• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Cultura > Emilia Romagna: chiude il Teatro San Martino di Bologna. A Forlì una nuova (...)

Emilia Romagna: chiude il Teatro San Martino di Bologna. A Forlì una nuova compagnia

 

Compagnie teatrali che vengono, compagnie teatrali che vanno. Il 26 aprile 2011, nel giorno dell’elezione del Consiglio di Amministrazione della fondazione Emilia Romagna Teatro, con il nuovo presidente Daniele Gualdi, riusciamo a raggiungere al telefono Roberto Latini, fondatore-regista-attore della compagnia teatrale Libero Fortebraccio Teatro, che dal 2007 si era preso in carico la gestione del Teatro San Martino, nel centro storico di Bologna.
 
“In questi anni da noi sono passate quasi tutte le più importanti compagnie italiane, e con il progetto Maestri avevamo chiamato in città nomi come Luca RonconiPeter Stein, Giorgio Barberio Corsetti, Chiara Guidi, o attori come Maddalena Crippa e Mario Scaccia. Abbiamo programmato stagioni con Ascanio Celestini o con la presenza di Emma Dante” ormai più famosa all’estero che da noi. Nemo profeta in patria, vale soprattutto nell’ambito teatrale.
 
Ora il Teatro San Martino chiude. Lo farà ufficialmente comunicandolo alla conferenza stampa di venerdì 27 aprile 2012. “Il Teatro San Martino è una struttura privata, della Curia, e il grosso delle spese era per l’affitto e per le utenze. A fronte di questo impegno economico abbiamo ricevuto al massimo come contributo 18.000 euro, quando per mandare avanti una struttura del genere, fra spese e produzioni, ce ne vorrebbero almeno 100.000".

Ci hanno provato in molti a gestire il San Martino, ma secondo Latini c’è sempre stata la sordità dell’amministrazione cittadina. “Il nostro è un teatro di produzione e abbiamo da sempre svolto un servizio cittadino evidentemente non riconosciuto”. E non stiamo parlando di una filodrammatica, ma di una delle realtà più interessanti del panorama italiano. Stiamo per perdervi? “Per ora rimarremo a Bologna, anche se la chiusura ufficiale del Teatro è prevista per il primo maggio. E poi da compagnia residente torneremo al nomadismo delle tournée” dove la compagnia è stata ospite dei principali festival e teatri.

 
A dare retta al nuovo direttore di ERT Daniele Gualdi i teatri a rischio dovrebbero seguire l’esempio del Teatro Valleoccupazione dello spazio, presa di responsabilità dell’amministrazione pubblica nel coprire le spese di gestione e una seria capacità di impresa da parte della compagnia. Perché per ogni teatro che chiude la città si impoverisce di una azienda, lo dice lo studio regionale sulle attività creative stilato dall’ERVET per la Regione Emilia-RomagnaMa non fa lo stesso rumore di una realtà manifatturiera.
 
Ma per una compagnia che rischia di andarsene dalla Regione un’altra decide di aprire la propria sede legale a Forlì. Si tratta della “Compagnia Mobile Stabile” del regista Antonio Latella. “Nasce come compagnia stabile legata alla direzione del Teatro Nuovo di Napoli” ci racconta il co-fondatore Michele Mele “che raggruppa attori e maestranze stipendiate e chiama di volta in volta registi diversi per seguire un progetto dedicato al tema del fondamentalismoUna rosa di sei registi per un totale di diciannove produzioni“.
 
Poi ad aprile il progetto termina e il Teatro Nuovo non rinnova la formula del gruppo fisso. Uno dei drammaturghi della compagnia, Federico Bellinisuggerisce di trasferire il progetto in Emilia Romagna, dove grazie alla legge 13 il finanziamento e gli aspetti burocratici sono decisamente migliori rispetto al resto dell’Italia. “Inoltre ci ritroviamo circondati dal meglio delle compagnie italiane che abbiano un riscontro anche all’estero“.
 
E adesso Antonio Latella sarà uno dei protagonisti di VIE Scena Contemporanea Festival al teatro Herberia di Rubiera addirittura con una maratona di 5 spettacoli liberamente ispirati da “Via col Vento” intitolati FRANCAMENTE ME NE INFISCHIO, con i loro capitoli Twins, Atlanta, Black, Match, TaraDalle 15 e 30 fino alla 23 e 30 del 2 giugno. Un modo maestoso per dare inizio alla propria nuova “residenza legale” emiliano-romagnola.

 
Questo articolo è stato pubblicato qui

Commenti all'articolo

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares