Fermer

  • AgoraVox su Twitter
  • RSS

 Home page > Attualità > Cronaca > Puglia, quando si rivendica il diritto al lavoro la conseguenza è la (...)

Puglia, quando si rivendica il diritto al lavoro la conseguenza è la galera

In tempo di crisi, la crisi del capitale, si lotta per l'affermazione dei propri diritti, si lotta per l'affermazione reale della propria dignità sia di lavoratore che di essere umano.

In Puglia, balzata recentemente alle cronache nazionali per gli eventi di Barletta, per le morti sul lavoro nero, condizioni di lavoro conosciute da tutti ma tollerate da tutti, per nove mesi circa è stata indetta una forte iniziativa di lotta e protesta da molti lavoratori che operavano nel settore della raccolta dei rifiuti.
 
Dopo l'occupazione della Monteco, dopo le indagini avviate lo scorso marzo, è arrivata la batosta repressiva: arresti. Otto disoccupati, tra cui Bobo Aprile (notissimo Compagno della Confederazione Cobas di Brindisi) sono stati tratti in arresto.
 
Altri 10 lavoratori o meglio disoccupati sono indagati a piede libero per un totale di 18 azioni di repressione. Quando si rivendica il diritto al lavoro, quando vengono intraprese iniziative, anche dure, che vanno oltre le regole scritte, in una terra ove vige una forma tollerata di mera illegalità, quale la piaga del lavoro in nero, ecco la conseguenza: la Galera.
 
Le accuse rivolte a Bobo ed agli altri disoccupati sono varie, si parla di : interruzione di pubblico servizio e invasione di proprietà privata, nonchè istigazione a commettere i reati appena descritti.
Ho la sensazione che siamo solo all'inizio di questa fase di repressione.
In tempo di crisi si attacca chi difende la propria dignità, non certo chi procura la crisi.
 
Certo, la Magistratura deve fare il suo lavoro, la Digos anche, ma quanto è tollerabile tale situazione, quanto? Io esprimo la mia piena solidarietà a chi lotta per difendere il proprio lavoro, a chi lotta contro questa crisi, a chi lotta per la propria individuale ma anche collettiva dignità.
 
Il 15 ottobre è sempre più vicino. Non sarà certamente un punto di partenza, ma neanche di arrivo,sarà una giornata di lotta, forse dura forse aspra, forse comunicativa che rimarrà in ogni caso impressa nella mente di tutti noi.
 
Ci troviamo in una crisi epocale. Forse ancora nessuno di noi ha ben compreso la portata di ciò che accade, ma è sempre bene tener gli occhi aperti, perchè in tempo di crisi le porte della repressione sono spalancate.

Ti potrebbero interessare anche

San Severo (Foggia), tentato omicidio ai danni di due africani
Il 1° maggio non si lavora… si lotta. Un report dalle piazze
Non è un tunnel, è un pozzo senza fondo!
Solo la lotta paga. Un commento a partire dalla vittoria degli operai Fermet
Il lavoro è un diritto?


Commenti all'articolo

  • Di Renzo Riva (---.---.---.77) 15 ottobre 2011 14:02
    Renzo Riva


    Nella costituzione manca un articolo che dica chi ha l’obbligo fi rispettare l’art. 4.

    Così è anche se non vi pare.

  • Di (---.---.---.162) 16 ottobre 2011 17:30

    Forse ancora una volta, i nostri politici, coloro che hanno il diritto ed il dovere di far rispettare la Costituzione e la Legge, non si accorgono fermamente di ritenere il lavoro in uno stato di crisi epocale. Il Presidente di Confindustria Emma Marcegaglia, ha espressamente dichiarato che occorre una ripresa iminente e doverosa del lavoro, quale punto critico per eliminare la crisi che ci pervade da qualche tempo, i vari partiti che esprimono perplessità nel condurre positivamente i propri mandati e per lo più ignari della svolta del popolo italiano, ancora una volta davanti ad un baratro. Cosa si apstetta a dover ripartire tutti uniti in qualsiasi settore, da quello metalmeccanico a quello edile, da quello cantieristico a qn

  • Di Renzo Riva (---.---.---.89) 16 ottobre 2011 17:54
    Renzo Riva

    Di cosa parla l’anonimo (xxx.xxx.xxx.162) 16 ottobre 17:30 ?
    Per caso è nato ieri sotto il fatidico cavolo?
    Sa l’anonimo chi è e cosa rappresenta la Marcegaglia?
    Fattelo dire dalla mamma altrimenti provvedo con un disegnino.

    http://www.agoravox.it/Fincantieri-...

    Agli operai di Fincantieri Napolitano ha detto che si deve recuperare lo spirito industriale.
    Peccato non abbia detto con quale fonte energetica si intendesse farlo.
    Da presidente della repubblica parla di cose non di sua competenza,
    mentre da presidente del CSM sta zitto.

    Vallo a capire; quando ha qualcosa di importante utilizzi la sua unica prerogativa
    ovvero di inviare messaggi alle camere.

Lasciare un commento


Sostieni AgoraVox

(Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

Un codice colorato permette di riconoscere:

  • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
  • L'autore dell'aritcolo

Se notate un bug non esitate a contattarci.



Pubblicità




Pubblicità



Palmares


Pubblicità