• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Cultura > Massimo Bordin, ovvero l’arte della rassegna stampa (su Radio (...)

Massimo Bordin, ovvero l’arte della rassegna stampa (su Radio Radicale)

Friedrich Hegel diceva che la preghiera dell’uomo moderno è la lettura del giornale al mattino. Un rituale laico, antico, che oggi è stato rimpiazzato dalla lettura sbrigativa del sito di Repubblica o dal controllo dell’homepage di Twitter.

Quella preghiera - che per Hegel era la cifra della modernità - oggi sopravvive solo in alcuni inguaribili romantici, amanti della carta e dell’approfondimento, o in certi appuntamenti che resistono al fascino della tecnologia e della frenesia digitale.

La forma più compiuta di questo rituale laico, rigorosamente mattutino, è senza dubbio la rassegna stampa mattutina di Radio Radicale condotta da Massimo Bordin, ‘Stampa e Regime’. Romano, romanista, ex trotskista, Radicale sui generis ed ex direttore della radio pannelliana, Bordin incarna l’ideale del cultore della notizia. Un culto che diviene arte quando la lettura dei fatti del giorno non è esposizione meccanica e asettica della notizia ma diventa elaborazione, interpretazione e rappresentazione. La voce roca, l’arguzia dialettica, i colpi di tosse, il dono dell’ironia catturano l’attenzione dell’ascoltatore come in una nenia ritmica dove non s’invoca San Tommaso ma i fatti del giorno. Una pièce teatrale dove il primattore espone i fatti con la sigaretta o il sigaro in mano.

La rassegna stampa di Radio Radicale dura quasi un’ora e mezza, un minutaggio pauroso in un’era in cui gli spazi, grazie al web, sono infiniti ma dove il tempo del lettore o dell'ascoltatore resta limitato e prezioso. In cui il successo dell’informazione consiste nell’abilità di concentrare il maggior numero di notizie nel minor tempo possibile tramite la semplificazione, l’omissione e la velocità. Il notiziario come una lettura televisiva del bugiardino medico.

In questa epoca pazza e frenetica la rassegna stampa di Massimo Bordin resta dunque una piccola Eldorado, dove poter ascoltare le notizie e allo stesso tempo assistere a una rappresentazione scenica. Non è contraria alla tecnologia e alla modernità, anzi: si può riascoltare sul web e vedere in streaming, il suo conduttore è piuttosto attivo sia su Facebook che su Twitter. E forse un giorno anche su Instagram. 

Commenti all'articolo

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità