• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Cronaca > Notizie dal Molin: un Attila con la coda di paglia

Notizie dal Molin: un Attila con la coda di paglia

[...] Al commissario è stato recapitato un messaggio chiaro: la dignità di Vicenza non va calpestata, nessun lavoro deve iniziare prima della consultazione popolare [...] Guarda il video

 
Non si è fatto vedere tra le calli di Venezia; non si è fatto trovare a casa e non ha calpestato il tappeto rosso della passerella della Mostra del Cinema. Paolo Costa si è dileguato, rendendosi irreperibile per la consegna del poco ambito Premio Attila d’Oro, istituito dai movimenti che difendono il territorio dalla devastazione della quale il commissario è tra i principali responsabili.

Un vaporetto preso a noleggio e due imbarcazioni minori; con questi mezzi una ciurma variopinta di No Dal Molin e No Mose ha solcato la laguna veneziana. La bandiera dei pirati a sventolare sul battello, la musica a tutto volume dalla cassa montata su uno dei motoscafi. Prima tappa, a sorpresa, l’abitazione di Paolo Costa, nell’isola della Giudecca. Il commissario non c’è, ma il premio – un manifesto con la scritta “Paolo Costa in Attila, flagello di Dio” - viene affisso alla porta d’ingresso; ad accogliere i manifestanti, oltre alle forze dell’ordine, la moglie del commissario alla quale vengono consegnati i 30 denari destinati a Costa: come Giuda, anche lui si è venduto per un pugno di monete, decidendo di star dalla parte di chi vuole calpestare la democrazia. E, del resto, fu proprio lui a proporre al Ministro Parisi di «estirpare alla radice il dissenso locale». Dopo aver depositato delle finte bombe in cartone, No Dal Molin e No Mose sono ripartiti alla volta della Mostra del Cinema.

Un dispiegamento di forze spropositato ha accolto i manifestanti all’approdo; poi, l’insolito sbarramento: davanti alla passerella ci possono arrivare tutti, ma non coloro che vogliono protestare. Carabinieri e Polizia spintonano un po’ i manifestanti, fino a quando, dopo un accordo con gli organizzatori della Mostra, tutti possono entrare e una delegazione sale sulla passerella per spiegare le ragioni dell’azione. I giapponesi scattano foto, le tv di tutto il mondo inquadrano il centinaio tra donne e uomini che sventolano bandiere e issano striscioni. Paolo Costa resta nascosto; un’Attila con la coda di paglia: evidentemente l’arroganza non va in coppia col coraggio.

Al commissario è stato recapitato un messaggio chiaro: la dignità di Vicenza non va calpestata, nessun lavoro deve iniziare prima della consultazione popolare del prossimo cinque ottobre. Per questo, i No Dal Molin hanno chiesto una dichiarazione di rispetto verso la città entro il 13 settembre.

La palla, ora, passa al neo Attila d’Oro; a lui la decisione: rispettare Vicenza, spegnendo le ruspe, o dichiararle guerra facendo aprire i cantieri prima che essa possa esprimersi.

Vedi le foto dell’azione

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares