• sabato 19 aprile 2014
  • Agoravox France Agoravox Italia Agoravox TV Naturavox
  • Fai di AgoraVox la tua homepage
  • Contatti
AgoraVox Italia
  Home page > Attualità > Cultura > La proteiforme vitalità del Mito. Su "La forma fluida del mondo" di Sergio (...)
di Adolfo Fattori (sito) lunedì 21 marzo 2011 - 0 commento oknotizie
0%
Articolo interessante?
 
100%
(5 Voti) Votate quest'articolo
  • Fare una donazione
  • Stampa
  • Lasciare un commento
  • Marquer et partager

La proteiforme vitalità del Mito. Su "La forma fluida del mondo" di Sergio Brancato

Enrica Amaturo, Gino Frezza, Gianfranco Pecchinenda, Francesco Pinto presentano il volume - edito da Ipermedium, Napoli, 2011, pagine 200, € 14,50) - martedì 22 marzo 2011 alle 18.00 presso la LibrerialaFeltrinelli, Via S. Tommaso d’Aquino 70, Napoli. Modera Luciano Scateni. Sarà presente l’autore.

Circola una vecchia storiella il cui protagonista è un uomo che non ha mai visto il mare e che si trova per la prima volta in vita sua a passeggiare lungo una spiaggia affascinato da ciò che vede: da un lato le onde che si infrangono sulla spiaggia provenendo dal lontano orizzonte, dall’altro una fila di dolci colline su una delle quali è adagiato al sole un grazioso villaggio. Ad un certo punto l’uomo si accorge che il livello del mare sta alzandosi progressivamente. Non sapendo nulla di maree, di fronte a quel fenomeno nuovo per lui, come è nuova la vista del mare, si preoccupa: pensa che il mare continuerà a crescere, fino a raggiungere il paesino. E allora comincia ad arrampicarsi correndo su per la collina, per dare l’allarme agli abitanti del villaggio…

La storia non dice se una volta arrivato lì, verrà compatito, sbeffeggiato, o ricoverato in manicomio, ma è una parabola utile ad illustrare magnificamente l’atteggiamento di chi “apocalittico” o “integrato” che sia, di fronte ai nuovi fenomeni sociali, culturali, estetici, ne trae conseguente definitive e catastrofiche. Come per la “morte dell’arte” che, da quando fu decretata per la prima volta da Georg Wilhelm Friedrich Hegel torna periodicamente a colpire i canali, le forme, i discorsi implicati con la produzione estetica delle varie epoche.
 
In genere vale in particolare per i media: questi vengono al loro emergere disprezzati, poi santificati – poi sacrificati sull’altare della critica accademica e/o di tendenza.
 
Così è stato per il cinema e per il fumetto di fronte all’affermarsi della Tv, poi per quest’ultima nei confronti dei media digitali e della loro vocazione a colonizzare e trasformare l’universo della produzione e della fruizione estetica. Senza riflettere sulla tendenza alla rimediazione, all’ibridazione, alla contaminazione che tutti i mezzi di comunicazione – anche il libro, certo – hanno, e quindi alla loro capacità di trasformarsi ed adeguarsi al mutamento incorporando classicità e innovazioni.
 
Questo atteggiamento di fondo – l’attenzione a guardare oltre l’esistente e il già detto e a lavorare su tutti i materiali, più o meno triviali, più o meno “auratici” – è lo sfondo su cui si sviluppa l’analisi del sociologo napoletano Sergio Brancato, riepilogando alcune considerazioni sul cinema e attualizzandone poi conseguenze e implicazioni al nostro presente e al panorama che oggi ci mostra l’universo dei media.
 
“Il cinema è il luogo dove la modernità si rappresenta”, scrive Brancato nel suo La forma fluida del mondo (p. 123), e il Mito è la dimensione che attraverso il cinema stesso e successivamente i media audiovisivi che lo hanno seguito rimane viva e viene continuamente attualizzata, come è nella sua natura di discorso che dà senso al mondo e alla condizione umana, che tiene viva la memoria collettiva, che prova a neutralizzare la vertigine della morte.

pagina successiva >>



di Adolfo Fattori (sito) lunedì 21 marzo 2011 - 0 commento oknotizie
0%
Articolo interessante?
 
100%
(5 Voti) Votate quest'articolo
  • Fare una donazione
  • Stampa
  • Lasciare un commento
  • Marquer et partager

Lasciare un commento


(Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

Attenzione : questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell’articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista… Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l’articolo nello spazio I commenti migliori

Un codice colorato permette di riconoscere :

  • I nuovi iscritti
  • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
  • L’autore dell’aritcolo

Se notate un bug non esitate a contattarci.

Pubblicità

Pubblicità

Sondaggio

Dal palco del V-Day Beppe Grillo ha proposto di indire un referendum per uscire dall’Euro. Secondo voi


Vota

Palmares

Pubblicità


  • Groupe Agoravox sur Facebook
  • Agoravox sur Twitter
  • Agoravox sur Twitter
  • Agoravox Mobile

AgoraVox utilizza software libero: SPIP, Apache, Debian, PHP, Mysql, FckEditor.


Sito ottimizzato per Firefox.


Avvertenza Legale Carte di moderazione