• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tribuna Libera > Per una vecchiaia dignitosa

Per una vecchiaia dignitosa

Oggi, fin quando si è considerati bambini? Forse fino a 15 anni? E ragazzi? Trent’anni e oltre. Giovani? Almeno fino a 55 anni. Adulti (forse) lo si diventa verso i 60 anni. Anziani? Dopo gli ottanta. Vecchi? Mai. Tale assurda visione è funzionale a una economia di eterni disoccupati e precari, in cui il momento dell’autonomia (propria casa, propria famiglia, proprie responsabilità) è giocoforza rimandato all’infinito. L’assoluta schizofrenia e alienazione della nostra società è evidente peraltro anche nell’ambito della tematica della terza età.

 

Da un lato si diffonde un modello consumistico e superficiale di vita longeva, felice, sana, per cui via coi lifting (vedi Quel «vecchio che non piace» affatto a Luis Sepúlveda) e con l’allontanamento-rimozione di ogni ansia di malattia, decadimento, morte; dall’altro avviene sempre prima la “medicalizzazione”, vale a dire la somministrazione di terapie continue (spesso con negativi effetti collaterali iatrogeni, cioè malattie causate dall’uso di medicine, che richiedono a loro volta altri farmaci, in una catena senza fine).

Da un lato si canta vittoria per l’allungamento della vita media; dall’altro sono preoccupanti i dati secondo i quali, in realtà, la speranza di vita sana si sta accorciando sempre più. Le pubblicità fanno vedere vecchi benestanti in vacanza in crociere di lusso o esotici paradisi naturali, mentre in realtà gli anziani con una pensione troppo bassa persino per mangiare e curarsi costituiscono la maggioranza del loro segmento sociale. Si invita alla prevenzione, ma i tagli alla spesa pubblica e sanitaria sono sempre più pesanti e molti “nuovi poveri” ormai non si curano più.

Un mondo fondato sul bisogno, sulla disperazione, sull’infelicità. Per i benpensanti, specie in Italia, la vita è salvaguardata all’inizio (no aborto) e alla fine (no eutanasia). Ci si preoccupa di embrioni e macilenti corpi senza coscienza, ma non di chi è giovane, sano, forte, pieno di voglia di vivere e in grado di dare agli altri e al mondo. Nel mezzo del grande fiume senza guado è consentita invece la povertà, lo sfruttamento, la violenza, l’insicurezza sociale. A risentirne è l’idea stessa di dignità umana. In particolare di quella della vecchiaia, costretta a essere prima una caricatura di se stessa, poi uno strazio sostenuto da accanimenti medici senza via d’uscita.

Rino Tripodi

 

Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares