• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Salute > Influenza: verso un vaccino universale

Influenza: verso un vaccino universale

Nuove prospettive dallo studio delle proteine M2, che a differenza di altre, non mutano nel virus.

Il problema della vaccinazione per influenza è legata alla continua variabilità del virus: di anno in anno i ceppi possono modificarsi, e quindi la corrispondenza tra il virus presente in una stagione e il vaccino messo in commercio per la stagione precedente risulta sempre scarsa. Per questa ragione ogni anno è necessario sottoporsi a nuova vaccinazioneanti-influenzale per essere certi di essere coperti.

Da anni però gli scienziati stanno cercando nuove strade per mettere a punto un vaccino che riesca finalmente a rivelarsi adatto a tutti i ceppiinfluenzali, nella prospettiva di eliminare la necessità di sottoporsi annualmente a un nuovo vaccino. La prospettiva di questo genere di ricerche è quella di fare in modo che le persone siano il più protette possibile, per più tempo possibile, con meno somministrazioni vaccinali possibile.

Un gruppo di ricercatori della Cornell University è riuscito a ottenere buoni risultati in questa direzione lavorando sulla proteina Matrix-2 (M2). Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Vaccine.

Il vaccino per agire si dirige verso alcune proteine che si trovano sulla superficie del virus. Il problema è che nel caso del virus dell’influenza queste proteine mutano stagione dopo stagione. “Da tempo diversi gruppi di ricerca nel mondo hanno iniziato a studiare queste proteine M2, che a differenza di altre, non mutano nel virus, e oggi finalmente siamo riusciti a ottenere i primi importanti risultati” spiega a OggiScienza Pierluigi Lopalco, del Dipartimento di Ricerca Traslazione e Nuove Tecnologie in Medicina e Chirurgia dell’Università di Pisa.

La strategia utilizzata dai ricercatori americani si è basata sul confezionare la proteina Matrix-2 (M2) all’interno di una “capsula” a rilascio lento, al fine di creare un vaccino ad azione rapida in un’unica dose ma di lunga durata contro l’influenza A. La capsula che contiene la proteina è una vescicola della membrana esterna (OMV), che i ricercatori della Cornell Universityhanno studiato per diversi anni.

Nei test effettuati in laboratorio, i topi infetti da virus dell’influenza A hanno sviluppato un numero elevato di anticorpi solo quattro settimane dopo la vaccinazione, rispetto alle otto settimane richieste dai vaccini in commercio, mostrando una protezione di lunga durata: dopo sei mesi, tutti i topi esaminati a cui era stato dato il nuovo vaccino erano sopravvissuti a un’infezione letale di influenza A. Bisogna notare – aggiungono gli autori nell’articolo – che si tratta di una sopravvivenza molto lunga nel caso dei topi, fatto che rende i ricercatori ottimisti anche riguardo alla sperimentazione clinica. Inoltre, dal momento che il vaccino è incapsulato in una vescicola batterica, non c’è bisogno di un adiuvante, un agente che viene aggiunto alla maggior parte dei vaccini per aumentare la risposta immunitaria dell’organismo.

Lavorare sulle proteine che non mutano però non è l’unica strada percorribile per la messa a punto di un vaccino “universale”. “Sebbene la maggior parte delle proteine muti – continua Lopalco – vi sono infatti delle parti nella struttura di queste proteine che in realtà non si modificano, e proprio queste sono al centro di nuove ricerche.” Una di queste proteine è l’emoagglutinina, che appunto evolve nel complesso, ma non in tutte le sue parti. “Si tratta di ricerche ancora in uno stadio meno sviluppato rispetto a quelle relative alla proteina M2, ma ugualmente interessanti”.

L’elemento cruciale, specie rispetto alla discussione pubblica sull’argomento, rimane il dibattito sulla necessità o meno di vaccinarsi contro l’influenza.
“Sono 3 gli aspetti per i quali la vaccinazione anti-influenzale è importante, soprattutto per le persone anziane”, conclude Lopalco. “Il primo è l’impatto che l’influenza ha ogni anno in termini economici, dal momento che circa il 10% della popolazione italiana ogni inverno viene colpita dal virus. Vi è poi l’aspetto clinico sulle persone più vulnerabili. Ogni anno infatti assistiamo a un picco di mortalità fra la popolazione anziana in multicronicità, proprio dovuto all’abbattersi dell’influenza stagionale. Infine, ma importantissimo, il problema dell’antibiotico-resistenza, che come sappiamo costituisce oggi un problema importante per la sanità pubblica. Non dimentichiamo che vaccinandosi si riduce anche il rischio di complicanze dovute all’influenza, come polmoniti batteriche, che appunto richiedono un massiccio uso di antibiotici.”

@CristinaDaRold

Questo articolo è stato pubblicato qui

Commenti all'articolo

  • Di Truman Burbank (---.---.---.242) 16 ottobre 14:32
    Truman Burbank

    Ogni anno, in autunno, riparte la campagna pubblicitaria per vendere vaccini per l’influenza. I trafficanti di vaccini sanno bene che i soldi investiti per fare pubblicità ai vaccini sono ben investiti, utilizzando il servilismo dei giornalisti, ben inseriti nel sistema commerciale, il ritorno delle tangenti pagate è garantito. Stupisce un po’ trovare gli stessi argomenti in un sito di libero giornalismo.

    Un vaccino dovrebbe essere preso dopo aver valutato il rapporto tra i benefici ed i rischi. Vale la pena di riportare dal foglio illustrativo qualcuno dei possibili effetti di un vaccino (Fluarix™):

    ...i seguenti effetti indesiderati si sono verificati occasionalmente durante l’uso di Fluarix™(vaccino antinfluenzale trivalente):

    · Reazioni allergiche che hanno comportato:

    - in rari casi si e fatto ricorso al soccorso medico per un’insufficienza del sistema circolatorio a mantenere un adeguato flusso sanguigno nei diversi organi (shock);

    - in casi molto rari gonfiore molto evidente alla testa e al collo, inclusi il viso, le labbra, la lingua, la gola o qualsiasi altra parte del corpo (angioedema).

    · reazioni cutanee che possono diffondersi in tutto il corpo inclusi prurito (prurito, orticaria), e rossore (eritema) della pelle

    · disturbi neurologici che possono provocare torcicollo, confusione, intorpidimento, dolore e debolezza degli arti, perdita di equilibrio, perdita di riflessi, paralisi di una parte o di tutto il corpo (encefalomielite, neurite, sindrome di Guillain-Barre)

    · gonfiore temporaneo delle ghiandole del collo, delle ascelle o dell’inguine(linfoadenopatia transitoria)

    · sintomi simil-influenzali, sensazione generale di malessere (malessere)

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità