• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Cronaca > L’Italia sta crollando. Siamo un Paese fondato sull’abusivismo. (...)

L’Italia sta crollando. Siamo un Paese fondato sull’abusivismo. Edilizio

L’Italia sta cedendo. Non politicamente in questo caso. No. Sta letteralmente cedendo, strutturalmente. Colpevole solo la natura? Non solo. La natura sta dando “una mano” a scoperchiare una edilizia abusiva che è la realtà del nostro Paese da oltre trent’anni.
 
Siamo un Paese fondato sull’abusivismo edilizio. Eppure, abbiamo una legislazione in materia che fa venire i brividi a qualsiasi altra nazione europea. Gli iter amministrativi legali, se conosciuti, farebbero togliere qualsiasi voglia di edificazione a qualsiasi cittadino ed impresa edile.
 
Soffochiamo di burocrazia. Sarà questo il motivo per cui poi, realisticamente. Si trova la “soluzione” a tutto, quella che accontenta chi costruisce, chi compra chi firma le approvazioni sulle edificazioni?
 
In realtà, la nostra legislazione in materia di edilizia è così articolata e complessa che spesso appunto, non viene minimamente presa in considerazione.
 
Così spesso, sempre più spesso si “chiude un occhio”. Meglio: tutti e due.
 
Accade nell’edilizia privata dove malgrado “Tangentopoli” le mazzette a chi di dovere sono all’ordine del giorno. Ma succede – fatto allarmante – sempre e comunque quando si tratta di edilizia pubblica.
 
Siamo vittime del nostro stesso Sistema. Un Sistema così complesso da lasciare spazio ad ogni argomentazione e sviluppo di illegalità. Se in effetti gli iter burocratici in materia di edilizia fossero snelliti, e se le verifiche fossero effettuate realisticamente, potremmo contare su un Sistema dinamico, sicuro e a garanzia di un reale sviluppo infrastrutturale del nostro Paese.
 
Invece no. Ove le azioni vengono seriamente compromesse da un sistema legislativo e burocratico aberrante, si trovano molti éscamotàges per farla franca. In qualche modo, nel caos si sa albergano tutte le possibilità. In primis, quelle della speculazione.
 
Una nazione intera, edificata su aree non edificabili. Costruita con materiali di terz’ordine. Spesso senza alcun piano regolatore. Tanto poi arriva una sanatoria, e tutto viene rimesso in ordine.

Situazioni insospettabili eppure reali: interi edifici pubblici – ospedali in testa – sono edificati senza alcun criterio legislativo, senza – addirittura – accatastamento. Un caso per tutti: l’Ospedale S. Salvatore dell’Aquila. Trent’anni di lavori, al solo scopo di generare finanziamenti su finanziamenti. Un’inaugurazione pubblica all’inizio del 2000 senza alcuna documentazione reale: bastò l’ok di un Manager della ASL locale e nessuno che chiedesse altro.
 
L’Impresa costruttrice, la solita imperterrita Impregilo s.p.a. che scansa le inchieste come il migliore dribblatore di una partita di calcio nazionale.
 
Ma ora, dopo trent’anni di edilizia selvaggia, compromessa, folle, impossibile, scadente...ecco che ci pensa la natura a presentare il conto.
 
Un terremoto, un’alluvione... ed ecco che un pezzo alla volta, l’Italia scompare, portandosi nella tomba Storia, Geografia, umanità, razionalità.
 
Siamo un Paese compromesso dalle fondamenta. Siamo alla resa dei conti: pensare che il prossimo può essere chiunque di noi, è terrificante ma reale.
 
Mezzi a disposizione per intervenire sulle infrastrutture? Non ci saranno mai.
 
Servirebbe un piano nazionale, servirebbe la volontà di tutti di metter le mani laddove la parola “scandalo” urla vendetta e parla di morti, sangue, miseria e disperazione.
 
A nessuno interessa il passato. Bisogna andare avanti. Verso lo sviluppo, verso il futuro. Verso un’Italia che sta cambiando faccia, forma e che porge la guancia agli schiaffoni di un Potere che basa tutta la sua operosità al massimo guadagno. Meglio se personale.
 
Un giorno sarà necessario rimetter mano alle piantine toponomastiche. Da Nord a Sud città e paesi sono stati toccati da un qualche terribile evento catastrofico. E le ricostruzioni “provvisorie” sono divenute il futuro di figli di una generazione compromessa da uno stato mentale aberrato da un Potere che non merita più di esser nominato tale.
 
L’attesa del peggio è ciò che ci rimane. Meglio aprire gli occhi e rendersene conto. Una volta per tutte.

Commenti all'articolo

  • Di Marco (---.---.---.76) 12 ottobre 2009 11:33

    L’isola d’Ischia è la regina dell’abusivismo edilizio. Guardate cosa ha mostrato Exit (La7) qualche giorno fa: http://www.youtube.com/watch?v=9zvIpmdnMek

  • Di pv21 (---.---.---.113) 12 ottobre 2009 12:01

    L’antico adagio "fatta la legge trovato l’inganno" è da sempre l’alibi della nostra burocrazia. Si passano decenni (non mesi) a redigere fantasmagoriche mappature di rischi sismici, idro-geologici, ecologici ecc. Si aspettano per decenni (no mesi) i risultati del lavoro di tanti "luminari". Nessuno si sogna di procedere per piani modulari da incrementare e completare per tappe successive. Nessuno si sogna di spendere 1 euro prima che sia pubblicata la mappa nazionale. Poi ... Per fare occorre trovare i soldi per un piano di recupero nazionale e si vara un piano di intervento decennale. Intanto crollano gli Ospedali e le case degli studenti, intanto il fango ricopre l’est Messina, intanto ... Questa è La penisola del tesoro su cui ci va bene vivere e cementificare fino a ... (c’è di più => http://forum.wineuropa.it 

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares