• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Istruzione > La piacevolezza di essere stato bambino per un giorno, partendo dalla (...)

La piacevolezza di essere stato bambino per un giorno, partendo dalla regola delle 5 W

Gli alunni hanno mostrato la propria voglia di sapere, capire cosa accade nel mondo dell’informazione e in particolare della carta stampata; pur avendo iniziato a tale età a padroneggiare il web, ma senza risparmiarsi ognuno la curiosità di come si scrive un articolo, partendo dalla regola delle 5 W.

Non esiste cosa più bella che colloquiare con i bambini, specialmente se questi ti coinvolgono ad argomentare spontaneamente temi che ti toccano l’animo e la passione. L’altro giorno mi è capitato di essere ospite in una scuola elementare di Sulmona, in provincia de l’Aquila, l’Istituto Comprensivo "Giuseppe Lombardo Radice - Ovidio", la cui dirigente scolastica è Angela Caputo. Qui, ho socializzato con gli scolaretti di terza elementare della sezione “B”, avendo donato loro un aquilone che avevo comprato qualche giorno fa dal mio giocattolaio di fiducia.

E non è neppure mancata l’occasione di scendere giù, in mezzo ad un fazzoletto di verde, retrostante al plesso scolastico, per far svolazzare il “rombo” colorato fra le nuvole bianche spiccanti nel cielo sereno. Momenti d’intensa aggregazione e spensieratezza fra me e quei bellissimi bambini sotto gli occhi vigili della maestra Luciana Fusco.

Poi, fra una merendina e l’altra, il momento clou in classe con la lezione di giornalismo: "Che cosa è la notizia?", "Dove nasce e come si classifica per renderla sensazionale?", "Qual è il criterio con cui si redige un articolo?", domande susseguite velocemente, tra una risata e l’altra, cariche di entusiasmo e voglia di sapere.

La maestra Luciana, in modo misurato e senza eccesso, moderava gli interventi mantenendo la relazione costante fra me i pargoli come se fossi stato uno di loro, incitandomi ad usare un linguaggio appropriato. Ma io ero già uno di loro, senza che la maestra se ne accorgesse di quanto fossi contento.

Un fastidio enorme la cravatta, la giacca grigia, per nulla intonate all’ambiente incantevole in cui i bambini sviluppano la propria crescita scolastica quotidianamente. Insomma, sono stato veramente bene, fuori dagli schemi organizzativi della mia vita di tutti giorni. In verità mi sono sentito come un leone senza il titolo di re della foresta. Non sono stato nella giungla di agglomerati urbani, ma in un angolo di paradiso vigilato da tantissimi angeli desiderosi di esplorare il mondo dell’informazione e della comunicazione.

Questa, per me, l’unica attenuante come nel sentirmi oggetto e soggetto di un epilogo, forse irripetibile, ma sicuramente di grande valore che mi ha dato la possibilità di degustare il sapore della piacevolezza di essere infante gioioso, per aver consumato, in un giorno d’inizio di primavera, momenti colorati. Sotto gli occhi dei stessi alunni, puntati su di me come riflettori del faro in mezzo al mare e le orecchie facenti da antenne per recepire il messaggio della comunicazione e dell’informazione, delle metodologie giornalistiche attraverso illustrazioni salienti del cronista che lavora, con l’intento d'informare stimolando la curiosità e l’interesse costante del lettore verso l’organo d’informazione più antico del mondo, il cosiddetto, qui in Italia, “foglio”, ovvero il primo quotidiano della storia stampato in Inghilterra nel 1702, quando il giornale non aveva la stessa funzione che hanno i quotidiani di oggi.

Per tutto il Settecento e per una buona parte dell’Ottocento, il giornale fu una pubblicazione di carattere quasi specialistico, per non dire di élite. Si occupava quasi esclusivamente di politica, di letteratura e di scienza. Nel 1855 nasce cosi, il Daily Telegraph aprendo i battenti all’informazione di “massa”, al costo di un solo penny.

Numerose le domande degli alunni, dicevo, che hanno mostrato ognuno la propria voglia di sapere, capire cosa accade nel mondo dell’informazione e in particolare della carta stampata, pur avendo iniziato a tale età a padroneggiare il web. Insomma, per questi scolari, tenersi informati sì, ma senza risparmiare l’emozione di sfogliare le pagine con la piacevolezza di voler capire, contestualmente, come si scrive un articolo, partendo dalla regola delle 5 W (cosa, chi, quando, dove, perché) che devono essere presenti in ogni articolo in stile anglosassone.

Ma la batosta me la son presa quando, parlando di cronaca, Francesco, un vispo pargoletto, mi ha interrotto menzionandomi Chronos, il dio del tempo nato come mito per spiegare i cicli dell'anno agricolo e gli aspetti connessi alla fecondità e successione del regno; finirà poi per assumere un nuovo significato: il tempo che divora tutte le cose che egli stesso ha creato.

Ma io per un giorno, in quella scuola, sono stato bambino felice. E il ricordo non finirà mai divorato dal tempo… Alla faccia di Chronos. Marameo!

 

 

Foto: Wikimedia

 

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità