    Quindi secondo voi l’uomo avrebbe più influenza sul clima rispetto al sole?

    è proprio vero che molti scienziati non dovrebbero governare poichè soffrono di superbia e narcisismo...

    Io sto dalla parte della Nasa e della Storia climatica della terra e certi scienziati prezzolati il termometro dovrebbero usarlo solo per misurare la temperatura del loro retto...

    • Di Geri Steve (---.---.---.143) 22 febbraio 2012 21:29

      Leggo: "l’uomo avrebbe più influenza sul clima rispetto al sole?"
      ma l’articolo NON dice questo.

      Leggo: "molti scienziati non dovrebbero governare poichè soffrono di superbia e narcisismo..."
      qualcuno sì, ma "molti" è tutto da dimostrare, mentre la superbia e il narcisimo del commentatore sono già belli che dimostrati

      Leggo: "certi scienziati prezzolati il termometro..."
      qui siamo proprio agli insulti gratuiti: VERGOGNA!

  • Di (---.---.---.5) 22 febbraio 2012 22:19

    L’autrice non è convinta che l’Europa sia l’intero globo. Semplicemente, da persona informata, avrà letto che in India sono morte di freddo centinaia di persone, che le coltivazioni di thé in Kenia stanno soffrendo per il freddo., che ha nevicato e ci sono stati dei morti in Algeria, Tunisia e Libia, che ha nevicato anche nell’emisfero sud dove è estate.

  • Di Damiano Mazzotti (---.---.---.132) 23 febbraio 2012 00:21
    Damiano Mazzotti

    Purtroppo la gente si prende troppo sul serio e invece dovrebbero utilizzare l’ironia e l’autoironia...

    Il clima è sempre stato molto variabile molto prima dell’industrializzazione umana....

    E pure l’autrice trattava da cretini scienziati che la pensavano in modo diverso da lei...

    Io sono contro il pensiero unico... E prima di parlare si dovrebbe andare a vedere quanto soldi hanni investito Al Gore, il suo amichetto dell’Istituto internazionale del clima, e le banche d’affari come la Goldman Sachs che sono bravissime a vendere aria fritta e a prendere per il culo la gente...

    Leggetevi Jared Diamond piuttosto per capire che l’uomo può porre fine alle civiltà in molti modi, ma la Natura se ne sbatte altamente dell’opera dell’uomo

    Infine chiudo dicendo che l’ideologia ambientalista, che ha sostituito l’ideologia comunista, potrebbe fare più danni di Hitler e di Stalin messi assieme...

  • Di Damiano Mazzotti (---.---.---.132) 23 febbraio 2012 00:35
    Damiano Mazzotti

    Poi in Italia per attirare l’attenzione sulle cose serie bisogna fare casino...

    E se volete questo è il mio parere: la carbon tax è stata inventata da chi ha le industrie ma non riesce a vendere i prodotti che dovrebbe produrre a costi troppo alti, per fare altri soldi coi giochetti finanziari, che come al solito arricchiscono solo i più ricchi, i più furbi, i meglio posizionati, e i più disonesti...

    Io sono contro l’inquinamento che farà finire le civiltà industriali entro qualche decennio...
    Andate in Cina, e vedrete come i rifiuti e l’inquinamento distruggeranno la civiltà umana...

    L’anidride carbonica è un prodotto "naturale" e non inquina... E forse il vero aumento dell’anidride caronica potrebbe anche essere l’abbattimento incontrollato di molte foreste vergini per avere il legname e poi pochi raccolti agricoli che in molti casi impoveriscono il terreno fino alla quasi desertificazione...

Lasciare un commento


Sostieni AgoraVox

(Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

Un codice colorato permette di riconoscere:

  • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
  • L'autore dell'aritcolo

Se notate un bug non esitate a contattarci.



Pubblicità




Pubblicità



Palmares


Pubblicità