• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tribuna Libera > L’italiano mai nato

L’italiano mai nato

Le ultime elezioni politiche del 24 e 25 febbraio hanno dato un risultato sorprendente per la manifestazione della voglia di cambiamento esplosa in gran parte degli italiani, stanchi del malgoverno, del malcostume, della mancanza di prospettive future.

Le trattative successive per la formazione del nuovo governo, hanno confermato gli egoismi, l’opportunismo, la mancanza di senso della Patria e di senso civico che caratterizzano l’identikit dell’italiano mai nato. I nuovi eletti del Movimento 5 Stelle hanno avuto l’opportunità di contribuire a imprimere una svolta moralizzatrice alla politica incancrenita, ma sempre granitica, condotta da individui che fanno del loro impegno in Parlamento esclusivamente un obbiettivo di gratificazione personale. Con l’atteggiamento arrogante e persino infantile dei rappresentanti del nuovo, si è confermata la regola che il senso dello Stato negli italiani è raro , ai più, sconosciuto.

La consapevolezza dell’agire per il bene comune viene sempre dopo il quesito circa il guadagno personale. In realtà, gli italiani, anche se non votano espressamente per lui, sono fondamentalmente berlusconiani, o almeno quello che il signore di Arcore e il suo credo rappresentano. L’uomo statista contro la magistratura, contro le tasse, contro la legge, fa comodo a molti. Intere aree dello stivale italico, sono cresciute, in decenni, nell’assoluta indisciplina nei confronti dell’apparato statale e delle sue norme, costruendo abusivamente, inventandosi handicap e vitalizi, considerando lo Stato una mucca da mungere. Berlusconi ha capito e cavalcato le aspettative di costoro e avuto buon gioco per imporre il suo stile di vita. Se il meridione, con la sola eccezione della piccola Basilicata, lo ha votato in massa, una ragione c’è. Le consultazioni politiche ci hanno dato la possibilità, anche se difficoltosa, di intervenire finalmente sulla legge elettorale, conflitto di interessi, ineleggibilità dei condannati etc. ma non abbiamo voluto approfittarne.

Ora ci affidiamo al buon senso di Napolitano, ma solo per ritornare a vivacchiare alla nostra maniera e con i soliti signori della politica del tornaconto, nella continua carenza di senso civico e di appartenenza a una comunità di eguali, privilegiando profitti personali e malgoverno.

 

Commenti all'articolo

  • Di (---.---.---.113) 3 aprile 2013 10:24

    Si sono appena insediati i due comitati istituiti dal Presidente Napolitano ed immediatamente le parti politiche che dividono il Parlamento, ognuna con ragioni legate al proprio tornaconto, hanno assunto posizioni critiche e di diffidenza circa la possibilità di sbrogliare la complicata situazione di stallo che si è determinata. 

    Eppure il tentativo delle commissioni, certamente di immane difficoltà, potrebbe avere una qualche possibilità di contribuire a risolvere la situazione se solo vedesse i partiti disposti a collaborare.
    Ma così non è. Il rischio è che si vada a nuove elezioni facendo precipitare il Paese nella condizione di ulteriore drammaticità e disperazione per famiglie ed imprese. 
    Sono dell’opinione che il Movimento 5 Stelle, nato sull’onda del malcontento e spinto da motivazioni di rinnovamento politico e sociale, abbia proprio per questo una grande responsabilità.
    Ritengo debba farsi carico, per dovere verso gli elettori, di partecipare all’azione di governo con quella parte politica che ha dimostrato l’intenzione di modificare leggi contrarie ai principi di democrazia a favore di provvedimenti che vadano in funzione di un regolare svolgimento della azione parlamentare e della vita legislativa, condizioni importanti per potersi occupare del futuro e sviluppo del Paese.

    Lorenzo

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares