• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Salute > Quando la legge si scontra con la scienza

Quando la legge si scontra con la scienza

Le cronache giudiziarie sono piene di sentenze che fanno discutere. Non sempre, in tribunale, si riesce ad approdare a una verità, al di là di ogni ragionevole dubbio. Tuttavia quando le evidenze ci sono, e sono inoppugnabili, certi verdetti risultano, francamente, scandalosi. 

Succede, per esempio, che un giudice del Tribunale di Rimini condanni il Ministero della Salute a pagare un indennizzo a un bimbo autistico, accogliendo l’istanza dei suoi genitori per cui cui sarebbe stato il vaccino MPR contro morbillo, parotite e rosolia a provocare la malattia.

Ma è una bufala, questa storia che i vaccini potrebbero causare l’autismo, messa in circolazione ormai 14 anni fa dal gastroenterologo britannico Andrew Wakefield, in seguito accusato di frode e corruzione, e radiato dall’ordine dei medici per aver falsificato i dati dello studio, poi ritrattato dalla stessa rivista Lancet. Innumerevoli ricerche indipendenti condotte in tutto il mondo, da lì in poi, non sono mai riuscite a trovare alcun legame tra i vaccini e l’insorgenza della malattia e, per quanto a lungo si possa dibattere, la verità è limpida come l’acqua: allo stato attuale delle conoscenze, manca ogni evidenza scientifica anche solo per sospettare un nesso di causa-effetto tra il siero trivalente e l’autismo. Eppure, il giudice di Rimini ha asserito esattamente il contrario.

La comunità scientifica è insorta, esprimendo “forte sconcerto” per una sentenza allucinante e dichiarandosi pronta a fornire all’Avvocatura dello Stato la consulenza tecnica per il ricorso in appello. Non è l’unico caso in cui scienza e giurisprudenza fanno a pugni. Recentemente, ha fatto molto discutere anche la sentenza con cui il tribunale di Bari legittimava un paziente a ottenere la somministrazione gratuita dalla Asl della “cura Di Bella”, il presunto metodo antitumorale che sollevò un polverone 10 anni fa (spacciato come miracoloso dal suo ideatore senza neanche una sperimentazione clinica) e su cui il verdetto della ricerca scientifica è netto: non funziona.

Ed è capitato altre volte che i giudici si sbilanciassero su questioni ancora controverse, come l’uso del cellulare e il rischio di tumori o l’elettrosmog, anticipando conclusioni ancora da stabilire. Non sono vicende prive di conseguenze, queste. Perché, se è vero che la scienza non si fa nelle corti di giustizia, è comunque innegabile che nell’opinione pubblica certi pronunciamenti possano lasciare il segno, generando per esempio una diffidenza immotivata nei confronti dei vaccini (i cui benefici in termini di prevenzione sono, e di gran lunga, superiori ai rischi di effetti collaterali) e un aumento dei focolai di morbillo (malattia con cui non si scherza poi tanto, può portare a meningite ed encefaliti con esiti irreversibili). O può succedere che le persone malate di cancro leggano sul giornale che quel tale ha vinto la causa per ricevere la cura Di Bella e s’illudano che forse è meglio prendere un bibitone di vitamine, anziché seguire le terapie validate come la chemioterapia.

Quel che uno si chiede è: com’è possibile? Cioè, come può la verità giudiziaria divergere in modo così smaccato dalla verità scientifica? Ne abbiamo parlato con Amedeo Santosuosso, presidente del Centro di ricerca interdipartimentale di diritto, scienza e nuove tecnologie (ECLT) dell’Università di Pavia e giudice presso la Corte d’Appello di Milano.

“Il punto di partenza – premette Santosuosso – è che la logica del diritto, di tipo etico e normativo, è diversa da quella propria della scienza, che è sperimentale. Tuttavia, pur nella differenza e autonomia dei campi d’indagine, è evidente che una sentenza non può arrivare a contraddire lo stato dell’arte delle conoscenze, com’è avvenuto per l’autismo e la cura di Bella”. Entrambe le sentenze, a ben guardare, non entrano nel merito della controversia tra scienza e diritto, il loro compito è un altro: molto prosaicamente, stabilire chi paga di fronte alla legge. “Ieri come oggi, la polemica sul caso di Bella si riduce a questo: se il sistema sanitario nazionale debba farsi carico delle cure che il paziente reclama. Ma è come se dicessi di sentirmi meglio con ostriche e champagne, e pretendessi che ciò fosse a carico della solidarietà sociale attraverso lo Stato che paga per queste spese”, osserva il giudice. “Così, nel caso dell’autismo, il principio giuridico è l’applicazione della legge sull’indennizzo: giacché la società raccomanda o impone la vaccinazione in nome del bene degli altri cittadini, è giusto che la società si prenda in carico i rischi. Ma è necessario che vi sia una correlazione”.

Il cortocircuito sta a monte, nelle perizie scientifiche che sono state presentate alla corte e su cui si basano i pronunciamenti. Non è una mera coincidenza che nella parte della difesa, in entrambi i casi, ci sia un soggetto pubblico, e non privato. “Teoricamente le consulenze tecniche dovrebbero fornire al giudice tutti gli elementi per deliberare, tuttavia quando la controparte è lo Stato non sempre vi è un efficiente contraddittorio scientifico”, dice l’esperto. Se il giudice, insomma, ha sentito una sola campana, di medici “fuori dal coro” che hanno sposato la causa, ne ha tratto conclusioni viziate. “Detto ciò”, continua Santosuosso, “un giudice dovrebbe avere capacità di discernimento anche sulle questioni scientifiche. Per questo il Centro ECLT dell’Università di Pavia, in collaborazione con il Consiglio superiore della magistratura, promuove iniziative di alfabetizzazione scientifica per giuristi. Se ne sente molto bisogno. D’altronde, l’amara verità è che i giudici – conclude Santosuosso – condividono con la popolazione generale la scarsa cultura scientifica tipica dell'Italia”.

Daniela Cipolloni

Crediti immagine: nxb

Questo articolo è stato pubblicato qui

loading...

Commenti all'articolo

  • Di (---.---.---.98) 28 aprile 2012 11:57

    Vergognoso questo articolo..
    A chi lo ha scritto non si dovrebbe nemmeno rispondere, talmente e’ fuori dalla realta’..
    Gia il titolo e’ sbagliato "quando la legge si scontra con la scienza". Non e’ la legge che si scontra con la scienza, ma casomai la scienza che si scontra con il business.
    E la scienza per esempio e’ Di Bella, uno scienziato che ha dedicato la sua vita a curare i pazienti ed ha creato un valido metodo contro il cancro, e si e’ scontrato invece con il business, che cerca una cura x il cancro che sia brevettabile e riproducibile su scala industriale.
    Se l’ autrice fosse informata, saprebbe che ci sono state migliaia di sentenze in tutta Italia che hanno condannato le ASL a pagare i farmaci della cura Di Bella.
    All’ autrice sfugge che le sentenze sono state redatte PROPRIO IN BASE ALL’ EVIDENZA SCIENTIFICA. Cioe’ medici oncologi, in base alla cartelle cliniche, hanno attestato che il paziente grazie ai farmaci assunti ha migliorato le sue condizioni di salute.
    E il giudice, che deve garantire la tutela della salute, non ha potuto fare altro che ordinare alla ASL di pagare i farmaci che consentono al paziente di stare meglio.
    Stesso discorso vale per il bambino vaccinato e diventato autistico.
    La scienza ha attestato che il bambino era sano, si e’ vaccinato ed e’ diventato autistico.
    E il giudice ha solo preso atto.

    L’ autrice, se avesse il coraggio di cio’ che dice, dovrebbe andare dalle MIGLIAIA DI famiglie guarite grazie al MDB o che hanno il loro figlio autistico e leggere loro questo articolo, guardando negli occhi gli interlocutori.

    Glielo dico con tutto il cuore: si vergogni.

  • Di (---.---.---.98) 28 aprile 2012 12:27

    "Se il giudice, insomma, ha sentito una sola campana, di medici “fuori dal coro” che hanno sposato la causa, ne ha tratto conclusioni viziate"

    Eh si..il giudice la dovrebbe smettere di sentire gli oncologi "fuori dal coro", quelli un po’ emarginati che magari nn vanno ai congressi alle maldive pagati dalla pfizer o che hanno qualche idea propria sui benefici della chemio..quegli oncologi di serie b, insomma, che in malafede modificano le cartelle cliniche per fare risultare il paziente guarito.

    Il giudice dovrebbe sentire anche i pareri di tirelli, cognetti, veronesi e dell’ AIFA prima di attestare che un paziente sta meglio grazie ai farmaci della Cura Di Bella..
    Senza il parere di un cognetti o di un garattini io direi che non si puo’ in alcun modo considerare guarito un paziente..

    Questi giudici, ou, fanno sempre di testa loro..

  • Di paolo (---.---.---.125) 28 aprile 2012 19:30

    Articolo ben fatto e assolutamente condivisibile che coglie in maniera puntuale il problema dei consulenti tecnico scientifici a cui necessariamente deve affidarsi il magistrato che deve emettere una sentenza . E’ impensabile tuttavia che una persona di cultura giuridica possa avere cognizioni di tipo tecnico scientifico ,ciò ovviamente non esclude l’opportunità che il giudice si informi quantomeno sulle diverse posizioni in letteratura .

    Vedo con un certo stupore che ci sono ancora in giro estimatori della cura Di Bella .
    Incredibile.

  • Di Oggiscienza (---.---.---.172) 29 aprile 2012 10:55
    Oggiscienza

    Ci siamo occupati anche del MDB, in particolare di teoria e pratica della sua promozione (tra cui appunto l’invio strategico di abstract a convegni con nomi altisonanti).

  • Di (---.---.---.234) 30 aprile 2012 10:33

    Pensi che ho perso pure qualche minuto della mia vita a leggere il presunto approfondito "Dossier Di Bella". Mai letto nulla di piú infimo livello, neanche gli articoli di feltri arrivano cosi in basso.
    Continuate pure ad occuparvi di "teoria e pratica" di promozione del MDB.
    Chi conosce la storia di Luigi Di Bella, le sue scoperte e il suo metodo non ha certo bisogno di citare abstract e pubblicazioni su riviste.
    Ci sono migliaia di pazienti che erano senza speranze e che sono tuttora in vita grazie allo scienziato Luigi Di Bella e che leggendo i vostri deliri provano una profonda pena.
    Ci sono centinaia e centinaia di cartelle cliniche di pazienti che sono guariti: questa e´ la scienza. Il resto sono chiacchiere e/o interessi economici.
    La verita´, del resto, non e´ mai a disposizione di tutti, ma di quei pochi che si sforzano di cercarla.

    "Quando l´allievo e´pronto, il Maestro compare"
    Voi siete ancora ad uno stadio embrionale e per vedere il Maestro vi manca ancora molto.
    Peccato che diffondiate il vostro "pensiero" preconcetto, con l´unico penoso obiettivo di distruggere il risultato di una vita dedicata alla scienza, quella vera.
     

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità