• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Mondo > Pena di morte in USA: sotto esame 27 condanne sospette

Pena di morte in USA: sotto esame 27 condanne sospette

Nel 2012 il Washington Post rivelava come il Dipartimento di Giustizia americano avesse scoperto l'occultamento di prove alla difesa da parte dei pubblici ministeri. Ad un anno di distanza, 27 casi giudiziari che si sono conclusi con la pena di morte sono al vaglio, col rischio di riscontrare in essi un errore costato una vita innocente.

Già un anno fa il Washington Post segnalava una opacità da parte dei pubblici ministeri americani nel rivelare alle difese prove indiziarie che avrebbero potuto scagionare i loro assistiti. Ha avuto origine così, nel luglio 2012, l'azione del Dipartimento di Giustizia conclusasi in questi giorni con la revisione di 27 casi di pena di morte, forse comminata nei confronti di innocenti.

In quello che è divenuto un dibattito "se il sistema funziona" dunque, la collaborazione tra FBI, Dipartimento di Giustizia, Innocence Project e National Association of Criminal Defense Lawyers ha permesso di rianalizzare una cifra attorno ai 21700 file di laboratorio. Sebbene infatti l'utilizzo di capelli come prove venga considerata dagli anni '70 come "non determinante", nel tempo la prova dei fatti ha determinato un'interpretazione diversa: quei capelli valsero ai fini della comminazione della pena. Con questa revisione verrebbero dunque a cadere metodi efficaci nell'"assicurare alla giustizia" qualcuno, ma non necessariamente il colpevole.

Non a caso lo stesso Peter J. Neufeld, a capo dell'Innocence Project, ha definito questa iniziativa come "un grande passo in avanti al fine di migliorare il sistema della giustizia criminale e il rigore della scienza forense negli Stati Uniti". Importante proprio perché parte dal Dipartimento di Giustizia e dall'FBI, accusate di coprire i propri agenti anche quando colpevoli, ma soprattutto perché ad alta priorità saranno gli imputati che ancora scontano la propria pena e quelli sottoposti ad esecuzione. Un dato fondamentale se si considera che gli Stati Uniti sono al quinto posto per l'uso della pena di morte, dopo Cina, Iran, Iraq e Arabia Saudita.

Vieni quindi posto a rischio un metodo, un'intera concezione della giustizia americana, proprio nel momento più delicato. Sullo scenario si affacciano infatti già le spaventose incognite sull'uso delle armi da parte dei cittadini e dello spionaggio da parte dell'autorità pubblica. Si vanno quindi a toccare i fili sensibili del senso di sicurezza di un'intera collettività, col rischio di comprometterlo. Se si pensa che già il secondo emendamento, appartenente ai primi anni della storia americana, sancisce il diritto di possedere armi, si può capire quanto pauroso sia il salto verso un metodo più civile di trattare con i criminali.

Tutto questo mentre di fronte all'opinione pubblica si affaccia già un ulteriore caso, quello di Anthony Garcia, l'uomo che per un'accusa di omicidio rischia oggi la pena di morte. Nel momento sbagliato, o forse in quello più giusto: gli Stati Uniti potrebbero trovarsi di fronte ai propri più profondi demoni e liberarsene, finalmente. Demoni di una giustizia brutale che rischia ora di essere smascherata anche nella propria inefficacia, oltre che nella propria barbarie. Con Garcia attendono altri colpevoli degni di equo processo (Gary Watland ad esempio). In attesa di giustizia, non di un pubblico assassinio perché altri possano sentirsi al sicuro.


Foto: Manifestazioni a sostegno di Troy Davis, giustiziato nel settembre del 2011. World Coalition Against the Death Penalty/Flickr

Commenti all'articolo

  • Di (---.---.---.72) 19 luglio 2013 16:41

    Questa pseudo democrazia nonmè nuova a questi fatti, l’innocenza o meno è troppo spesso colore della pelle. 

  • Di GeriSteve (---.---.---.40) 19 luglio 2013 23:40

    concordo, ma correggerei il commento precedente:
    ...l’innocenza o meno è troppo spesso colore della pelle, portafoglio e consenso politico.

    Aggiungo però un altro tipo di argomenti:
    - gli errori giudiziari possono essere fortemente ridotti, ma non eliminati completamente.
    - le distorsioni giudiziarie non sono affatto degli errori, e vanno dalle ingiustizie in giudizio per motivi razziali, ideologici, di interesse... alla voluta falsificazione di prove e testimonianze. Possono e devono essere eliminate completamente.
    - gli errori e le distorsioni giudiziarie non sono e non devono essere usati come argomenti contro la pena di morte. Molto meglio eliminare errori e distorsioni mantenendo la pena di morte che eliminare la pena di morte mantenendo gli errori e le distorsioni. Il fatto che un condannato possa essere ancora in vita se viene scoperto un errore o una ingiustizia è proprio l’ultimo degli argomenti contro la pena di morte, ed è anche il più ipocrita e squallido, quasi come se fosse lecito condannare un innocente se poi non lo si ammazza.
    GeriSteve

  • Di Francesco Finucci (---.---.---.107) 20 luglio 2013 20:41
    Francesco Finucci

    posso dirmi sostanzialmente d’accordo. Io mi focalizzerei però su un’altro aspetto: la questione della giustizia affonda in america in una più estesa struttura culturale. Si lega all’idea che la nazione debba essere in armi, perché solo così può difendersi, ma anche che la nazione americana abbia il ruolo di civilizzazione del mondo: fondendo questi due caratteri ne esce l’idea che per civilizzare (anche il proprio stesso territorio) si possa e si debba fare bonifica del criminale deviato che quindi può anche essere eliminato. Se potenzi questa cosa tramite l’utilizzo dei moderni media ne esce fuori uno spirito da caccia all’uomo, o anche più probabilmente di guerra religiosa estremamente pericoloso. Di fronte a questo poi le discriminazioni di religione, cultura ed etnia poi non sono che l’elemento contingente che scatena un substrato più antico e complesso. Per questo è importante parlare di pena di morte, perché appartiene ad una determinata visione del mondo, una visione eliminazionista

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares