• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Ambiente > Nucleare, ci vuole del coraggio. Intervista a Giuseppe Miserotti

Nucleare, ci vuole del coraggio. Intervista a Giuseppe Miserotti

Giuseppe Miserotti è Presidente dell’Ordine dei Medici di Piacenza e referente provinciale dell’ISDE-Italia (Associazione Internazionale Medici per l’Ambiente).

Esistono studi che mostrino la correlazione tra la vicinanza ad impianti nucleari e l’incidenza di tumori e leucemie?

Sì; ce ne sono diversi; uno dei più significativi per completezza di dati epidemiologici, per autorevolezza e terzietà in quanto promosso e finanziato dal Governo tedesco, è il KIKK study pubblicato nel 2008. In esso si evidenzia come, dalla valutazione fatta dal 1980 al 2003, intorno alle 15 centrali nucleari esistenti sul territorio tedesco, emerga un aumento delle leucemie nei bambini residenti fino a 5 km di distanza dalle centrali, del 220% rispetto alla popolazione normale, e un aumento del 160% dei tumori embriogenetici. Per quanto riguarda tali gravi patologie, il loro sviluppo in età così precoce, è da riferirsi alla irradiazione alle cosiddette “piccole dosi” cui inevitabilmente sono state sottoposte le madri in gravidanza. Anche negli USA il prof. Mangano e la collega Sherman avevano prodotto studi che evidenziavano come, nelle contee all’interno delle quali erano collocate le centrali nucleari, vi fosse un aumento dei tumori e delle leucemie che non trovava analoghi riscontri nelle popolazioni di controllo. I dati cui si riferirono i due autori statunitensi si riferiscono a dati facenti estratti da cosiddetti CDC (Center of Disease Control), istituti di rilevazione molto apprezzati negli USA e nel mondo scientifico in generale per la loro serietà.

A Sessa Aurunca, nella zona della ex centrale del Garigliano, si registra una incidenza di tumori e leucemia 6 volte superiore alla media italiana.

Anche questa rilevazione conferma come vi sia una diretta e causale connessione tra cosiddette “piccole dosi” di radionuclidi e aumento delle patologie tumorali. Il midollo osseo, poi, risulta essere particolarmente sensibile alle radiazioni. Il danno infatti si estrinseca sulle cellule staminali più che sulle cellule somatiche dell’individuo. Del resto questa è una delle ipotesi patogenetiche più accreditate anche nel KIKK study tedesco.

Da un punto di vista meramente economico: se anche il nucleare fosse più economico di altre forme di energia, il risparmio compenserebbe i maggiori costi legati all’aumento dei tumori?

Da medico che quotidianamente è a contatto con la sofferenza e con i drammi umani e famigliari che i tumori comportano, la risposta è d’obbligo: non può esistere valutazione economica che possa giustificare tanta sofferenza. Tuttavia non c’è dubbio che uno dei costi maggiori per il SSN sia proprio da riferirsi alle costosissime cure per le malattie tumorali.

Poiché «la radioattività di origine umana è il più sicuro dei cancerogeni» (secondo Paolo Scampa, presidente dell’AIPRI), non crede che dovrebbe essere l’industria nucleare a dimostrare l’innocuità della tecnologia, piuttosto che la medicina, magari con decenni di ritardo sui danni già procurati?

Dovrebbe essere così. In effetti i tentativi di rassicurazione da parte dei produttori di tali tecnologie non mancano. Peccato che ci si dimentichi che non possa esistere centrale nucleare che per definizione goda di una sorta di “compartimento stagno” dal quale nulla possa uscire. In realtà vi sono molti studi che dimostrano come i radionuclidi, in particolare Trizio e C14, correntemente escano dalle centrali sia per questioni legate al ciclo di raffreddamento dell’acqua che dai camini. Tutto questo come ovvio ha ricadute evidenti sul territorio e di conseguenza sulla catena alimentare. La metanalisi pubblicata nel settembre del 2009 nello studio di IAN FAIRLIE nel settembre del 2009 su Environmental Health, oltre allo studio KIKK, pubblica dati inequivocabili sulla presenza di radionuclidi all’esterno delle numerose centrali prese in considerazione.

Si può affermare che incidenti nucleari di tipo INES 0 e 1 non hanno “nessun significato sanitario”?

È un’affermazione molto coraggiosa per non dire scorretta. Infatti non esiste dose di radioattività per quanto piccola che per definizione possa essere ritenuta sicura. Già si discute di questo concetto quando si parla di radiazioni per motivi diagnostici, (radiografie, TAC etc.) che pure vengono assunte per una breve frazione di secondo dal corpo umano. Figuriamoci per assunzioni di dosi di radionuclidi che una volte assunte per via inalatoria o alimentare rimangono nel corpo umano praticamente per tempi lunghissimi (in alcuni organi verosimilmente per sempre) dove esercitano emissione di radioattività in modo continuativo secondo il carattere tipico di quel particolare radionuclide.

Il prof. Vincenzo Pepe, presidente di «FareAmbiente», sostiene che le vittime dell’incidente di Chernobyl siano state solo 65. Cosa ne pensa?

Probabilmente il professore si riferisce ai risultati del Chernobyl Forum pubblicati nel 2006. In esso si sostiene che per gli effetti diretti del disastro le vittime siano state solo 56 e 4000 i decessi stimati per le conseguenze. Ma questo rapporto secondo molti ricercatori sarebbe il risultato di tutta una serie di preoccupazioni politiche volte - come spesso accade in seguito a veri e propri disastri ambientali - a minimizzare danni ed effetti la cui portata appare non prevedibile. Il rapporto già in occasione della sua presentazione è stato aspramente criticato da alcuni importanti gruppi di ricercatori che sostengono come vi sia stata un’enorme sottovalutazione del numero di vittime sia reali che potenziali in conseguenza dell’incidente. Ci sarebbe molto da dire sul condizionamento che l’AIEA (Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica) istituita per la promozione del nucleare civile, esercita sull’OMS. Tra molti altri il prof. NIKOLAJ OMELYANETES vice-capo della commissione per la radioprotezione ucraina, parla nei suoi studi di 35.000 decessi solo per quanti parteciparono alla ripulitura dei territori contaminati. La mortalità infantile è aumentata dal 20 al 30%. I dati di quegli studi, ripetutamente inviati all’OMS sono stati sempre ignorati. Il rapporto TORCH, pubblicato nel 2006 dagli scienziati inglesi IAN FAIRLIE e DAVID SUMNER , evidenzia gli effetti dell’esposizione a basse dosi di radiazioni o alle radiazioni “interne” che vengono assorbite per effetto della catena alimentare. Lo stesso documento parla di una sottostima del Chernobyl Forum di almeno il 30% della quantità di materiale radioattivo contaminante rilasciato dall’esplosione. L’Accademia delle Scienze russa stima che, ad oggi, ci siano stati 140.000 morti in Ucraina e Bielorussia e 60.000 in Russia. La commissione Nazionale Ucraina per le radiazioni pone questa cifra a 500.000.Tutto ciò mentre all’inizio del 2010 sia in Bielorussia che in Ucraina è stato rilevato un netto aumento dei casi di cancro e un ulteriore aumento della mortalità infantile.

Nell’ultimo rapporto di "Medici per l’Ambiente-ISDE Italia", si legge che «nel normale funzionamento di qualsiasi centrale nucleare (anche in assenza di incidenti o fughe radioattive) vengono inevitabilmente e obbligatoriamente prodotte e immesse nell’ambiente esterno una serie di sostanze radioattive, che entrano anche nella catena alimentare dell’uomo». Quali sono le implicazioni per l’uomo?

La contaminazione della catena alimentare molto ben studiata e riportata sempre nella metanalisi dello studio di FAIRLIE, rappresenta una delle conseguenze più gravi per l’insorgenza di tumori e leucemie oltre che di malformazioni nell’uomo. La presenza di radionuclidi con emissione continua di energia per tempi lunghissimi all’interno del corpo umano è causa di danni gravissimi. Oltretutto per ragioni di affinità strutturale fisica e biochimica rispetto ai tessuti biologici e a ripetuti stimoli e contaminazioni avviene all’interno del corpo umano un fenomeno di sommazione e concentrazione di queste sostanze con ulteriore aumento della loro patogenicità. Si ripete - insomma - anche per i radionuclidi ciò che è ampiamente riconosciuto e dimostrato per ogni altra sostanza assorbita a causa dell’inquinamento.

Giovanni Ghirga, della ISDE Lazio, sostiene che con la costruzione di nuove centrali nucleari si stia violando il cosiddetto “principio di precauzione”. Perché?

Gianni Ghirga ha perfettamente ragione; il principio di precauzione dovrebbe sempre essere applicato - come principio irrinunciabile così come previsto - ogni qualvolta esiste anche solo la “possibilità” (e non la certezza) che una sostanza o un prodotto possano influire negativamente sulla salute. È dunque un principio basato prima che su studi scientifici, sul buonsenso. Ma di questi tempi il buonsenso sembra essere merce sempre più rara sul mercato. O forse è meglio dire che le ragioni economiche di pochi hanno il sopravvento sulla salute dei cittadini.

Quali possono essere le conseguenze di una tale violazione?

Il principio di precauzione è previsto dal trattato di Maastricht del 1992, istitutivo della UE all’art. 174, comma 2 ed è contenuto anche nei principi della conferenza dell’ ONU su Ambiente e Sviluppo dello stesso anno. Non ho competenze giuridiche ma credo si possa pensare ad un ricorso alla Corte Europea in caso di mancata applicazione dello stesso.

Cosa dobbiamo attenderci, da un punto di vista sanitario, in seguito alla eventuale ripresa del nucleare in Italia?

Purtroppo dopo tutto quanto visto e detto credo ci potremo attendere solo un prevedibile aumento di tumori e leucemie con aumenti di mortalità infantile e di malformazioni.

I commenti più votati

  • Di (---.---.---.42) 8 settembre 2010 15:56

    Notizie false e tendenziose!!!
    Tali sono quelle sulle conseguenze dell’incidente di Chernobyl, parlando di migliaia di casi di morti per cancro e leucemia fra gli abitanti delle zonecircostanti. Questo contrasta in pieno con le affermazioni della WMO e dell’UNSCEAR, che invece dichiarano che non si sono avuti casi statisticamente accertabili, neanche fra gli evacuati di Chernobyl e dintorni e fra i liquidatori (in tutto circa 100000 persone che hanno ricevuto una dose media di circa 0,5 Sievert) e fra i quali si sarebbero dovuti verificare centinaia di casi di leucemia (quasi un raddoppio dell’incidenza naturale) a partire da 2 anni dopo l’incidente, con un picco intorno ai 10 anni ed una coda estesa fino a circa 20 anni dall’incidente (come avvenne fra i sopravvissuti di Hiroscima e Nagasaki, che ricevettero dosi analoghe, ma quasi istantanee, invece che diluite in settimane o mesi). In realtà non si è riscontrato alcun aumento statisticamente significativo delle leucemie fra queste 100000 persone!



    Prof. Marino Mazzini Full Professor of Nuclear Safety Department of Mechanical, Nuclear and Production Engineering University of Pisa Largo Lazzarino, 2 56126 PISA (Italy) Tel.: +39 0502218058; Fax.: +39 0502218065; Cell.: +39 3204355973

    mailto:mazzini@ing.unipi.it

    The YouNuclear Website: http://younuclear.ing.unipi.it

Commenti all'articolo

  • Di (---.---.---.42) 8 settembre 2010 15:56

    Notizie false e tendenziose!!!
    Tali sono quelle sulle conseguenze dell’incidente di Chernobyl, parlando di migliaia di casi di morti per cancro e leucemia fra gli abitanti delle zonecircostanti. Questo contrasta in pieno con le affermazioni della WMO e dell’UNSCEAR, che invece dichiarano che non si sono avuti casi statisticamente accertabili, neanche fra gli evacuati di Chernobyl e dintorni e fra i liquidatori (in tutto circa 100000 persone che hanno ricevuto una dose media di circa 0,5 Sievert) e fra i quali si sarebbero dovuti verificare centinaia di casi di leucemia (quasi un raddoppio dell’incidenza naturale) a partire da 2 anni dopo l’incidente, con un picco intorno ai 10 anni ed una coda estesa fino a circa 20 anni dall’incidente (come avvenne fra i sopravvissuti di Hiroscima e Nagasaki, che ricevettero dosi analoghe, ma quasi istantanee, invece che diluite in settimane o mesi). In realtà non si è riscontrato alcun aumento statisticamente significativo delle leucemie fra queste 100000 persone!



    Prof. Marino Mazzini Full Professor of Nuclear Safety Department of Mechanical, Nuclear and Production Engineering University of Pisa Largo Lazzarino, 2 56126 PISA (Italy) Tel.: +39 0502218058; Fax.: +39 0502218065; Cell.: +39 3204355973

    mailto:mazzini@ing.unipi.it

    The YouNuclear Website: http://younuclear.ing.unipi.it
    • Di (---.---.---.121) 10 settembre 2010 01:19

      Cari signori i vostri "NO" a tutto, comunque e sempre ci sono costati 384 MILIARDI DI EURO!:
      http://www.google.it/url?sa=t&source=web&cd=1&ved=0CBUQFjAA&url=http%3A%2F%2Fwww.costidelnonfare.it%2Frassegna_stampa.php&ei=9meJTL2gGI_Iswbz4uzkAQ&usg=AFQjCNFwXZb1FjvLYPNA-_PcUkqukqIZXA&sig2=89o85purVqkCHXerdoJDAw

      Voi siete la "LEUCEMIA" economica con i vostri pannelli fotovoltaici
      Voi siete il "CANCRO" sociale con il vostro eolico!
      Voi siete la "MALFORMAZIONE" intellettuale con le vostre bugie!

      Eccoli qui i grandi ambientalisti di LEGAMBIENTE:
      www.cancelloedarnonenews.com...maionesi-impazzite-e-gli-affari-di-legambiente-ma-ce-anche-chi-non-ci-sta/

      Questo il WWF:
      http://www.inganno-ambientalista.it/content/view/101/2/

      QUESTO GREENPEACE:
      http://www.inganno-ambientalista.it/content/view/112/2/

      QUESTI i veri scopi? :
      http://www.inganno-ambientalista.it/content/view/181/2/

      Una centrale nel giardino, le scorie nel cuscino, ma non un "VERDE" alla porta!

      PIERO IANNELLI

    • Di Paolo Calabrò (---.---.---.242) 10 settembre 2010 11:28
      Paolo Calabrò

      @IANNELLI:
      Provando a riassumere il suo commento, quello che non ho capito è se Lei sostiene che il prof. Miserotti dica cose false, oppure se ritiene che sì, è vero che il nucleare porta tumori e leucemie a pioggia, ma è disposto ad accettarli pur di risparmiare sul costo dell’energia (due posizioni entrambe legittime, pur di motivarle).
      Per parte mia, preferisco la salute al risparmio: sa, di leucemia economica (povertà) si stenta, ma di leucemia fisica si muore.
      Grazie per l’attenzione

    • Di (---.---.---.15) 10 settembre 2010 13:29

      Ribadisco: NOTIZIE “F.A.L.S.E”.
      Una centrale nucleare non comporta alcun apprezzabile “RISCHIO” oncologico, visto che una centrale a carbone per “LEGGE” può essere fonte radioattiva 15 volte superiore!

      Il prof. Miserotti dimentica di specificare che la radioattività “naturale” è ben superiore a quella che una centrale nucleare potrebbe rilasciare in un normale funzionamento.

      Dovremmo eliminare i sanpietrini a Roma contengono Torio, come le spiagge di Guarapari con un fondo medio radioattivo più di 8 volte superiore a quello di Chernobyl e In particolari concentrazioni valori oltre mille volte superiore ai normali valori medi mondiali.

      Il livello delle radiazioni di fondo dell’area più contaminata di Chernobyl, misura 500 mrem/anno.

       La stazione di New York 1000 mrem/anno, P.za San Pietro 700-800 mrem/ anno, le Catacombe di Priscilla 4800 mrem/ anno".

      Il prof. Miserotti dimentica di chiarire che una centrale a carbone, durante il suo ciclo-vita contamina le aree circostanti di elementi radioattivi.

       100-150 microSv/anno, che corrisponde a valori di esposizione fino a 15 volte superiori rispetto ai limiti di legge previsti per gli abitanti intorno ad insediamenti nucleari.

       Iniziate a combattere le centrali a carbone, visto che “LEGAMBIENTE” per ovvi motivi non interviene contro quelle di DE BENEDETTI.

      Leggo un art. della Sig.ra. BRIUGLIA :

      http://www.google.it/url?q=http://w...

      Da cui estraggo:

      —“Così anche Legambiente, mentre a Genova e alla Spezia promuove una battaglia di dismissione perché il carbone "nuoce gravemente alla salute", a Savona, a Vado e in Val Bormida ritiene che il carbone possa essere addirittura ben tollerato!

      “Le EMISSIONI di CO2 sono l’unico inquinante che Legambiente ligure si degna di considerare..

      ..Quando poi apprendiamo che Legambiente è socio azionario di Sorgenia, la finanziaria del gruppo De Benedetti che controlla a sua volta Tirreno Power proprietaria della centrale di Vado, si può comprendere anche il suo ruolo di malcelata sudditanza…”—
      /--------/

      Dunque entro 200Km dai nostri confini ci sono 64 centrali nucleari, 198 in Europa, molte altre in costruzione, la Germania ha appena posticipato la dismissione, perché con i pannelli e  l’eolico ci accendono un led in giardino, sperperando miliardi.

      Basta cercare articoli :

      "IL GRANDE FLOP DEL FOTOVOLTAICO". 
      ” LA NUOVA BOLLA  SPAGNOLA? IL FOTOVOLTAICO”.
       Chi ha investito nel fotovoltaico vede ora tagliati gli INCENTIVI (pari ad 8 volte il valore dell’energia) Come PAGHERA’ i prestiti in banca?.. Signori I’eco-giochino è finito!

      Anche dopo aver ricevuto l’equivalente di 43 miliardi dollari in sussidi, l’energia solare rappresenta ancora meno dell’1 per cento del totale dell’energia elettrica spagnola.

       Il nucleare pertanto, non è una possibile “alternativa”, ma l’unica strada.

      Cordialmente.

      PIERO IANNELLI

      — Segretario XI Municipio. “ La Destra ”—
       —“Resp. Per le aree tutelate e vincolate”—

      — pieroiannelli@gmail.com – N.Cell.: 3398513962

    • Di (---.---.---.15) 10 settembre 2010 13:40

      Ribadisco : NOTIZIE “FALSE”.

      Una centrale nucleare non comporta alcun apprezzabile “RISCHIO” oncologico, visto che una centrale a carbone per “LEGGE” può essere fonte radioattiva 15 volte superiore!

      Il prof. Miserotti dimentica di specificare che la radioattività “naturale” è ben superiore a quella che una centrale nucleare potrebbe rilasciare in un normale funzionamento.

      Dovremmo eliminare i sanpietrini a Roma contengono Torio, come le spiagge di Guarapari con un fondo medio radioattivo più di 8 volte superiore a quello di Chernobyl e In particolari concentrazioni valori oltre mille volte superiore ai normali valori medi mondiali.

      Il livello delle radiazioni di fondo dell’area più contaminata di Chernobyl, misura 500 mrem/anno. La stazione di New York 1000 mrem/anno, P.za San Pietro 700-800 mrem/ anno, le Catacombe di Priscilla 4800 mrem/ anno".

      Il prof. Miserotti dimentica di chiarire che una centrale a carbone, durante il suo ciclo-vita contamina le aree circostanti di elementi radioattivi.

      Ossia 100-150 microSv/anno, che corrisponde a valori di esposizione fino a 15 volte superiori rispetto ai limiti di legge previsti per gli abitanti intorno ad insediamenti nucleari.
       Iniziate a combattere le centrali a carbone, visto che “LEGAMBIENTE” per ovvi motivi non interviene contro quelle di DE BENEDETTI.

      Leggo un art. della Sig.ra. BRIUGLIA :

      http://www.google.it/url?q=http://www.truciolisavonesi.it/articoli/numero189/briuglia.htm&ei=DW10TIm4B8iVswa0m_maBg&sa=X&oi=unauthorizedredirect&ct=targetlink&ust=1282700309123184&usg=AFQjCNFcNc_tbbipZZ9N3DU05dwCcdbnSQ

      Da cui estraggo:
      —“Così anche Legambiente, mentre a Genova e alla Spezia promuove una battaglia di dismissione perché il carbone "nuoce gravemente alla salute", a Savona, a Vado e in Val Bormida ritiene che il carbone possa essere addirittura ben tollerato!
      “Le EMISSIONI di CO2 sono l’unico inquinante che Legambiente ligure si degna di considerare..

      ..Quando poi apprendiamo che Legambiente è socio azionario di Sorgenia, la finanziaria del gruppo De Benedetti che controlla a sua volta Tirreno Power proprietaria della centrale di Vado, si può comprendere anche il suo ruolo di malcelata sudditanza…”—
      /------/

      Dunque entro 200Km dai nostri confini ci sono 64 centrali nucleari, 198 in Europa, molte altre in costruzione, la Germania ha appena posticipato la dismissione, perché con i fotovoltaico e l’eolico ci accendono un led in giardino, sperperando miliardi.
       
      Basta cercare articoli :
      "IL GRANDE FLOP DEL FOTOVOLTAICO". 
      ” LA NUOVA BOLLA SPAGNOLA? IL FOTOVOLTAICO”.
       
      Chi ha investito nel fotovoltaico vede ora tagliati gli INCENTIVI (pari ad 8 volte il valore dell’energia) Come PAGHERA’ i prestiti in banca?.. Signori I’eco-giochino è finito!

      Anche dopo aver ricevuto l’equivalente di 43 miliardi dollari in sussidi, l’energia solare rappresenta ancora meno dell’1 per cento del totale dell’energia elettrica spagnola.
       Il nucleare pertanto, non è una possibile “alternativa”, ma l’unica strada.

      Cordialmente.

      Piero Iannelli 
      —Segretario XI Municipio. “ La Destra ” 
      — “Resp. Per le aree tutelate e vincolate”—
      —Presente su “F.B”— pieroiannelli@gmail.com —
       N.Cell. : 339’8513962

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares