• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Home page > Tempo Libero > Fame&Tulipani > Il caffè a colazione fa perdere peso?

Il caffè a colazione fa perdere peso?

Gli integratori di caffeina vengono spesso presentati come degli stimolanti naturali che possono aiutare a perdere peso ma è veramente così?

 

di Francesca Camilli

Secondo uno studio pubblicato sulla rivista Journal of the Academy of Nutrition and Dietetics le proprietà dimagranti di questa molecola restano da confermare. Infatti, i ricercatori hanno scoperto che i partecipanti che hanno assunto una piccola quantità di caffeina hanno consumato meno cibo, ma l’effetto non si è mantenuto per tutto il giorno e non ha avuto nessun impatto sulla sensazione di fame.

Sulle proprietà di questa molecola e le conseguenze sulla perdita di peso sono state fatte tante ipotesi: secondo alcuni ricercatori, l’effetto sarebbe legato alle sue proprietà termogeniche, ovvero alla capacità di stimolare la produzione di calore da parte del tessuto adiposo e l’ossidazione dei grassi. Un’altra spiegazione è che la caffeina possa coinvolgere i meccanismi cerebrali che limitano l’appetito. Alcune evidenze epidemiologiche, inoltre, hanno suggerito che i consumatori di caffè abbiano un indice di massa corporea (BMI) inferiore. Lo studio, guidato da Leah M. Panek-Shirley della State University of New York at Buffalo, è nato quindi con lo scopo di confermare o smentire gli effetti della caffeina sull’appetito e la possibile relazione con il BMI.

All’indagine hanno partecipato 50 adulti sani, che per un mese si sono recati una volta a settimana presso i laboratori della SUNY University dove hanno consumato la propria colazione. Il pasto iniziava con un succo di frutta al quale era stata aggiunta una quantità di caffeina pari a quella contenuta in quattro once di caffè (1 mg/kg di peso corporeo), otto once di caffè (3 mg/kg peso di corporeo) oppure un placebo. La dose è stata scelta in base al consumo medio di un Americano adulto, che corrisponde a circa 150-250 mg al giorno. Trenta minuti dopo, nel momento in cui la caffeina svolge al massimo le sue funzioni, i partecipanti potevano attingere a un abbondante buffet di 8.000 calorie e mangiare tanto cibo quanto ne desideravano. Dovevano poi registrare tutti gli alimenti consumati nel corso della giornata e, una volta ogni ora, dovevano compilare un questionario online e specificare se in quel momento si sentivano sazi o avevano fame.

I risultati dell’indagine hanno evidenziato che i partecipanti che avevano assunto 1 mg/kg di caffeina avevano consumato una quantità inferiore di calorie (circa il 10% in meno rispetto al totale). Questo effetto, però, non durava a lungo: l’apporto ridotto di calorie veniva compensato nei pasti successivi. Inoltre, non è stata osservata nessuna correlazione tra dosi di caffeina e livello di appetito e nessun rapporto tra l’indice di massa corporea e il consumo di cibo.

Le conclusioni dello studio – spiega Carol DeNysschen, una delle ricercatrici che ha partecipato al lavoro – sottolineano l’importanza di mantenere delle sane abitudini alimentari e di non affidarsi ad aiuti o pratiche non sicure per perdere peso. Secondo l’EFSA, l’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare, la quantità massima di caffeina che può essere consumata da un adulto sano senza correre rischi è pari a 400 mg al giorno (circa 5,7 mg/kg peso corporeo): un espresso ne contiene circa 80 mg, una tazza di tè 50 mg, una lattina di Coca-Cola poco meno di 40 mg.

Segui Giulia Rocco e Francesca Camilli su Twitter

Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità