• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Società > L’infiorata di Torricella Sicura (Teramo)

L’infiorata di Torricella Sicura (Teramo)

È in questa cittadina che per il quinto anno si è svolta, nella domenica del Corpus Domini, l’Infiorata, vanto e orgoglio degli artisti di Torricella Sicura che, per la realizzazione di essa, si valgono dei trucioli di abete bianco. La magia di trasformare in una notte la strada principale del piccolo borgo in un lungo tappeto colorato e abbellito da quadri a soggetto sacro e che quest’anno ha avuto come tematica affrontata l’Anno Sacerdotale, indetto da Papa Benedetto XVI.
 
L’Infiorata è una collana che degnamente corona la bella cittadina Abruzzese che, con generosa e allietante ospitalità, invita a godere le ricchezze della sua terra, particolarmente rinomata per la cucina eccellente e l’incanto dei suoi dintorni vari e pittoreschi. L’Infiorata, nata come sentimento di fede è diventata la manifestazione d’arte più suggestiva, nota in tutta la Regione. Lo spettacolo dei colori, dei trucioli che sotto le mani degli infioratori si trasformano in quadri d’arte sacra affascinano e coinvolgono emotivamente lo sguardo dello spettatore.

 
Storia dell’infiorata come evento religioso e artistico unico nel suo genere e che affonda le sue radici in epoche molto antiche. Si perde nella memoria l’avvio di questa tradizionale e artistica iniziativa che fu poi trasformata, alcuni secoli fa, in omaggio al Corpus Domini. Da lunghissimo tempo infatti si usa addobbare con fiori il tracciato stradale percorso dalla Processione religiosa. Dapprima i fiori venivano distribuiti alla rinfusa sui selciati e sulle strade, col tempo si passò a realizzare con gli stessi tappeti di ricercata fattura fino alla riproduzione di scene del Vecchio e Nuovo Testamento. Ed ecco che il petalo diventa pennellata per conferire sfumature al volto del Cristo dai tratti giotteschi o caravaggeschi...
 
Seguendo questa antica tradizione alcune delle più antiche infiorate italiane sono divenute le più celebri e famose, ne cito alcune fra le più rappresentative: Bolsena, Genzano di Roma, Spello, Fucecchio e Noto.
 
E’ a queste tradizionali infiorate che i cittadini di Torricella Sicura si sono ispirati, ma raccogliendo l’esempio di un’altra Infiorata abruzzese, quella di Magliano dei Marsi, ne hanno creato una dai connotati alternativi, che tuttavia non ne altera il sorprendente valore artistico: un’infiorata che non usa fiori, ma un altro materiale sempre di origine vegetale, i trucioli di legno.

 
Le motivazioni di questa scelta sono molteplici, l’elevato dispendio economico per l’acquisto dei fiori, la mancanza di una tradizione legata alla raccolta dei fiori stessi e, non ultima, l’appartenenza alla zona protetta del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, che li vuole attenti al rispetto della flora, impedendogli la raccolta di qualsiasi specie di fiore o vegetale, al fine di proteggere e rispettare l’habitat protetto al quale hanno la fortuna di appartenere.
 
Lunga è la preparazione di questa manifestazione, che vede all’origine la scelta del tema seguita da una catechesi. In seguito avviene la ricerca grafica e la scelta e la produzione dei bozzetti che verranno poi realizzati dalle squadre di infioratori, per continuare poi con la raccolta ed il reperimento del materiale (trucioli di abete bianco) e successivamente con la colorazione degli stessi, immersi in bagni di colore, che prosegue all’incirca per la durata di un mese. Infine si arriva alla vigilia della manifestazione in cui avviene tutta la preparazione della strada, che sarà allestita a tappeto, con l’operazione di segnatura e squadratura del percorso che anticiperà poi la realizzazione e la posa in opera dei quadri.
 
Ma quello che si intende sottolineare maggiormente, senza tralasciare l’importanza del pregevole valore artistico delle opere che si sono viste materializzare sotto le abili mani degli infioratori, è il grande valore religioso legato alla vera messa in pratica del significato del Corpus Domini (Eucarestia), e cioè, assistere per una notte, oseremmo definire unica nel suo genere, ad un momento di comunione, preghiera, solidarietà, festa, amicizia e sorrisi che vede coinvolti gruppi di varie appartenenze, una ricchezza di risorse umane e sociali, dispiegate in mesi di lavoro organizzativo, che animeranno questa notte magica la quale assiste ad una armonica e entusiastica partecipazione dell’intera collettività del paese e delle località limitrofe e della Provincia.
 
Un altro aspetto dell’Infiorata, che si pregiano di mettere in evidenza, è quello dell’accoglienza: i gruppi di infioratori che partecipano alla realizzazione dei quadri comprendono varie realtà legate alla Parrocchia, rioni del paese e frazioni limitrofe, gruppi di giovani e Associazioni Culturali, Pro Loco e Volontari della Protezione Civile di Torricella Sicura e finanche realtà cittadine e gruppi studenteschi appartenenti all’Università di Teramo, L’Aquila e Chieti e una rappresentanza dell’Istituto Tecnico Commerciale B. Pascal di Teramo.
 
E’ questo il vero spirito che vive e che troviamo nell’Infiorata del Corpus Domini: una notte con Gesù e per Gesù, una intera comunità solidale e festosa, unita nel lavoro, nella preghiera, nel sorriso e nella accoglienza.
 

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares