• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Scienza e Tecnologia > Informazione scientifica: Wikipedia è affidabile?

Informazione scientifica: Wikipedia è affidabile?

Dal suo lancio, nel 2001, a oggi, Wikipedia è divenuto il sito più consultato per cercare informazioni mediche (nonché il sesto sito più cliccato in generale). Uno studio americano, pubblicato sul Journal of the American Osteopathic Assiociation, si è fatto carico di verificarne l'affidabilità. Il risultato?

Wikipedia sbaglia in 9 casi su 10.

Con più di 31 milioni di articoli in 285 lingue, Wikipedia è un'importante fonte di informazione non solo per i comuni cittadini ma anche per fisici (47% degli intervistati dallo studio) e studenti di medicina (70%). La notizia dell'inaffidabilità dell'encicolpedia online ha fatto il giro del mondo, rilanciata da tutte le grandi testate d'informazione.

Ma forse le cose non sono davvero così semplici. Uno sguardo approfondito allo studio, infatti, ne rivela i limiti.

I ricercatori hanno sottoposto dieci articoli di Wikipedia (su tematiche mediche generali come: commozione cerebrale, diabete, depressione) ad un comitato di valutazione composto da dieci studenti di medicina con una ristretta esperienza in fatto di valutazione scientifica di articoli universitari, invitandoli a identificare gli errori delle pagine di Wikipedia attraverso una ricerca incrociata su siti di articoli peer-reviewed. Ciò che emerge è un'alta percentuale di errori (25-26% di asserzioni errate per ogni articolo di Wikipedia), per un totale di nove pagine su dieci "sbagliate".

Allo studio è stata contestata non solo la scelta troppo aleatoria degli articoli e dei motori di ricerca per la verifica, ma anche e soprattutto la logica binaria vero/falso. Le informazioni riportate sull'enciclopedia online sarebbero infatti “false” per rapporto alla verità degli articoli scientifici. Alcuni contributori del portale medico di Wikipedia si stupiscono della semplicità dell'obiezione mossa dallo studio:

“La letteratura medica comprende numerosi fatti contraddittori. La ponderazione e l'interpretazione di questi dati è una sfida anche per dei medici che hanno maturato anni d'esperienza in materia, leggendo articoli scientifici ogni giorno – e non è certo il caso degli studenti di medicina”

La trasformazione del tasso di discordanza tra Wikipedia e le riviste peer-reviewed in tasso di errore falsa i risultati dello studio; la quantità di sfumature, aggiornamenti e differenze ermeneutiche nelle asserzioni di un articolo non permettono di accettare la semplice sperequazione vero/falso. In più, altri studi parlano a favore dell'affidabilità di Wikipedia: un articolo comparso su Nature nel 2005 afferma la pari dignità dell'enciclopedia online e dell'Enciclopedia Britannica su 43 diversi soggetti.

La verità, anche stavolta, parrebbe stare nel mezzo. Wikipedia sì, ma nel modo giusto: non si tratta di un mezzo idoneo a diagnosticare alcunché, ma per un approccio profano alla scienza medica resta un punto di vista sufficientemente autorevole.

 

Foto: Flickr

Commenti all'articolo

  • Di (---.---.---.186) 8 giugno 2014 17:44

    Per quanto riguarda gli argomenti di mio interesse specifico,la storia sia politica che militare e la storia e la tecnica degli armamenti, a Wikipedia assegno:
    un 4 x il primo argomento,storia politica sopratutto,ma anche a quella militare,questo perché a mio avviso sulle pagine di Wikipedia ci mettono le mani in troppi,molti dei quali sono purtroppo personaggi o incompetenti nel settore oppure troppo faziosi e/o fanatici di una ideologia quella capitalistica/imperialista occidentale attualmente dominante.
    Mentre x il secondo,storia e tecnica degli armamenti,gli dò un 6 meno x la storia ma x la tecnica a causa di necessità contingenti in quanto molti dati tecnici degli attuali armamenti sono x così dire riservati,sono costretto ad assegnargli un 5 meno(che é già molto vista la segretezza dell’argomento in sé)
    X tutto quello che riguarda gli altri argomenti dei quali non mi sento competente,non mi pronuncio,ma,cerco sempre di informarmi,oltre a Wikipedia anche con altri siti specialistici o leggendo libri e riviste del settore che voglio approfondire.
    un saluto
    alexfaro

  • Di (---.---.---.223) 26 luglio 2014 20:37

    Lo "studio" in questione non può essere definito uno studio serio per una molteplicità di ragioni. Comunque è vero che Wikipedia, per la sua natura di enciclopedia "libera" e quindi modificabile da chiunque, non è una fonte "attendibile". Gli stessi autori di Wikipedia dicono ciò e per tale motivo Wikipedia utilizza fonti esterne a Wikipedia stessa. Il problema sussiste in tutti i casi in cui le frasi sono senza fonte o usano fonti che non sono autorevoli, dunque è verosimile che con il passare del tempo l’aggiunta di più fonti aumenti l’attendibilità di Wikipedia, ma stiamo parlando di decine di anni o forse di più prima di potere dire che Wikipedia sia affidabile al 99%.
    Non penso comunque che ciò sia un problema per la maggior parte dei lettori: infatti fiché sono consapevoli di ciò, possono utilizzare Wikipedia come "punto di partenza" per le loro ricerche, non come punto di arrivo.

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità