• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Economia > Energiro, un altro Giro d’Italia per favorire la transizione energetica con (...)

Energiro, un altro Giro d’Italia per favorire la transizione energetica con “ènostra”

JPEG - 579.6 Kb
Davide Sabbadin, Energiro énostra
ASD Ciclistica Fratelli Petito, Civitavecchia 11 maggio 2018

CIVITAVECCHIA – Meno tappe del Giro nazionale con arrivo nella capitale il 12 maggio, partnership di Banca Etica, Greenpeace e Retenergie e un podio e una maglia rosa già conquistata da Davide Sabbadin, protagonista indiscusso di questo originale tour partito il 2 maggio da Padova.

E se la bicicletta e la fatica sono elementi comuni con il Giro, l’energiro ne condivide anche l’idea pragmatica di mezzo di trasporto a emissioni zero che è esattamente il modello intorno al quale dieci anni fa si è sviluppato, dal basso e senza costosi investimenti, un sistema di produzione “carbon free” promosso dalla cooperativa Retenergie. Dal Piemonte quel modello di produzione distribuita di energia rinnovabile da fornire ai propri soci insieme a servizi di riqualificazione energetica ha interessato molte aree del nostro Paese. 

Mancava un tassello importante che assicurasse il coinvolgimento diretto dei cittadini nella produzione e nel consumo di energia, ènostra, cooperativa senza fini di lucro nata quattro anni fa con il Progetto UE RESCoop 20-20-20 promosso dalla Commissione Europea, ha risposto a questa esigenza.

Oggi a poco più di tre anni dalla campagna “Fuori il carbone dalla nostra bolletta”, presentata nel 2015 anche a Civitavecchia, a ricordare che di energia rinnovabile, da solare ed eolico e non da bufale nazionali come biomasse o biogas, se ne può produrre senza compromessi con la salute delle persone e del pianeta, è arrivato in bicicletta da Padova Davide Sabbadin della cooperativa “ènostra”.

 

JPEG - 775.4 Kb
da sinistra Davide Sabbadin, Gian Pio Viti

Il viaggio di Davide è forse un po’ una scommessa ma con tante possibilità di successo perché in fin dei conti – per citare Richard Buckminster Fuller - se vuoi un mondo migliore devi costruire “un modello nuovo che renda quello attuale obsoleto” e quindi se vuoi spiazzare il fossile devi produrre energia pulita, altre strade non ci sono, o meglio, come spiega Davide c’è sempre il risparmio di energia e il miglioramento continuo dell’efficienza energetica.

Tutto razionale e, come tutto ciò che è razionale, non semplice da spiegare ma a Davide non mancano gli argomenti, a cominciare dai numeri: i soci sono passati da 300 a oltre 2200 e sono in costante crescita. Per acquistare energia pulita bisogna essere soci ma bastano appena due quote da 25 euro e si è sicuri che, con la fine del servizio di maggior tutela, il prezzo rimarrà molto competitivo rispetto ai big player del settore, proprio perché non si cercano utili o quotazioni in borsa ma solo un pareggio di bilancio, con un’attenzione particolare ai costi di gestione che anche il progetto di fusione con Retenergie contribuirà a ottenere.

Nell’incontro con Sabbadin presso l’ASD Ciclistica Fratelli Petito, non è passato in secondo piano che Civitavecchia conserva il poco invidiabile privilegio di avere sul proprio territorio la centrale a carbone Enel di Torrevaldaliga Nord, un fatto che ha a che fare direttamente con la salute. A farsene portavoce, il dottor Gian Pio Viti, un medico che a quanti abbiano ancora qualche dubbio sugli effetti del carbone, ha confermato quanto da anni emerso circa la pericolosità dell’enorme quantità di particolato ultrafine immesso in atmosfera dalla ciminiera di TVN , provata dalle ricerche condotte ormai da anni dal DEP, il Dipartimento di epidemiologia della Regione Lazio. Insomma se l’energia serve a tutti è altrettanto vero che solo quella pulita offre vantaggi reali anche a chi vive dove il carbone pare resistere nonostante qualsiasi prova.

Conclusione di energiro a Roma il 12 maggio con la decima tappa ma la sfida prosegue e potrà essere vinta se i cittadini decideranno qual è la scala di valori a cui impronteranno la propria vita.

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità