• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tribuna Libera > La voce del padrone

La voce del padrone

Suoni dall’alto dei cieli

Avete notato che da un po' di tempo a questa parte Silvio Berlusconi non appare più fisicamente alle convention del Popolo delle Libertà, dei paladini di Vittoria Brambilla ecc.. ?

Se no, fateci caso. Attenzione non sto dicendo che il nostro campione della comunicazione sia scomparso totalmente dalle apparizioni in video, tutt'altro, però sta avvenendo una trasformazione nella sua arte comunicativa, una metamorfosi mediatica che potrebbe innalzarlo al livello trascendentale a cui, probabilmente, egli ha sempre ambito.

Alcuni giorni fa si è svolta una convention del popolo azzurro organizzata e diretta dai soliti fedelissimi, onorevole Giorgia Meloni in primis, la donna che detiene il primato mondiale della carriera politica più fulminea. E' un momento difficile per l'esercito del bene e dell'amore che combatte contro l'odio ed il male, perché il loro leader carismatico Silvio Berlusconi è sotto schiaffo di ex alleati (traditori) e degli oppositori di sempre (comunisti). Ad aggravare la situazione ci si è messo anche il sito pirata (?) Wikileaks di Julian Assange, appena arrestato, che ha confermato quello che già si sopettava sui viaggi di Silvio in Russia e Libia, contornandolo però dei giudizi non proprio lusinghieri che la diplomazia americana ha rifilato al nostro premier. C'è inoltre la prospettiva concreta che il prossimo 14 Dicembre si riveli come la Waterloo di Silvio sia in termini strettamente personali, legati alle sue vicende processuali, sia in termini politi per la tenuta della sua maggioranza.

Insomma il momento è difficile, il più difficile nella storia di sempre di quest'uomo che ha monopolizzato la scena nazionale per oltre un ventennio, che ha modificato la struttura morale, peraltro già deficitaria, di questo paese ed ha spaccato, come mai era avvenuto prima, il popolo in due fazioni l'un contro l'altra armate, ossia Guelfi e Ghibellini. Oggi è impensabile avere opinioni politiche diverse, sfumature o passioni ideologiche diverse, oggi o si è con Silvio o si è contro Silvio. Non sono ammesse posizioni intermedie, distinguo o sottigliezze intellettuali di sorta, la scelta è e deve essere netta, inderogabile.

Ma torniamo al palco del popolo dell'amore, aula gremita, solite coreografie con i simboli sociali bene in vista, luci splendenti in ogni angolo, parterre degli invitati eccellenti, allegro frastuono di gente che si sente parte di un'insieme omogeneo, una grande famiglia allargata, uniti nel nome di un'uomo che ha fatto le loro fortune personali e famigliari e a cui, quindi, dedicano tutta la loro devozione, l'ammirazione e la loro eterna gratitudine. 

L'allegro frastuono improvvisamente si cheta, quando la Meloni, come fulminata, alza la mano e grida nel microfono: "è in collegamento telefonico il nostro presidente". Probabilmente era già previsto, ma l'effetto è stato come un colpo di cannone.

Improvvisamente cala il silenzio nella grande aula gremita, prima un brusio, poi più nulla. La Meloni ed i presenti sul palco sono irrigiditi, il sorriso c'è ancora ma è diverso, più etereo, quasi una smorfia. Dall'alto cala la voce maestosa di Lui, il presidente Silvio Berlusconi. E' una scena surreale ma nel contempo ha qualcosa di affascinante, acchiappa anche la mia attenzione come un magnete cattura la limatura di ferro. Non ricordo una parola di quello che ha detto, d'altra parte sarebbe anche inutile, ma mi è rimasta scolpita nell'animo una sensazione trascendentale, di divina rivelazione. In quel preciso istante non ho potuto fare a meno di ricordare un'altra situazione biblicamente simile: Mosè sul monte Sinai che raccoglie il verbo di Dio. Non credo che Mosè potesse disporre di tecnologie audio così evolute, ma probabilmente Dio può alzare il volume a suo piacimento, per Silvio, che ancora non è a questi livelli, si è magari ricorso ad un potente impianto della Bose. L'effetto comunque è stato assicurato in pieno. Ora la vicenda di Mosè potrà anche anche essere pura teofania e può pure darsi che l'incontro con Dio sia stato diverso da quello descritto, ma, l'incontro con Silvio dei suoi appasionati sostenitori, giuro sui miei gioielli, è avvenuto nelle modalità che ho illustrato.

A questi punti, facendo il paio con i frequenti interventi in diretta telefonica nelle trasmissioni tv, tipo Ballarò, ho l'impressione che Silvio stia metamorfizzando la sua struttura fisica tridimensionale in una entità trascendentale, in pura onda elettromagnetica nello spettro delle frequenze audio, con la quale comunica le sue volontà, il suo verbo alle folle dei suoi seguaci.

Un'altra ipotesi, però un po' più maligna, è che, a causa della sua vita dissoluta, dell'età non proprio verde e di tutti gli interventi di ristrutturazione che ha subito, stia avvenendo un distacco dei riporti, una necrosi delle parti del suo corpo modificate chirurgicamente e che quindi, Silvio sempre molto attento al suo look di "tombeur de femme", preferisca non mostrare più lo sfacelo delle sue carni.

Prevedo che entro non molto tempo Silvio sparirà da ogni video e di lui verranno trasmessi soltanto messaggi audio. Sarebbe già un buon passo in avanti verso la sua scomparsa definitiva.

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares