• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Cultura > In inglese è più fico

In inglese è più fico

Annamaria Testa, docente di comunicazione all’Università Bocconi di Milano e autrice di numerosi libri sul tema, ha avuto un’idea geniale. Forse non ne poteva più, e avendo deciso che le cose si fanno o si sopportano, inghiottendole come rospi tutti i santi giorni, finalmente è sbottata e ha scritto una petizione Change.org indirizzata nientedimeno che all’Accademia della Crusca, al suo consiglio direttivo e al suo presidente, Claudio Marazzini.

Qual è lo scopo della sua missiva? Fare in modo che tutti questi signori, che rappresentano il baluardo più antico della difesa della nostra lingua nazionale, intervengano presso il governo e le pubbliche amministrazioni, le grandi testate giornalistiche e le associazioni imprenditoriali, “per promuovere l’uso dei termini italiani in ogni occasione in cui farlo sia sensato, semplice e naturale”. La richiesta sembra banale e, forse, raggiunge gli italiani con un po’ di ritardo da quando lungo il corso del secolo passato, e persino dell’Ottocento, i barbarismi cominciarono a invadere la nostra lingua, oggi la quarta studiata nel mondo per la sua musicalità e bellezza, deviandone la natura più autentica, quella di comunicare al popolo. E qui la questione si complica perché se la lingua viene usata in modo indifferente, ricorrendo ad altre lingue per spiegarsi meglio, è assai probabile che essa si allontani dalla comprensione della gente comune e del popolo e diventi un gergo burocratico, estraneo a chi vive la sua vita quotidiana. E’ questione di tempi e di funzioni nella gestione delle proprie qualità (o limiti) comunicative. Tra lingua e democrazia vi è, dunque, un nesso inscindibile.

Perché allora è nodale la questione sollevata dalla Testa? Perché le parole hanno un senso e quando cadono in disuso il problema non è quello di cancellarle, ma di inventarne altre nuove. Quelle che il popolo, che non si pone tanti problemi, tranne quelli della sua sopravvivenza, riesce ad elaborare per meglio esprimere i suoi bisogni.

Naturalmente c’è una responsabilità collettiva in questa operazione e il compito spetta a tutti, ma soprattutto a chi ci governa, alle classi dirigenti e a quanti occupano posti di responsabilità nei loro uffici. Anche questo denoterebbe il livello di democrazia del nostro Paese, dove tutto sembra decadere verso il basso e l’esterofilia è diventata la prova della nostra difficoltà a identificarci. Ad aggravare il quadro c’è da aggiungere che la torsione della nostra lingua verso altre lingue, soprattutto l’inglese, denota un vuoto culturale che forse gli italiani non avevano mai raggiunto. Perché, in genere, i nostri connazionali, lungi dall’essere bilingui, parlano a stento la loro lingua madre, commettono errori a non finire persino quando utilizzano i sistemi di comunicazione di massa, e surrogano i loro complessi di inferiorità e i loro sensi di colpa, con l’introduzione di termini importati, spesso confusi e privi di senso.

La lingua italiana non è limitata nelle sue possibilità espressive, non le manca proprio nulla per essere se stessa e capace di esprimere il mondo, come è dimostrato dai tempi di Dante Alighieri ai nostri giorni. E’ un Paese purtroppo in mano a gente incapace, diciamo pure che si dà arie, che ricorre troppo spesso a fiori di plastica da mettere all’occhiello. Sono convinto che sul tema non si possa intervenire con delle norme, ma mediante un’azione costante di informazione e di supporto all’uso vivo della nostra lingua. A cominciare dalle Scuole.

Il che non significa che in vari campi della comunicazione (ad esempio quello informatico), quando è proprio necessario, non si possano usare termini di altre lingue non facilmente sostituibili. Dovrebbe essere vietato sempre, invece, per l’uso di parole che hanno un corrispettivo in italiano. Come ad esempio Jobs act che si potrebbe definire come riforma del lavoro, o revisione dei diritti di impiego, e via dicendo. Ma penso anche a termini, molto in voga nei social network, come ribloggare che potrebbe meglio essere espresso come riproporre, o altro, o partner che è un termine sicuramente meno carico di significato e di valori di compagno, socio. E via dicendo. In definitiva sostituire il nostro lessico con altro, a me pare, non so a voi, un atto di autolesionismo nazionale.

Questo articolo è stato pubblicato qui

Commenti all'articolo

  • Di (---.---.---.64) 24 febbraio 2015 10:24

    Anche a me usare l’inglese a sproposito pare autolesionismo inutile, anche perché l’inglese è una delle lingue più brutte e povere del mondo. Basta leggere un libro tradotto dall’inglese e confrontarlo con uno tradotto da un’altra lingua (che so, tedesco, francese...) per capire che l’inglese è una lingua inferiore e barbara; naturalmente non è il caso di paragonare un libro tradotto dall’inglese con uno originale italiano - neanche impegnandosi a fondo si raggiunge la stupidità dell’inglese.

    Quindi ben vengano termini puramente tecnici (da usare sempre al singolare), e via tutti gli altri: i nostri sono più belli, più precisi, e suonano meglio. 

  • Di (---.---.---.96) 24 febbraio 2015 19:34

    Prima parola: democrazia >


    Non è compito del Premier alterare, a colpi di maggioranza, gli equilibri istituzionali ed i rapporti sociali costituiti. Così come aggiornare la macchina dello Stato non equivale a cambiare i valori ed i principi della comune convivenza.


    C’è di più.

    RENZI ribadisce che in democrazia l’ultima decisione spetta alla maggioranza.

    Non ricorda (?) che l’attuale maggioranza è il frutto di un “premio” dato da una legge dichiarata incostituzionale.

    Non ricorda (?) neppure che non è nelle disponibilità del Premier il ricorso a qualsiasi tipo di referendum.


    Non ultimo.

    Sono i contenuti a segnare lo”spirito” dell’azioni/scelte di un leader. E’ già successo che solo dopo si scopra che certi problemi si sono “aggravati”.

    Per certo, riformare per modernizzare il paese non è ritornare a regole ante “sessantotto”.

    Governare in democrazia non è nutrire il Consenso Surrogato di chi è sensibile alla fascinazione mediatica …

  • Di (---.---.---.242) 24 febbraio 2015 22:10

    Per esempio perché usare il termine to share o "sharare", molto meglio il termine condividere.

  • Di (---.---.---.228) 25 febbraio 2015 15:25

    Non è solo autolesionismo nazionale, a volte è vendere fuffa.
    Job act suona sufficientemente tecnico, moderno e criptico da far pensare a qualcosa che sia un po’ più di una semplice riforma del lavoro. E’ marketing linguistico, anzi propaganda lessicale.

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità