• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tribuna Libera > Poste Italiane: il mancato recapito della posta è un reato

Poste Italiane: il mancato recapito della posta è un reato

L’ignorante è colui che ignora. Non sa. Spesso perché nessuno lo mette al corrente di alcune cose che sarebbero fondamentali non tanto alla cultura personale quanto alla capacità di rendersi conto di come garantire che i propri Diritti di cittadino vengano onorati.

La società attuale, viene tenuta ad un livello di non conoscenza tale da non permettere alla grande maggioranza dei cittadini della nazione di compiere un atto doveroso nei confronti di se stessi e delle persone del proprio nucleo familiare: far rispettare i propri Diritti.

Prendiamo un caso per tutti: Poste Italiane.

Negli ultimi tempi in particolare, Poste Italiane ha di fatto – attraverso costanti tagli alle risorse umane riferite ai portalettere – tranciato il servizio di recapito della posta. Un esempio per tutti: mentre scrivo, nel Centro smistamento posta di Fiumicino – che si occupa della posta da smistare nella Capitale – giacciono 5 tonnellate di posta.

5 tonnellate di posta fra cui notifiche giudiziarie di vario tipo, bollette, notifiche di Equitalia. C’è poi un altro monticchio di posta che giace: 140.000 Raccomandate. Che i destinatari con molta probabilità non riceveranno mai.

Il perché di tutto questo lo ricordo, è frutto della nuova “strategia aziendale” di Poste Italiane che ha deciso di togliere del tutto centinaia di portalettere da Nord a Sud. Il motivo ufficiale è una non meglio chiara “ottimizzazione” del lavoro. Che ovviamente non corrisponde a nulla di concreto né di esplicitato dai Manager di Poste.

Ho parlato con alcuni portalettere: i tagli alle risorse stanno in pratica rendendo impossibile la consegna della posta. Provate a pensare se un postino cui è affidata una zona già ampia si vede assegnare altre tre zone precedentemente coperte da un collega cui è stato tolto l’incarico.

Ottimizzazione? Non scherziamo: cancellazione del servizio di recapito postale. Forse, a beneficio dei ben più remunerativi servizi finanziari, nuovo e più reale fiore all’occhiello di Poste Italiane s.p.a.

D’altronde, alcuni ricorderanno le fasi di trasformazione di Poste Italiane negli ultimi decenni: nel 1998 fu proprio Corrado Passera a esser nominato Amministratore Delegato dall’allora Governo Prodi. Passera per “risanare” i conti in rosso fisso di Poste pensò bene di tagliare 22.000 posti di lavoro in meno di 4 anni. Consolidando per sempre un andamento aberrante per ciò che riguarda i diritti dei lavoratori nel nostro paese.

Come sempre, si guarda agli utili economici e non all’utilità delle persone. Inutile dire che anche per Poste Italiane lo slogan è su per giù: “Il cliente è al centro dei nostri interessi”. Bisognerebbe specificare quali interessi. 

Tornando al tema principale: Poste Italiane, i cui bilanci da qualche anno sono in netta ripresa, da tempo non fornisce regolarmente – se non assolutamente – il suo servizio primario per cui peraltro nel 2012 ha tirato su oltre 4,5mln di euro di ricavi: il servizio di corrispondenza.

La posta resta in giacenza e in molto casi non viene recapitata.

E’ un reato il mancato recapito della posta? Lo è. In due sensi. Se un portalettere – capita sempre più spesso – omette di consegnare la posta, se ne appropria o la distrugge, viene perseguito personalmente. E quando è lo stesso Ente a non distribuire la Posta a causa di politiche aziendali scellerate? Risponde l’Ente.

Risponde l’Ente si, ma ovviamente se i cittadini vittime della mancata consegna denunciano Poste Italiane per il reato di cui parlo.

Ora: tornando all’ignoranza che fa ignorare a molti persino quali siano i loro diritti. Se non riceverete – per le cause sopra descritte – multe, notifiche varie, bollette, tagliandi assicurativi (mi è successo personalmente a causa di incuria del portalettere precedentemente in forza nella mia zona) e raccomandate, sarete voi non solo a pagarne le conseguenze ma anche a non potervi appellare a nulla a vostra discolpa se non farete preventivamente notare alle istituzioni competenti che Poste Italiane sta negando la distribuzione di documenti sensibili, importanti, fondamentali anche per non rischiare di vedersi tagliare la luce, ipotecare l’appartamento o subire il fermo amministrativo della vettura in caso di mancata ricezione di comunicazioni da parte di Equitalia.

Se ancora non vi fosse chiara la gravità del comportamento di Poste Italiane in tal senso, potete leggere di seguito una serie di informazioni e notizie utili per far valere i diritti di tutti i cittadini italiani, a cominciare da voi stessi

Inoltre: il Governo di fronte a ciò dovrebbe giungere persino a precettare Poste Italiane dal momento che la mancata consegna di posta è appunto un reato e che se i cittadini non ricevono determinata corrispondenza sensibile, rischiano di divenire vittime di: sequestri, sanzioni, aumento del rischio di vedersi tagliare i servizi fondamentali quali luce, acqua, gas... Seguite il video che trovate in questo articolo: è relativo allo scorso anno. Invece di migliorare la situazione è peggiorata.

Se dopo aver letto questo mio articolo foste pronti e interessati a creare una Class Action contro Poste Italiane e il mancato recapito della corrispondenza: contattatemi via mail. 

Leggete anche (per approfondire il tema):

http://www.poste.it/azienda/chisiam...

http://www.vip.it/lecce-cinque-quin...

http://www.ilcirotano.it/denunciato...

http://imprese.diritto.it/docs/3437...

http://www.ipsoa.it/cnf/documenti/1...

Foto: Bogdan Sudito/Flickr

Questo articolo è stato pubblicato qui

Commenti all'articolo

  • Di (---.---.---.253) 19 febbraio 2014 16:01

    Cara Emilia,

    ho avuto anche io un disservizio da parte di poste italiane. In particolare, mi è stato lasciato l’avviso di giacenza di raccomandata benché io fossi in casa. Il postino, in questo caso, non ha neanche suonato il campanello ma si è limitato a inserire l’avviso di giacenza direttamente nella cassetta postale.
    Tutto ciò è documentato dai video delle telecamere di sorveglianza di casa mia.
    Se ti può servire per la class action contro poste, io ci sono
    grazie
    saluti
    G.
  • Di Emilia Urso Anfuso (---.---.---.25) 19 febbraio 2014 16:46
    Emilia Urso Anfuso

    Gentile lettore, rispondiamo dalla redazione del quotidiano Gli Scomunicati. Il nostro Direttore è fuori sede


    Stiamo raccogliendo le segnalazioni dei cittadini Italiani: consigliamo peraltro di formare dei gruppi.

    Ci scriva: info@gliscomunicati.it

    Buona serata

    Angela
    Relazioni esterne
  • Di (---.---.---.14) 24 aprile 2014 16:21

    sono interessata anchio se avete ancora in progetto una denuncia/querela/class action e con me anche i miei familiari che sono altre 15 persone

  • Di (---.---.---.157) 5 giugno 2014 10:04

    acerra proprio stamattina in data 05/06/2014 mi sono recato presso l ufficio postale di acerra paizza falcone e borsellino,ormai da un settimana mi sento dire che non ce il postine neanche stamattina e venuto e di andare a fare la denuncia....mi sono recato al comando di ps di acerra la risposta assurda e che non ce nessun tipo di reato penale cosa posso fare???ormai so mesi che non viene recapitata la regolare posta sia ordinaria che raccomandata, lascio la mia email giovanniselvaggio@libero.it

  • Di (---.---.---.215) 20 agosto 2014 13:47

    anche io mi aggiungo a le altre persone ed eventualmente a questa proposta di protesta 

    sono varie settimane che non ricevo la posta e come me altre 8100 famiglie di corviale
    (case popolari nel comune di rome) 
    lascio la mia mail per eventuali contatti 
    riparazionefisaroma@gmail.com
  • Di (---.---.---.56) 24 settembre 2014 18:32

    L’articolo è interessante , peccato che non dia indicazioni in modo sintetico e pratico come procedere ad un reclamo formale alle poste, o come voglio fare io procedere ad una denuncia .

    Ho prova che non mi è stata consegnata la notifica di una raccomandata spedita con certezza da un ente pubblico, sapendo dell’invio di questa raccomandata molto delicata, ho tenuto verificato la mia posta per 15 gg consecutivi.

    Quando sono andata in posta la raccomandata risultava in giacenza presso di loro e risultava firmato che la notifica era stata rilasciata nella mia casella. Non ho avuto modo di comprovare che quello che io affermavo era vero, in quanto sostenevano che forse qualcuno l’aveva asportata.... ma questo non è il caso , il quartiere è residenziale di villette in provincia di Brescia , zona tranquilla e molto benestante.Come fa il cittadino a difendersi da cio’ ? Se io non ritiravo questa raccomodata veniva a decadere un accordo fatto tra le parti cheti permetteva di ridurre un pagamento......
    • Di Emilia Urso Anfuso (---.---.---.241) 29 aprile 2017 14:49
      Emilia Urso Anfuso

      Gentili lettori, grazie per le comunicazioni che continuate a inviarmi, per chiedermi come fare per denunciare ritardi e omissioni nella consegna della posta Oggi, è stato pubblicato un mio articolo, in cui spiego nel dettaglio cosa fare e a chi denunciare.

      Nell’articolo, troverete anche i moduli necessari a presentare queste segnalazioni

      Mi auguro che possa esservi di aiuto: ecco l’articolo http://www.gliscomunicati.it/conten...

      Un cordiale saluto a tutti

  • Di (---.---.---.112) 24 ottobre 2014 22:21

    Cara Emilia, sono Antonio e ti scrivo da Vitulazio nella provincia di Caserta.
    Anche qui c’è questo problema, che da mesi non riceviamo corrispondenza.
    ho letto quello che hai scritto, ma non spieghi come procedere per far valere i nostri diritti.
    Cosa bisogna fare, andare dai carabinieri e fare la denuncia, o forse alla polizia potale.
    Io ho mandato 3 email di reclamo alle Poste Italiane tramite il sito, ma ancora oggi non ho avuto risposta.
    sono stato 2 volte al centro di smistamento di Pignataro e si sono rifiutati di consegnarmi la posta, la mia corrispondenza, dicendomi che l’avrebbero consegnata in mattinata, ma ciò non si è verificato.
    mi spieghi come procedere e cosa fare? ti sarei grato, grazie Antonio

  • Di (---.---.---.31) 25 ottobre 2014 11:10

    Salve Antonio, ho già detto cosa fare in fondo all’articolo: una Class Action

    E’ un’azione collettiva, riconosciuta dalla Legge Italiana. Prevede che un gruppo di cittadini che riscontranolo stesso problema su un servizio civile si uniscano appunto in un’azione collettiva contro chi non eroga un servizio o contro azioni contrarie alla società civile

    Un cordiale saluto

  • Di (---.---.---.74) 20 novembre 2014 16:07

    Ciao a tutti, mi chiamo marianna e anche a quarto (Napoli) non ricevo la posta da agosto.sono interessata ed intenzionata ad avviare un’azione legale,.il mio indirizzo email è idea_78@libero.it aspetto notizie, , grazie

  • Di (---.---.---.99) 24 novembre 2014 16:39

    Salve.


    Ho inviato un documento molto importante tramite raccomandata internazionale dall Olanda. Munito di Track and Trace in quanto e’una raccomandata assicurata dalla TNT, ho scoperto oggi che la raccomandata e’in dogana a Milano da circa 11 giorni. Il mancato recapito di questa raccomandata, potrebbe causare un grave problema. E’possibile secondo voi denunciare le poste italiane?

    Vi ringrazio dell’aiuto.
  • Di (---.---.---.219) 6 dicembre 2014 11:19

    come tutti gli altri utenti e come tutti i cittadini di acerra (na) mi accodo per fare una bella class action con denuncia alle poste, sono e siamo stufi di questi disservizi, sono anni che mi arrivano ( o non arrivano proprio) bollette scadute da 10ine di giorni... 

    la mia mail e’ s_tony_123@yahoo.it contattatemi pre procedere grazie...saluti a tutti...
  • Di (---.---.---.35) 18 dicembre 2014 16:33

    Anche io da mesi non ricevo la posta da Poste Italiane, tre bollette eni del gas, un biglietto d’auguri di buon compleanno, sono le mancate consegne a me noti. Inoltre il14.04.2014 il 17.04.2014 ho inviato le raccomandate A/R l’avviso di ricevimento mi è tornato privo di firma del ricevente la data e la firma dell’incaricato alla distribuzione. Ho fatto reclamo con i moduli datomi dall’ufficio Postale dove le avevo spedite Porto Recanati MC, dopo il tempo indicatomi dall’ufficio ho telefonato 800163 per due giorni senza mettermi in contatto. Alla fine per stanchezza ho desistito, possiedo tutte la documentazione o la testimone di quanto sopra detto, tranne delle bollette eni gas, però esiste la richiesta del duplicato. Inoltre è prassi consolidata, di mettere gli avvisi di giacenza delle raccomandate A/R e l’indomani dopo mezzogiorno si può ritirare la raccomandata. Vorrei far parte del gruppo, se è possibile, Class Action. Grazie Giuseppe


  • Di (---.---.---.65) 7 gennaio 2015 10:00

    A Romano Canavese (TO) il postino non suona mai al campanello e spesso non lascia neppure l’avviso! nel solo mese di dicembre ho trovato 5 raccomandate davanti alla porta, senza firmare nulla.

    Mi associo al gruppo se possibile.
  • Di (---.---.---.220) 15 gennaio 2015 16:31

    abito a Brugherio (MB9. Da mesi per non dire da alcuni anni mi batto inutilmente(?) perchè vi sia un miglior servizio di recapito postale. Non parlo della normale corrispondenza ( per me è indifferente se questo tipo di corrispondenza mi arrivi uno o due7tre giorni dopo). Sono abbonato a due quotidiani (uno l’ho dismesso per questo motivo) ma il loro arrivo e ogni giorno un "terno al lotto".La consegna avviene mediamente tra le ore 14,00 e le 16,00. Molto spesso non arriva affatto. Ormai all’ufficio recapiti del mio comune forse mi "odiano". Sono un rompi...

    Ho protestato direttamente a livello locale e provinciale; ti promettono ma non succede nulla. Non c’esisteva una norma tra le Poste e gli Editori che stabiliva la consegna entro le 11,00. Non credo di pretendere troppo. Mi basterebbe che il mio quotidiano mi arrivasse entro le 12/13. Forse è una chimera ma se le Poste agiscono in assoluto monopolio debbono essere altrettanto efficienti nel recapito puntuale. A chi rivolgersi per un reclamo che possa produrre qualche risultato positivo? Grazie e buon lavoro. Vittorio 
    • Di Giulio (---.---.---.165) 15 settembre 2015 23:21

      Abito a Cncorezzo (MB) che credo dipenda da Brugherio come smistamento posta, e devo lamentare il mancato recapito di tre numeri nell’ultimo anno di una rivista che ricevo in abonamento.
      Sono disposto a parteciapre ad una class action.

  • Di (---.---.---.32) 27 febbraio 2015 21:56

    abito a roma ache io sono in guerra con le poste per tre raccomandate mai consegnate creandomi seri problemi finanaziari credo che lunico modo per attaccare questa gente e’muovere ilgoverno per spezzare questo monopolio e mandarli acasa le cose stanno cambiando dobbiamo unire le forze e spedire molte lettere di protesta alle presidente del consiglio e alla stampa tel 3383074119

  • Di (---.---.---.20) 9 febbraio 2016 15:32

    Abito a Brugherio e da settimane non ricevo posta. Abito in un quartiere periferico e sto aspettando di ricevere i bollettini via posta per effettuare i pagamenti. Luce, assicurazione auto,affitto . Non arrivo nulla. Mi rendo disponibile per una class action 3284471755

  • Di francesco (---.---.---.254) 28 febbraio 2016 19:23

    ....anche io e altri della zona abbiamo problemi "importanti"con il recapito della posta...e non è certo colpa dei portalettere. Si è passato dai giorni alterni a salti anche di una settimana. ho chiamato l’ufficio postale a cui fa capo il mio comune chiedendo se potevo andare io a prendermi la posta.

    Questa nuova riorganizzazione di Poste Italiane non ha tenuto conto dell’importanza del contenuto della corrispondenza.

    io..l’unica protesta che posso mettere in atto è la chiusura delle due schede sim di Poste Mobile a me intestate.

    cordiali saluti

  • Di Younes (---.---.---.76) 30 maggio 2016 13:39

    Buongiorno sono Younes da un po’ di tempo Non ricevo né posta ne niente aspettavo dei pacchi che non sono mai arrivati e anche delle lettere importanti (bancomat) È possibile ritrovarli.

  • Di Younes (---.---.---.76) 30 maggio 2016 13:40

    E non passano neanche i postini.

  • Di Vale (---.---.---.238) 11 giugno 2016 12:58

    Salve, io ricevo spesso la posta con mittente sbagliato e mi ritrovo a fare da postino e recapitare la corrispondenza ad ulcuni vicini di casa. Ora mi sono rotta. Anche dopo aver informato diverse volte il lostino la cosa è diventando consuetudine. Come posso procedere? Denuncia alla polizia?

    Vi ringrazio anticipatamente

  • Di Vale (---.---.---.238) 11 giugno 2016 12:59

    Salve, io ricevo spesso la posta con mittente sbagliato e mi ritrovo a fare da postino e recapitare la corrispondenza ad ulcuni vicini di casa. Ora mi sono rotta. Anche dopo aver informato diverse volte il lostino la cosa è diventata consuetudine. Come posso procedere? Denuncia alla polizia?

    Vi ringrazio anticipatamente

  • Di Il Migliore (---.---.---.27) 13 agosto 2016 22:33

    Per favore indicare articolo codice civile che stabilisce che ciò è un reato. Fatto questo ognuno dovrebbe far denuncia alle forze dell’ordine in virtù di tale articolo, ma senza questo non vedo gli estremi purtroppo . Inoltre se non sbaglio il responsabile dell’invio di materiale rimane il mittente fintanto che il destinatario non lo riceve... Quindi la.bolletta non arriva? Bene, che l’ente o chi per esso si preoccupi di cambiar vettore...affari suoi giusto?

  • Di Emilia Urso Anfuso (---.---.---.165) 14 agosto 2016 12:15

    Salve, sono la giornalista autrice dell’articolo. Legga il testo dell’articolo. 616 del codice penale. Inoltre, esistono molte sentenze che sostengono quanto ho scritto. Un cordiale saluto. Emilia Urso Anfuso

  • Di Luciana (---.---.---.76) 9 settembre 2016 11:32

    Buongiorno, Ho utilizzato un po’ di volte il servizio posta1 di poste italiane, una posta prioritaria con codice per verificare non la tracciabilita , bensì l’esito di consegna , con tariffa leggermente inferiore alla raccomandata ma comunque, in base a peso è formato, di 2,80 o 5,50 o 8 euro. Bene , una busta che ho inviato non è mai arrivata al destinatario , e gli stessi impiegati delle poste storcono il naso quando chiedo di spedire con questa modalità (probabilmente consapevoli dell’aleatorietà del servizio). Ora mi chiedo: in un paese teoricamente civile ed avanzato , possibile che la posta sia un servizio così primitivo , e che quando un cittadino spedisce qualcosa debba incrociare le dita e fare gli scongiuri sperando arrivi a destinazione ? Dopo aver profumatamente pagato per questo servizio , che dovrebbe essere costituzionalmente protetto come diritto del cittadino e in quanto poste italiane (teoricamente) ente pubblico ? Stessa parentesi si potrebbe aprire per trenitalia ma , è un cane che si morde la coda ...

  • Di lorenzo (---.---.---.216) 1 novembre 2016 14:56

    Salve, io ho già inoltrato 2 querele contro le Poste del mio paese di residenza. La prima è stata archiviata dal Giudice; aspetto di sapere l’esito della seconda. Comunque sono interessato a eventuali azioni di class action

  • Di Anna (---.---.---.111) 9 dicembre 2016 14:39

    Buonasera, Vivo da 2 anni in un palazzo, nuova costruzione, a cui manca il numero civico. Nella mia zona vivono delle persone con il mio stesso cognome. Da questo ne consegue che la posta non mi arriva. Ogni tanto mi suonano persone di altri palazzi per avvisarmi che hanno trovato la mia posta nella loro buca e gentilmente me la consegnano. Ho fatto presente questo problema al direttore dell’ufficio postale il quale mi ha assicurato che non sarebbe più successo. Ovviamente la cosa continua a ripetersi. Mi scadono le bollette e non me ne rendo neanche conto. Se invio raccomandate con ricevute di ritorno, non ricevo mai la ricevuta di ritorno. Come devo fare??? Non so più a chi rivolgermi!

  • Di francesco (---.---.---.246) 9 dicembre 2016 15:55

    Il 29/10/2016 spedisco con Quick Pack Europe un plico di 8,90 kg e delle domensioni di cm 145x10x75 contenenete stampe e disegni dalla Sardegna alla Francia (parigi). Il pacco non viene consegnato, anche se in "cerca spedizioni" mi dice "consegnato in data 9/11/2016 per essere già in restituzione al mittente già dal 10/11/2016. E al 10/1/2016 si fermano le date e il percorso di rientro del pacco.
    Ho fatto i debiti reclami sia on line che al telefono che allo stesso ufficio postale di spedizione. Devo aspettare i famosi 45 gg ma qualcosa mi dice che non servirà a nulla.
    Non mi resta che fare una denuncia formale, non so ai carabinieri o alla polizia postale.
    Di fatto si spedisce senza garanzia o devi avere la fortuna che il pacco arrivi a destinazione ......????

  • Di Emilia Urso Anfuso (---.---.---.241) 9 dicembre 2016 16:02
    Emilia Urso Anfuso

    Buonasera
    Poste Italiane, sta creando - da molto tempo - problemi a tutti i cittadini.
    La posta non sembra più essere il servizio primario. I servizi finanziari sono di gran lunga ben più prioritari...

    Come ho scritto in questo articolo e in altri, l’unico metodo è denunciare.

    Ovviamente, un’azione collettiva farebbe più "rumore"

    Un cordiale saluto

  • Di Massimiliano (---.---.---.205) 8 aprile 2017 10:58

    Buongiorno, vi scrivo per chiedere se è normale che il postino nel giro di una settimana suoni 2 volte come se dovesse consegnare una raccomandata e poi non lascia nessun avviso. Purtroppo in entrambi i casi era in quel posto e non ho fatto in tempo a fermarlo.

    Grazie fin d’ora a chi sa darmi una risposta.. Massimiliano

  • Di Francesco (---.---.---.232) 27 aprile 2017 00:25

    Salve , come si può fare per denunciare le poste? Ieri mi sono arrivate all ufficio messo comunale una scarrellata di multe tutte con la dicitura indirizzo sconosciuto, questo mi sta provocando seri problemi finanziari perché non essendo a conoscenza di queste multe in modo repentino ho fatto l infrazione più volte nell arco dell anno, mentre se io sapevo già della prima multa avrei evitato le successive. Sono nello sconforto totale.

    • Di Emilia Urso Anfuso (---.---.---.241) 29 aprile 2017 14:47
      Emilia Urso Anfuso

      @Francesco

      Gentili lettori, grazie per le comunicazioni che continuate a inviarmi, per chiedermi come fare per denunciare ritardi e omissioni nella consegna della posta Oggi, è stato pubblicato un mio articolo, in cui spiego nel dettaglio cosa fare e a chi denunciare.

      Nell’articolo, troverete anche i moduli necessari a presentare queste segnalazioni

      Mi auguro che possa esservi di aiuto: ecco l’articolo http://www.gliscomunicati.it/conten...

      Un cordiale saluto a tutti

  • Di Emilia Urso Anfuso (---.---.---.241) 27 aprile 2017 16:58
    Emilia Urso Anfuso

    Gentili lettori, grazie per le comunicazioni che continuate a inviarmi, per chiedermi come fare per denunciare ritardi e omissioni nella consegna della posta Oggi, è stato pubblicato un mio articolo, in cui spiego nel dettaglio cosa fare e a chi denunciare.

    Nell’articolo, troverete anche i moduli necessari a presentare queste segnalazioni

    Mi auguro che possa esservi di aiuto: ecco l’articolo http://www.gliscomunicati.it/conten...

    Un cordiale saluto a tutti

    • Di Roberta Spadafora (---.---.---.188) 19 maggio 2017 18:21

      @Emilia Urso Anfuso

      Ciao.io sono stata tra virgolette vittima delle poste ed ovviamente i vigili non ne vogliono sapere nulla.ora mi tocca.pagare 600 euro di multa! Che devo fare! ?

  • Di ANTONELLAV (---.---.---.205) 27 giugno 2017 12:04

    Ciao, anch’io ho ricevuto un disservizio piuttosto pesante e oneroso, nel mese di aprile non ho ricevuto nessun avviso di raccomandata per un atto di precetto, nè del Cad (in cassetta postale non c’era) dopo circa due mesi mi è arrivata una citazione a seguire del precetto con un ammontare lievitato di 10.000 euro. Ho fatto la ricerca in casa comunale e in Unep, dove risulta tutto regolare cioè atto depositato in casa comunale e cartolina verde dell’Ufficiale Giudiziario che ha fatto la raccomandata, ma io a casa mia in residenza non ho ricevuto nessun avviso. Ho parlato con il Direttore delle Poste Italiane del mio paese che ha allargato le braccia dicendo che non sà nulla e mi ha presentato il postino che fa il giro nella mia via. Il postino non ricorda ora ho deciso che farò la ricerca nel fascicolo depositato in Tribunale per fare copia della cartolina firmata con il nome dall’addetto e poi deciderò cosa fare, ma come faccio a comprovare che nella mia cassetta postale non è stato depositato l’avviso del precetto? Se potete darmi un consiglio.

    Grazie

    Antonella 
  • Di Pierattilio Tessaro (---.---.---.135) 27 ottobre 2017 15:06

    Anche a me è successo che il postino ha suonato il campanello sebbene fossimo tutti a casa, ma ha addirittura sbagliato cassetta delle lettere, il vicino prontamente è venuta a consegnarla ma il postino era già andato via, adesso mi ritrovo con una notifica da ritirare tra quattro giorni in ufficio postale non sapendo di cosa si tratti,tutto ciò mi fa imbestialire, capisco che non leggono il nome dell’intestatario ma almeno leggessero giusti i numeri civici .

  • Di roberto (---.---.---.20) 3 gennaio 2018 13:57

    E quindi come è finita co sta class action? Niente di fatto? Ma anche una petizione seria non si puo fare? La farei io ma non ho alcuna competenza legale e non saprei cosa proporre nel testo della petizione. Sveglia!!!

  • Di Maria grazia (---.---.---.97) 11 gennaio 2018 13:47

    Pronta ad unirmi a voi per un eventuale esposto a poste italiane, non vi racconto il mal servizio dell ’ufficio postale di via Dante in CHIVASSO TO,da torcegli il collo minimo, fuori sta gente lavativa e ruba stipendi pagati coi nostri soldi

  • Di Nicola Mancino (---.---.---.146) 6 marzo 2018 15:25

    Ciao anche io sono intenzionato alla class action. Sono a Napoli e non mi arrivano multe che risultano "notificate" ma non sono mai state ricevute, neanche con avviso in cassetta postale. Comunque io proporrei un gruppo su facebook per potere intentare un azione legale. Fatemi sapere più siamo meglio è!

  • Di SERGIO (---.---.---.80) 31 agosto 2018 12:14

    l’articolo è di 5 anni fa ma siamo ancora alla stessa situazione con poste italiane, possibile che non si riesca a fare nulla? corrispondenza non consegnata oppure consegnata con enorme ritardo e molto spesso a indirizzi err

  • Di jordan (---.---.---.199) 5 febbraio 2019 07:07

    Vorrei sapere se è vero che un indirizzo privo del solo numero di scala può essere considerato sconosciuto. 

    Grazie

    • Di Il-Postinoooo (---.---.---.206) 10 febbraio 2019 10:47

      Caro Jordan,

      Hai mai provato a consegnare qualche centinaio di lettere a un civico con le scale in cui le persone se ne fregano altamente di comunicare la scala (al mittente)?

      Per esempio, un civico con DIECI scale (A B C D E F G H I L), in cui ci sono VENTI famiglie per scala, ovvero in totale 200 famiglie e 600 persone (se sono famiglie da tre persone), in cui arrivano le bollette dell’enel, della tim, del gas, dell’acqua, contemporaneamente, oltre al resto della corrispondenza, quindi (800) OTTOCENTO lettere di bollette (più il resto).

      Ti pare possibile che il tuo portalettere possa stare a cercare tutti i cognomi prima alla scala A, poi alla B, poi alla C, poi alla D, poi alla E, poi alla F, poi alla G, poi alla H, poi alla I, poi alla L, e poi ricominciare dall’inizio perché ovviamente non sarà in grado di trovarli tutti e perdere una giornata intera solamente perché tutte queste famiglie hanno avuto la NEGLIGENZA e la NON-CURANZA di NON comunicare la scala al mittente (cosa per cui non si perdono nemmeno DIECI secondi)?

      Pensi che il portalettere sia contento di mandare indietro la tua corrispondenza e rischiare problemi legali, invece di consegnartela?

      Pensi che il portalettere sia contento quando ti trova, ti consegna la tua corrispondenza e contemporaneamente ti dice cordialmente che dovresti comunicare al mittente la scala (per agevolare la consegna a lui e ai suoi colleghi quando sarà assente) e tu te ne freghi altamente per mesi e/o anni?

      Il portalettere ci prova comunque a consegnarti la corrispondenza anche senza la scala (per l’articolo 23 della seguente legge), ma non lo dovresti prendere come vizio o come cattiva abitudine.

      La regola generale e sempre valida è che l’indirizzo sia completo in tutte le sue parti, ovvero: cognome, nome, via, nr civico, scala (quando presente), oppure lotto e scala.

      Insomma al mittente dovresti comunicare esattamente le informazioni che serviranno poi al portalettere per trovare il tuo palazzo e quindi la tua cassetta delle lettere.

      In alcuni casi viene scritto anche il piano e l’interno (che al portalettere non servono a nulla, dato che non deve consegnarti la posta al piano ma nella buca delle lettere).

      Questo è ciò che dice la legge "CONDIZIONI GENERALI PER L’ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO POSTALE UNIVERSALE (Allegato A della Delibera 385/13/CONS del 20 Giugno 2013, in G.U n. 165 del 16 Luglio 2013)"

      Art 10 Indirizzo e confezionamento
      "è necessario che il mittente indichi in modo chiaro e completo l’indirizzo del destinatario, e precisamente: nome e cognome, via, piazza o altro; numero civico (scala ove necessario per l’individuazione del punto di recapito); località e codice di avviamento postale esatto"

      "Qualora l’indirizzo non sia completo ed esatto, Poste italiane non garantisce la corretta esecuzione del recapito. In tal caso, si applica quanto previsto dall’art. 23 (indirizzo inesistente, inesatto o insufficiente)"

      Art 20 Esecuzione del recapito
      "Gli invii postali sono recapitati alla persona fisica o giuridica destinataria o altra persona abilitata nel luogo corrispondente all’indirizzo indicato"

      Art 23 Indirizzo inesistente, inesatto o insufficiente
      Gli invii con indirizzo inesatto o insufficiente vengono recapitati quando risulti possibile individuare il destinatario in modo certo."

Lasciare un commento

Per commentare registrati al sito in alto a destra di questa pagina

Se non sei registrato puoi farlo qui


Sostieni la Fondazione AgoraVox







Palmares