• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Economia > "Effetto butterfly" e nuovi mondi

"Effetto butterfly" e nuovi mondi

La crisi finanziaria che sta attanagliando l’Occidente dovrebbe farci riflettere.
Lo tsunami dei mutui subprime che ha spazzato via istituti di credito e assicurativi negli Stati Uniti sta arrivando anche da noi.
Nel mondo globalizzato non ci sono più frontiere. E nell’universo della finanza ancora meno.
E’ la vecchia teoria del battito di farfalla, il famoso "effetto butterfly".
Nonostante le rassicurazioni dei politici nazionali ed europei, e delle banche di casa nostra, c’è poco da stare tranquilli.
Per anni abbiamo vissuto in un sistema in cui la crescita era il solo ed unico paradigma. Ma non può esserci crescita infinita in un pianeta a risorse limitate.
E poi la grande libertà concessa alla finanza, senza alcun controllo su prodotti-spazzatura che non avevano alcuna àncora con il mondo reale, ha portato al punto di non ritorno in cui siamo oggi.
Il problema è che adesso chi ha generato l’uragano dovrebbe esserne travolto.
Ma non succederà.

I manager che per anni hanni incassato stock options milionarie dovrebbero finire in galera.
I responsabili degli istituti bancari che, ad ogni livello, hanno venduto prodotti ad alto tasso di rischio a ignari clienti - gente che magari aveva raggranellato un piccolo gruzzoletto dopo una vita di lavoro e sacrifici - dovrebbero restituire il maltolto. O in alternativa scontare una lunga pena detentiva.
Invece a cosa assistiamo? A liberisti della prima ora (da Berlusconi a Tremonti in Italia, passando per i loro corrispettivi europei) pronti a salvare le banche con i nostri soldi.
Lo stesso scenario di Alitalia: socializzano le perdite e privatizzano i profitti.
Bisognerebbe invece lasciare gli istituti al loro destino: se sono così solidi come dicono la sfangheranno.
Altrimenti faranno la fine di Lehman Brothers negli Stati Uniti.
I soldi piuttosto dovrebbero servire ad aiutare i piccoli investitori, incauti o truffati dalle banche.
Ma chi ha il potere per farlo?
E chi da voce ai cittadini?

Ci sarebbe bisogno di una visione strategica sul nostro futuro, di una idea di società diversa: basata sul lavoro, sui diritti, sulla condivisione e sulla solidarietà.
Quello che era una volta l’ideale della Sinistra.
Ma quale sinistra?
Quella oggi all’opposizione che, invece di tutelare i diritti dei lavoratori e tenere sotto controllo il costo della vita, pensava a scalare istituti bancari?
Oppure l’altra, quella rimasta fuori dal Parlamento, che invece di unirsi è più divisa che mai in tre ridicoli partitini all’1,5% dei consensi?
 
Mala tempora currunt.

Intanto noi cittadini senza strumenti e ormai privi di interlocutori potremmo provare ad iniziare una rivoluzione silenziosa dal basso.
Cambiando gli stili di vita. Consumando meno. Riciclando. Aggiustando le cose invece di buttarle. Resistendo alle sirene del nuovo a tutti i costi.
Ritrovando antiche forme di socialità e convivialità.
Rifiutando la massificazione delle nostre vite.
Come dicono gli inglesi "Every cloud has a silver lining", ogni avversità ha un aspetto positivo: forse dovremmo imparare da questa crisi a vivere in maniera diversa, più austera e forse più felice.
E a pensare a un mondo radicalmente diverso...

Commenti all'articolo

  • Di Paolo Praolini (---.---.---.173) 7 ottobre 2008 20:25
    Paolo Praolini

    Sono daccordo completamente.
    Qualcosa dobbiamo cominciare a cambiarlo.

  • Di Damiano Mazzotti (---.---.---.247) 7 ottobre 2008 22:12

    Purtroppo le cose si stanno mettendo davvero male e gli Stati Uniti rischiano di arrivare alla guerra civile... Nel 2009 si avrà un caos mondiale senza precedenti... L’unica cosa positiva sarà quella di eliminare un bel po’ di vecchi dai centri di potere che con la scusa di garantire le pensioni integrative stanno truffando i cittadini e derubando le generazioni future fino l 2050.... Questi geni della finanza hanno capito che scaricando i debiti nel tempo potevano fare milioni di dollari ed euro a spese di chi non è ancora nato...

  • Di km5000 (---.---.---.133) 8 ottobre 2008 08:17

    Appena riesco mi iscrivo a un gruppo di acquisto solidale di cui nella mia zona ho già preso informazioni per sostenere i coltivatori locali e mangiare senza pesticidi. Naturalmente bisogna stare attenti alle mele marce ed essere disposti a "perdere" un po di tempo.
    Potrebbe essre un buon inizio

    saluti

  • Di Dana (---.---.---.112) 8 ottobre 2008 08:35

    concordo pienamente, bell’articolo.
    Non ci possiamo proprio aspettare niente da chi ci ha condotto fin qui, loro rischiano il fallimento adesso?
    La gente comune, i precari, i pensionati da quanto tempo ormai recuperano frutta buttata via ai mercati e vanno a mangiare alla mensa della caritas? Da quanto è stato pignorato loro tutto per insolvenza?
    Le banche hanno forse socializzato le loro "perdite"? I politici spendono solo parole al vento, ci tengono solo a rassicurare la gente perché hanno una fifa blu che i poveracci ritirino i soldi dai c/c prima che spariscano.
    Quel fondo di garanzia è una bufala, non hanno liquidità a sufficenza per garantire un bel nulla, questo è successo perché si è autorizzato le banche a generare denaro dal nulla, senza contropartita, grazie alla riserva frazionaria hanno potuto creare 5 volte il denaro che hanno in deposito.

    Segnalo un altro articolo che fornisce ancora uno scorcio di vita della gente comune..
    http://ilcorrosivo.blogspot.com/200...

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares