• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Religione > Il pastore A. e il peccato originale

Il pastore A. e il peccato originale

Il pastore A. della Chiesa Apostolica della mia città ha avuto la buona idea di organizzare con la comunità islamica un incontro-dibattito su un tema apparentemente desueto: il “peccato originale”.

E un gentile signore, tal M. S., di professione cardiologo, accompagnato dalla professoressa S., foulardata come da copione, ha presentato l’opinione dell’Islam sul tema in oggetto, parlando con estrema proprietà di linguaggio in un italiano forbito ed elegante.

Ed elegantemente ci ha informati che per l’Islam non esiste affatto il concetto, così fondamentale invece per il cristianesimo, di una colpa originaria connaturata alla realtà umana; come ha aggiunto poi, ogni uomo è responsabile per le proprie colpe e deve cercare la propria realizzazione senza pensare di accusare qualcuno venuto prima di lui.

In effetti, mentre i cristiani corrono a battezzare i propri infanti (cioè a purificarli/ripulirli dalla colpa originaria) ebrei e musulmani si limitano a circoncidere i loro (vale a dire a “castrarli” simbolicamente), il che non significa purificarli (e se anche lo fosse riguarderebbe solo i maschietti, ovviamente). Evidentemente non pensano che ci sia qualcosa da ripulire in un neonato.

La cosa curiosa è che nel Vecchio Testamento dopo la caduta di Adamo e l’odioso assassinio di Abele (che in fondo era un po’ antipatico) Dio ne aveva gli zibidei pieni di tutta quest’umanità corrotta e peccatrice e decise di fare piazza pulita con un diluvio dalle proporzioni notoriamente universali. Si salvarono solo Noè e famiglia, che Dio stesso ritenne brava gente, evidentemente.

Il pensiero che i bimbi ebrei siano esenti dal peccato (come recita anche un brano talmudico) sembra essere coerente quindi con l’idea che l’umanità derivi dal Noè “salvato” e non dall’Adamo “punito”; perfino l’Islam è più coerente con la Bibbia di quanto non lo sia il Cristianesimo stesso che ha proposto il dogma del peccato originale fregandosene altamente della decisione divina di rifondare l’umanità su un sant’uomo, puro e incorrotto. Quando si dice l’arroganza !

La questione però si complica parecchio quando si approfondisce un po’ il punto di vista cristiano, quando dichiara a chiare lettere che il peccato originale causa la “morte dell’anima”. Se ci pensate un attimo dovete convenire che l’anima è, per definizione, tassativamente immortale e quindi “morte dell’anima” forse può non significare proprio morte; direi che vuol dire malattia grave, incurabile. E anima definisce anche l’aspetto spirituale, psichico dell’uomo, nella cultura cristiana.

In conclusione abbiamo una religione, quella prevalente nel nostro occidente civilizzato, che afferma una cosa così: l’uomo – nel momento in cui nasce – è un malato di mente incurabile. Proprio uno psicotico irrecuperabile.

Carini. E la chiamano religione dell’amore. Come questa malattia incurabile possa poi essere cancellata da un po’ d’acqua sulla testa, rimane un mistero (della fede, appunto).

Ma qui si esce - con questa definizione di pazzia congenita intendo - dall’ambito strettamente religioso e si entra a pie' pari sul piano antropologico perché, come ricorda spesso Massimo Fagioli nella sua rubrica settimanale su left, c’è un’ampia concordanza tra questa bislacca idea del primo cristianesimo con letteratura, filosofia, psicanalisi dell’Occidente. Insomma tutta la nostra cultura in genere è impregnata dalla convinzione che l’uomo nasca malato di mente e trattenuto dal compiere in continuazione orribili misfatti solo da quel super-io incapsulante e ossessivo che ci toglie il respiro e la gioia di vivere. Anche gli atei quindi, ne sono coinvolti loro malgrado (credevate di esservi salvati dal pensiero religioso solo fregandovene, vero ? No, non basta).

Insomma la cultura de noantri è convinta di aver scoperto la più profonda, abissale, verità umana quando, in realtà, ha scoperto solo quello che - prima - ci aveva messo.

Tutto questo perché a Paolo di Tarso serviva “l’uomo caduto” per sostenere l’idea della morte e resurrezione dell’uomo “nuovo”: il Redentore. Senza caduta inutile parlare di redenzione, chi gli avrebbe dato retta ? Redenzione da che ? gli avrebbero (giustamente) obiettato.

Buttate via il dogma del peccato originale e crollerà d’incanto tutta la costruzione teorica del cristianesimo che sta lì, da duemila anni, appoggiato con la punta di un piede solo, su questo mattoncino culturale delirante. Fagioli con la sua teoria della nascita, che afferma invece proprio il contrario di una origine ‘malata’, ha cominciato da tempo a dare colpetti su quel mattoncino.

Si attende crollo, con infinita speranza e senza rimpianti. Assolutamente senza rimpianti.

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares