• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tribuna Libera > Razzismo, ECRI: estremismo di Casapound e omissioni a scuola su (...)

Razzismo, ECRI: estremismo di Casapound e omissioni a scuola su orientamento sessuale. La Commissione Europea bacchetta l’Italia

La Commissione europea contro il razzismo e l’intolleranza (ECRI), istituita dal Consiglio d’Europa, è un organo indipendente di monitoraggio in materia di diritti umani specializzato nelle questioni relative al razzismo e all’intolleranza. E’ composta da membri indipendenti e imparziali, designati per la loro autorità morale e la loro riconosciuta competenza nel campo della lotta contro il razzismo, la xenofobia, l’antisemitismo e l’intolleranza. A giugno 2016 è stato pubblicato il rapporto sul nostro Paese. Per esempio denuncia che l'Italia non ha ancora ratificato il Protocollo n.12 alla Convenzione europea dei diritti dell’uomo, che ha firmato nel 2000 e che introduce il divieto generale di discriminazione. Denuncia che non è pienamente attuato l'articolo 3 della Costituzione. “L’articolo 3 della Costituzione italiana garantisce pari dignità sociale a tutti i cittadini, senza distinzioni fondate, tra l’altro, sulla razza, la lingua o la religione. Ai sensi del secondo capoverso dell’articolo 3, è compito dello Stato rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che impediscono la libertà e l’uguaglianza dei cittadini. Tuttavia, il ramo legislativo non ha mai adottato una legge ordinaria generale relativa alla parità di trattamento, al divieto della discriminazione e all’attuazione del principio di uguaglianza".

Così come ha manifestato preoccupazioni su Casapound. 

“L’estremismo politico in Italia con forte connotazione xenofoba e anti islamica è diventato fonte di preoccupazione nell’attuale contesto migratorio. Casa Pound è al momento il più attivo dei gruppi estremisti: sostiene di avere 4.000 militanti iscritti e dal 2008 è stato ufficialmente registrato come organizzazione caritativa; occupa circa dieci edifici in tutta Italia, che sono stati trasformati in centri socio-culturali, ed è molto presente in campo culturale, soprattutto in ambiti musicali e teatrali. Una decina di eletti locali si proclamano simpatizzanti di tale movimento. Nel luglio 2015, la presenza di militanti di Casa Pound è stata filmata dalla televisione durante le proteste dei residenti che volevano impedire di ospitare un certo numero di richiedenti asilo in alloggi del loro quartiere a Quinto di Treviso nel Veneto e a Casale San Nicola, alla periferia di Roma. A Casale San Nicola sono state fatte sventolare bandiere italiane, con saluti fascisti e urla e insulti razzisti, al passaggio dei pullman che trasportavano i richiedenti asilo. Entrambe le dimostrazione sono degenerate in scontri con la polizia. A seguito degli incidenti di Roma, alcuni militanti di Casa Pound sono stati arrestati. Sebbene la legge preveda la possibilità di sciogliere i gruppi basati sull’ideologia del partito fascista,tale disposizione non è molto efficace nella pratica, in parte perché è difficile dimostrare il collegamento diretto tra l’ideologia e gli atti perpetrati dai militanti appartenenti a questi gruppi estremisti. Al riguardo, l’ECRI ribadisce la raccomandazione formulata al paragrafo 12 sulla necessità di valutare l’efficacia delle disposizioni previste per combattere la diffusione di idee razziste e l’incitamento a commettere o il fatto di commettere atti discriminatori motivati dall’odio.”

Una presa di posizione netta è quella sulle questioni delle discriminazioni omofobiche e non solo. La Commissione ricorda che a livello nazionale, è stata attuata una Strategia Nazionale LGBT 2013-2015 coordinata dall’UNAR con quattro priorità: educazione, accesso all’occupazione, lotta contro la violenza e sensibilizzazione dei media. Sono stati organizzati programmi di formazione per i funzionari della polizia e del servizio pubblico e sul posto di lavoro. Tuttavia, finora non vi sono stati rapporti di valutazione di questa strategia e non sono state fornite informazioni sui programmi di formazione da attuare a livello regionale nelle scuole. L’ECRI incoraggia l’UNAR ad estendere la durata della Strategia Nazionale LGBT in modo che venga pienamente attuata nelle scuole.
La Commissione rileva che “la questione dell’educazione sessuale nelle scuole, con particolare riguardo all’identità di genere e all’orientamento sessuale, rimane molto controversa in Italia. L’ECRI nota che l’educazione sessuale (che dovrebbe coprire i temi dell’identità di genere e dell’orientamento sessuale) è un’attività extracurriculare a cui insegnanti e allievi prendono parte unicamente su base volontaria. Tuttavia la ONG ILGA Europe scrive nel suo rapporto 2015 che, nel marzo 2014, i programmi di formazione del personale del Ministero dell’Educazione organizzati dall’UNAR in cooperazione con le ONG LGBT sono stati sospesi. Inoltre, i Consigli Regionali del Veneto e della Lombardia hanno adottato due mozioni nel 2015 per opporsi all’introduzione nelle scuole di programmi che coprono l’orientamento sessuale e l’identità di genere, criticando apertamente i programmi dell’UNAR su questo punto. Infine, parte dell’opinione pubblica è ancora ostile alle persone LGBT e soprattutto male informata sui loro diritti. Vista la situazione, l’ECRI considera che dovrebbe essere rivolta particolare attenzione alla promozione della tolleranza e del rispetto reciproci nelle scuole, a prescindere dall’orientamento sessuale o dall’identità di genere. I programmi extracurricolari che coinvolgono insegnanti e bambini unicamente su base volontaria non possono bastare per essere all’altezza della sfida e possono addirittura essere controproducenti. L’ECRI nota che la recente legge sulla buona scuola tiene conto della promozione dell’uguaglianza di genere, della prevenzione della violenza di genere e di tutte le forme di discriminazione nelle scuole di ogni livello. Questi programmi per allievi, genitori e insegnanti si concentreranno sulla prevenzione della violenza e della discriminazione contro le donne, nel contesto dell’attuazione delle disposizioni su educazione e sensibilizzazione che figurano nella Convenzione di Istanbul. L’ECRI invita le autorità ad includere in questi programmi un approccio teso a vietare la discriminazione in senso più lato, coprendo anche altri motivi, come orientamento sessuale e identità di genere, che sono esplicitamente citate nell’Articolo 4.3 della Convenzione di Istanbul. L’ECRI raccomanda che le autorità attuino nelle scuole di ogni livello, che sia nell’ambito dell’attuazione della legge N° 107/15 sulla “buona scuola” o nel contesto della prosecuzione della Strategia Nazionale LGBT, misure atte a promuovere la tolleranza ed il rispetto reciproci a scuola, a prescindere dall’orientamento sessuale o dall’identità di genere. In particolare, queste misure devono fornire a tutti gli allievi e studenti le informazioni, la protezione e il supporto ad essi necessari per vivere in armonia con il loro orientamento sessuale e la loro identità di genere.”Insomma, per l'Italia non ci sono più scuse, la Legge esiste, i principi di diritto sono affermati, la tutela dell'identità di genere, il contrasto all'omotransofobia a scuola non deve essere un banale optional, ma dovere ed obbligo. 
Marco Barone @ilKontrastivo
Foto: Remo Cassella/Flickr

Commenti all'articolo

  • Di laura (---.---.---.6) 6 ottobre 2016 22:02

    Certo che l Ecri ha un bel coraggio a bacchettare l Italia...primo perchè Casapound non è affatto un movimento xenofobo.Rivendicare l’identità e la dignità di un popolo non è intolleranza e razzismo...come non è omofobia evitare di parlare a scuola di orientamento sessuale.Ma che cosa andiamo a spiegare a bambini di 6,7,8,9,10 anni???Perchè traviarli...Senza parole!!! Ah! Dimenticavo...le cose in Italia vanno male a causa del fascismo e di Casapound...ma mi faccia il piacere!

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità